Politica

Chi combatte chi, in medio oriente, e da noi.

09 Giugno 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Chi contro chiAl di là delle cavolate che ci arrivano dai media di regime, siano essi tv o giornali, le notizie degli ultimi giorni possono rendere finalmente chiaro anche ai meno informati quale sia la realtà del problema ISIS.

Basta infatti esaminare gli schieramenti, ovvero le forze militari in campo, e le alleanze, per vedere come l'occidente, pressochè unito, appoggi senza riserve i sanguinari filo-wahabiti, mentre il mondo islamico "normale", quello meno legato al blocco occidentale, sta combattendo disperatamente ed in maniera compatta contro l'ISIS.

Chi combatte chi, in medio oriente, e da noi. - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Il Sistema. Licio Gelli, Giulio Andreotti e i rapporti tra Mafia Politica e Massoneria

08 Giugno 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Andreotti Sistema"Vogliono far fuori me o il sistema?". (1)

È questa la domanda che pone Giulio Andreotti quando, negli anni '90, lanciato verso la presidenza della Repubblica, parte un attacco feroce nei suoi confronti.

A dare il via all'"operazione" è il "pentito" (e, a quanto risulta, collaboratore della CIA sin dal 1966) Tommaso Buscetta che, rientrato in Italia dagli Stati Uniti, parla per la prima volta delle collusioni tra mafia e politica e inizia a delineare le responsabilità di Andreotti.

Il Sistema. Licio Gelli, Giulio Andreotti e i rapporti tra Mafia Politica e Massoneria - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Una buona notizia a metà

04 Giugno 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

Freedom actC'è stato un terremoto o l'ennesima farsa al Congresso americano domenica scorsa?

Mentre la saga del Patriot Act vs Freedom Act prosegue – e i media italiani 'lanciano' titoli ad effetto - vediamo di capirci qualcosa di più.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Una buona notizia a metà - 1.0 out of 5 based on 1 vote

Regionali 2015 - Venghino, Siori: Altro giro, altra corsa!

01 Giugno 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Regionali2015

E pure quest'altra farsa delle regionali 2015, ce la siamo levata di mezzo. Cosa è cambiato? Nulla. Si registra il calo fisiologico di Renzi (che se lo aspettava, e da giorni ripete urbi et orbi "questo non è un test per il governo"), qualche guerretta interna al PD (sai che novità?) con i frondisti che fanno quello che possono, facendo trombare la candidata PD in Liguria, l'elezione in Campania di uno che l'antimafia ha dichiarato "impresentabile"; Salvini che si fa bello per un 12% che francamente, con tutta la macchina mediatica che gli hanno messo a disposizione, fa ridere i polli (è ovunque, avete notato? Solo Renzi è più ovunque di lui), ma che comunque gli dà una sorta di leadership della finta destra, e un gestibile 18% ai 5 stelle, che hanno fatto da sparring partner in Puglia e nelle Marche, beccando però distacchi abissali. 

Tutto ampiamente nei parametri gente, state tranquilli, è tutto esattamente come prima. Ah, si registra l'ennesimo calo della percentuale dei votanti. Anche questo, però, rientra nei piani.

 

Regionali 2015 - Venghino, Siori: Altro giro, altra corsa! - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Don Dino, sesso con minori a Roma Termini: parroco e scrittore pedopornografico

25 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

dondinoLa domenica diceva messa nella parrocchia di Montecalvello, vicino Viterbo. Il resto della settimana, nel segreto di una stanza nella sua casa a Fiumicino, scriveva romanzi pedopornografici. Lui è padre Placido Greco, ma tutti lo conoscono col nome di Don Dino: è lui il parroco di 68 anni arrestato giovedì sera nell'ambito dell'inchiesta sul giro di prostituzione minorile alla stazione Termini di Roma. Ragazzini di 13 e 17 anni che si vendevano per una manciata di euro tra i binari, con orchi tra i 35 e gli 80 anni.

Don Dino, sesso con minori a Roma Termini: parroco e scrittore pedopornografico - 4.0 out of 5 based on 1 vote

LA CONQUISTA DELLA SPLENDIDA PALMIRA: UN ATTACCO ALLA NOSTRA ANIMA, MA NOI…

22 Maggio 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

palmira11

L’ISIS, dopo una cruenta battaglia con i governativi, ha conquistato Palmira. La bellissima oasi nel deserto siriano nota come la “Venezia di Sabbia”. Una ridente cittadina tra le palme verdissime, collegata ad uno dei siti archeologici più belli della Terra.

E ovviamente la tragica sceneggiata di questa conquista militare viene condita dalle notizie di centinaia di morti, di decapitazioni mostrate dai video, della fuga della popolazione disperata. E dalla cinica esultanza degli impresentabili, improbabili e torvi barbuti… dei nuovi barbari sanguinari alla conquista delle nostre terre “infedeli”.

Il tanto vituperato governo siriano di Assad ha portato via da Palmira tutti i reperti che erano trasportabili… Ma non ha potuto farlo con i bellissimi resti architettonici, che sono il tesoro fondamentale di quel sito.

E tutti i media oggi a piangere, a terrorizzare la gente, con un ISIS che controlla metà Siria e metà Iraq…. E si avvicina fatalmente alle capitali dei due stati.

Di Palmira ci parlò una sera a Londra con entusiasmo Federico Zeri, il grande critico d’arte scomparso, raccontando le meraviglie di quelle forme, di quelle vestigia dalle proporzioni mirabili, come di uno dei posti più belli del Mondo. E ci era rimasto il desiderio di andarla a vedere e a sentire...

 

LA CONQUISTA DELLA SPLENDIDA PALMIRA: UN ATTACCO ALLA NOSTRA ANIMA, MA NOI… - 4.4 out of 5 based on 9 votes

Sicuri che siamo in democrazia? L'italia e il Totalitarismo rovesciato - Parte terza - La Costituzione

18 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Solange Video3Non viviamo in democrazia, ma in un sistema che può essere definito "totalitarismo rovesciato". Solange Manfredi continua la sua analisi lucida ed approfondita. Un lavoro veramente notevole e fondamentale per chi voglia cominciare a comprendere più a fondo le dinamiche reali del potere. In questa terza parte, la giurista, autrice di numerosi saggi tra cui PSYOPS, e docente dell'accademia di politica di Coscienzeinrete, ci mostra come questa nuova forma di potere abbia abusato e cambiato la costituzione e perchè, cosa vuole raggiungere e, sopratutto, come poterla contrastare. Buona visione

Per vedere la prima parte (Spiegazione ed origini del concetto di Totalitrismo rovesciato), CLICCA QUI

Per vedere la seconda parte (Modelli economici), CLICCA QUI

Sicuri che siamo in democrazia? L'italia e il Totalitarismo rovesciato - Parte terza - La Costituzione - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Libertà e doppia morale

15 Maggio 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

doppia moraleLa good news è che ieri, a Washington, la Camera dei Rappresentanti ha respinto per la seconda volta – sulla scia dell'indignazione sollevata dalle rivelazioni di Edward Snowden - la raccolta dati 'a strascico' dei tabulati telefonici da parte della National Security Agency, votando in favore del Freedom Act con maggioranza schiacciante (338 contro 88).

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Libertà e doppia morale - 4.7 out of 5 based on 3 votes

RENZI HA RAGIONE: SULLA SCUOLA HA SBAGLIATO COMUNICAZIONE

14 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Renzi scuola"Forse abbiamo sbagliato. Abbiamo sbagliato qualcosa nella comunicazione".

E' la frase cruciale dei 17 minuti di monologo nel quale Renzi ha spiegato, senza quei rompicoglioni dei giornalisti a fare domande, cosa intende per #buonascuola.

Tradotto: l'80 per cento degli insegnanti e la gran parte degli studenti che protestano non hanno capito. Lui concede: "Colpa nostra". Ma pare d'intuire che pensi: "Mo' ve lo rispiego, ciuchi".

La riforma, parer mio, che non ho capito, ha due punti deboli su tutti. Apparentemente poco pratici, ma fondanti:
1) E' pensata contro qualcuno. E' uno spot pubblicitario contro quei fannulloni degli insegnanti.
2) Sparando contro gli insegnanti, ne rade al suolo la credibilità e disarticola quel minimo tessuto connettivo di impegno ed entusiasmo che ha supplito per troppi anni alla carenza di strutture e denari.

RENZI HA RAGIONE: SULLA SCUOLA HA SBAGLIATO COMUNICAZIONE - 3.8 out of 5 based on 5 votes

L'FBI ancora con le mani nel sacco

13 Maggio 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

keystoneDel Keystone XL in Italia se ne sa poco o nulla. Ma è comprensibile, dato che di gatte da pelare nel Belpaese ne abbiamo in sovrabbondanza e non ci servono quelle degli altri.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston, 12 Maggio 2015 - Beh, comunque il Keystone XL è il progetto di un oleodotto, lungo 1900 chilometri, per trasportare bitume dal Canada fino alle raffinerie in Texas dove viene trasformato in petrolio. Il progetto - che una volta ultimato è in grado di trasportare fino a 700 mila barili al giorno - ha trovato fin da subito una ferma opposizione da parte degli ambientalisti, anche se i repubblicani ne hanno fatto una bandiera di progresso e libertà.

L'FBI ancora con le mani nel sacco - 5.0 out of 5 based on 1 vote

La terra promessa

12 Maggio 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

Terra promessaIeri suona il campanello di casa un giovane messicano - qui in Texas quella che era la minoranza ispanica è diventata maggioranza - per una riparazione domestica.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston, 8 Maggio 2015 - Il giovane è sveglio e brillante.

Si capisce che ha voglia di parlare, sa che sono italiano, parliamo prima in inglese ma ogni tanto scivoliamo verso lo spagnolo.

Si avventura pericolosamente in qualche frase in italiano.

La terra promessa - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Sparatoria a Dallas: 3 strikes contro la ragione

04 Maggio 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

SIOA6Visto il clima disteso, cosa hanno pensato di fare i "signori" della "American Freedom Defence Initiative"? Una bella gara di vignette satiriche su Maometto con Geert Wilders come ospite d'onore. Geert Wilders è una specie di Salvini olandese, ma che assomiglia stranamente al "cattivo" di "Bersaglio Mobile", un film di 007 di trent'anni fa.

Si presentano due (probabilmente islamici) con le pistole e sparano ad una guardia.

La polizia li fa secchi subito, ed abbiamo dei bei titoloni che fanno il giro del mondo con l'ennesimo attacco islamico contro la libertà (la pagliacciata è stata voluta da un gruppo che si fa chiamare "Iniziativa di difesa della libertà americana"...). Ulteriore paura nei paesi occidentali. Strike one.

Non solo, i titoli sono accompagnati da foto di forze speciali steroidate che posano per le foto con aria truce ed armati davanti alle vignette su Maometto. Le foto fanno il giro del mondo insieme ai titoli, probabilmente provocando ulteriore rabbia in tutti i paesi islamici. Strike two.

SIOA7Le foto degli agenti speciali steroidati sono tutte di bianchi Big Jim che sembrano aver appena difeso la libertà americana dai cattivoni stranieri. Visti i disordini delle ultime settimane, dovuti alla reazione delle minoranze ai soprusi di poliziotti (bianchi), ecco confezionato un bel messaggio al pubblico "interno", che dice forte e chiaro: "beh si, questi ragazzi ogni tanto esagerano, ma in fondo sono sempre sul chi vive, e quando conta ci difendono dai veri cattivi". Strike three.

Siamo un po' troppo prevenuti? Vediamo complotti ovunque? Forse, ma forse no. Andiamo a vedere chi sono questi della "American Freedom Defense Initiative"? Ma si, dai, diamo un'occhiata, anche perchè abbiamo notato che tutti i giornali riportano questo nome altisonante e che richiama alti ideali, ma si sono ben guardati dal dirci chi sono veramente questi "signori". Una volta visto di chi si tratta, si capisce bene che questa, tra le psyop che ci propinano ormai quotidianamente, è veramente ridicola.
SIOA8

 

Sparatoria a Dallas: 3 strikes contro la ragione - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Riforma elettorale 2015 e Italicum: Intervista al prof. Alessandro Arienzo

30 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR ItalicumAlessandro Arienzo è professore associato di Storia delle Dottrine Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" e ha gentilmente risposto alle nostre domande circa la riforma elettorale "Italicum".

Ci spiega, in breve, cos'è la riforma elettorale Italicum e come funziona?
Con Italicum si intende la proposta di (ora è legge, NDR) riforma del sistema elettorale italiano, ossia una proposta di legge che norma le procedure per la elezione dei rappresentanti alla Camera dei Deputati. L'Italicum prevede innanzitutto una revisione dei collegi elettorali che passano dagli attuali 27 a 100. Questo non modifica il numero dei rappresentanti ma semplicemente rende più piccoli i bacini territoriali nei quali questi vengono eletti. L'Italicum prevede un meccanismo elettorale in due turni ed è fortemente maggioritario, ossia alla lista che raccoglie più voti è attribuito un premio di maggioranza.

Riforma elettorale 2015 e Italicum: Intervista al prof. Alessandro Arienzo - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Il significato della costituzione: il bellissimo discorso di Calamandrei

29 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Calamandrei1Discorso sulla Costituzione
Di Piero Calamandrei

Il discorso qui riprodotto fu pronunciato da Piero Calamandrei nel salone degli Affreschi della Società Umanitaria i26 gennaio 1955 in occasione dell'inaugurazione di un ciclo di sette conferenze sulla Costituzione italiana organizzato da un gruppo di studenti universitari e medi per illustrare in modo accessibile a tutti i principi morali e giuridici che stanno a fondamento della nostra vita associativa.

Il significato della costituzione: il bellissimo discorso di Calamandrei - 4.7 out of 5 based on 3 votes

Deriva autoritaria di Renzi in corso. Attendiamo ora le reazioni dei benpensanti, partigiani un giorno e fascisti il resto dell'anno

29 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR RenziduxIl ministro Boschi ha dato l'annuncio che solo Mussolini e il governo Tambroni (per la "legge truffa") avevano osato fare davanti al Parlamento: "A nome del governo pongo la questione di fiducia".

Deriva autoritaria di Renzi in corso. Attendiamo ora le reazioni dei benpensanti, partigiani un giorno e fascisti il resto dell'anno - 5.0 out of 5 based on 2 votes

25 Aprile – Viva la Liberazione Interiore !

24 Aprile 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

liberazioneI resistenti veri li hanno fatti fuori o sono morti: Moro, Dalla Chiesa, Pecorelli, Mattei, Pertini … e tanti altri.

I governi e le alte cariche sono da allora completamente nelle mani dei poteri di un vero e proprio Quarto Reich europeo falsamente democratico.

Ora questi burattini di poteri oscuri occupano i palchi ed i media per fare vomitevoli discorsi che abusano in modo strumentale ed ipocrita dei grandi temi della Libertà e dei valori della Resistenza.

Sepolcri imbiancati… c’è chi sa cosa veramente passa nel vostro cuore, ed un giorno vi presenterà l’amaro conto della vostra egoistica e profonda ignoranza civile e spirituale.

A noi non spetta presentarvi il conto, che è un fatto interiore legato alla evoluzione di noi tutti. Ma certamente a noi il dovere di difendere la Verità ed i valori di Libertà, Amore, Armonia Sociale, Rispetto della Dignità e della Evoluzione di tutti, Amore per Madre Terra e per tutte le sue Creature.

 

25 Aprile – Viva la Liberazione Interiore ! - 4.1 out of 5 based on 14 votes

Siria: «Se l’Arabia Saudita ci attacca la puniremo come merita»

24 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

BasharUn alterco tra il rappresentante della Siria e dell'Arabia Saudita, ha segnato la sessione speciale dell'Assemblea Generale, a New York, nella notte tra Martedì a Mercoledì.

«La Siria taglierà la mano dell'Arabia Saudita, se prova ad avvicinarsi», ha avvertito il rappresentante permanente della Siria all'ONU, Bashar al-Jaafari in risposta al suo omologo saudita, Abdullah al-Mouallemi che aveva appena proposto l'invio di forze comuni arabe-islamiche per "aiutare le aspirazioni dei siriani" - ovvero per dar man forte ai terroristi e all'IS.

Siria: «Se l’Arabia Saudita ci attacca la puniremo come merita» - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Numeri drammatici, praticamente simili a quelli dell’emergenza che viene dal nord-Africa

24 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Rifugiati UcrainaMentre l'Europa, dopo anni di menefreghismo e indifferenza, si interroga su come sarà possibile accogliere oltre un milione di disperati che fuggono dalle guerre in Africa e dall'avanzare del terrorismo islamico, nell'ultimo anno c'è stato un flusso simile di persone che si è spostata verso altri paesi, ignorato dai media occidentali e da gran parte della comunità internazionale. Quasi a testimoniare come la morbosa attenzione mediatica di questi giorni sul tema faccia parte di un'ampia operazione di distrazione di massa da quelli che sono i veri problemi che affliggono l'Unione Europea.

Numeri drammatici, praticamente simili a quelli dell’emergenza che viene dal nord-Africa - 5.0 out of 5 based on 3 votes