Enrico Carotenuto

Enrico Carotenuto

URL del sito web:

L'omicidio della deputata inglese, uno strano favore alla UE?

17 Giugno 2016 Pubblicato in Politica

JO CoxUn fanatico squilibrato esce fuori dal nulla ed ammazza per strada una deputata inglese: Helen Joanne Cox, una brava ragazza, a quanto pare, che incarnava tutte, ma proprio tutte le caratteristiche del perfetto funzionario Europeo: giovane, con la giusta preparazione dalla giusta università, attivista dell'accoglienza ai rifugiati, ma allo stesso tempo a favore della guerra, cioè la causa dell'emergenza rifugiati.

 

L'omicidio della deputata inglese, uno strano favore alla UE? - 5.0 out of 5 based on 11 votes

Benigni e la Costituzione intoccabile (solo quando pare a lui)

02 Giugno 2016 Pubblicato in Politica

CIR BenignischifosoFino a ieri era "La più bella del mondo". Da oggi è "Bellina, ma si può migliorare".

Squilli di tromba sulla prima pagina della Pravda, ehm, scusate, de "La Repubblica": Benigni voterà SI al referendum sulla costituzione. In un bieco articolo il direttore dell'organo di stampa "ufficiale" del Partito Devastante ci spiega come Benigni, si, proprio colui che qualche anno fa hanno messo in prima serata a difendere la Costituzione da un attacco esattamente identico a questo, si sia schierato insieme ad altri 250 nomi "noti" a favore del progetto Renziano.

 

Benigni e la Costituzione intoccabile (solo quando pare a lui) - 5.0 out of 5 based on 13 votes

L'AD di Enel, esempio perfetto di come funzionano i "poteri oscuri"

27 Maggio 2016 Pubblicato in Politica

StaraceEccolo qui, il vero volto di quelli che noi chiamiamo i "poteri oscuri". Non perchè Francesco Starace, l'amministratore delegato di Enel, sia un uomo di vero potere: è solo un manager. Però è uno che è stato messo in un determinato posto proprio perchè imbevuto di tutte quelle forme-pensiero che vengono costantemente immesse e foraggiate da quei personaggi-ombra che fanno di tutto per rallentare lo sviluppo umano.

Il discorso di Starace alla LUISS, da questo punto di vista, non potrebbe essere più illuminante: contiene le principali forme-pensiero anticoscienza: divide et impera, il fine che giustifica i mezzi, il disprezzo dei modi, delle persone, dei sentimenti, l'utilizzo della paura come forma di coercizione e, non ultima, la mancanza di senso; un cambiamento che sia un vero bene deve migliorare le cose per tutti gli "stakeholders", ovvero per tutti quelli che hanno a che vedere con l'organizzazione, dai dirigenti agli impiegati, dagli azionisti ai clienti. Starace invece ci descrive un cambiamento dispotico, in cui l'unico bene preso in considerazione è quello dell'amministratore delegato. Che naturalmente è stato scelto per fare il bene di qualcun'altro. Che oltre certi livelli spesso è il male di tutti.

 

L'AD di Enel, esempio perfetto di come funzionano i "poteri oscuri" - 4.8 out of 5 based on 12 votes

I francesi si sono accorti che col TTIP ci rimettono. I nostri dormono, o sono complici?

11 Maggio 2016 Pubblicato in Economia

Fekl0Le parole del Segratario di Stato al Commercio Estero francese, Matthias Fekl, sono importantissime per l'Europa. A quanto pare i francesi sono i primi ad aver realizzato che ciò che i media chiamano trattato di "libero scambio", è in realtà un bel cappio con cui le multinazionali cercano di decorarci il collo.

Ma perchè Hollande prima e Fekl ora, se ne sono usciti così, quando sono anni che stanno zitti? E' forse l'ora della riscossa delle coscienze europee?

Si sono svegliati l'altro giorno e gli si è accesa una lampadina in testa?

Come mai finalmente cominciano a dire ciò che è stato subito lampante a chi si è anche solo minimamente chiesto cosa è il TTIP e a che serve?

I francesi si sono accorti che col TTIP ci rimettono. I nostri dormono, o sono complici? - 5.0 out of 5 based on 3 votes

3 righe

05 Maggio 2016 Pubblicato in Politica

CIR 3righeQueste tre righe del titolo di stamani di uno dei nostri quotidiani nazionali sono un riassunto chiaro di quale sia la politica dei nostri governanti. 

Ah, che bello! Abbiamo triplicato le vendite di armi!

A chi le vendiamo?

Ai responsabili dei massacri in Siria e Yemen.

Ai simpatici sostenitori della pulizia etnica contro i curdi.

In ultima analisi: all'Isis.

Poi però, i politici nei telegiornali ci fanno credere che hanno a cuore le sorti delle vittime (quelli che fanno i finti buoni), mentre altri, che fanno la parte dei falchi, tuonano contro i flussi migratori generati proprio da quelle armi che anche noi vendiamo.

Tra gli intermediari? Una banca truffaldina che ha mandato sul lastrico migliaia di persone, nel cui consiglio di amministrazione c'era il papà di un ministro del governo Renzi.

Complimenti vivissimi a tutti.

I link qui sotto possono aiutare a capire meglio le motivazioni delle tragedie in medio oriente, del ruolo di protagonisti che hanno paesi come Arabia Saudita e Turchia, della vera essenza del califfato islamico, e del gioco sporco delle potenze occidentali. 

3 righe - 4.6 out of 5 based on 7 votes

La London School of Economics: il TTIP è DELETERIO!

27 Aprile 2016 Pubblicato in Politica

TTIP LondraLa buona notizia: subito dopo la visita di Obama che ha ordinato di non uscire dall'Europa, il numero degli inglesi che voteranno il Brexit è diventato maggioranza. E' la prima volta, secondo i sondaggi. Ma non è tutto 'merito' del mezzo-kenyota (come l'ha chiamato il sindaco della capitale Boris Johnson). E' che è ora pubblico il rapporto della London School of Economics sugli effetti del TTIP, il trattato transatlantico. Lo studio l'aveva commissionato Cameron, sperando di trovarvi argomenti per la sua propaganda atlantista. Dopo averlo letto, l'ha secretato. E' stato costretto a rilasciarlo in base al Freedom Of Information Act (un tipo di legge sulla libertà d'informazione che in Italia non esiste) su istanza giudiziaria di Global Justice Now, un gruppo di cittadini attivi.

di Maurizio Blondet

La London School of Economics: il TTIP è DELETERIO! - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Moria di sardine: che succede nel Pacifico?

26 Aprile 2016 Pubblicato in Ecologia

Sardine cile1Lo scorso novembre, in Cile, c'è stato il più grande caso di spiaggiamento di balene mai registrato, con ben 337 esemplari morti sulla spiaggia. A Gennaio, sulle spiagge dell'isola di Santa Maria, sempre a largo delle coste cilene, si sono arenate le carcasse di 10000 calamari giganti. Lo scorso 12 aprile, sempre nel Cile del sud, la foce del fiume Queule si è riempita di un'infinità di corpi di sardine, per un peso stimato di 10000 tonnellate!

La popolazione locale ha chiesto lo stato di emergenza per catastrofe ambientale. 

 

Sardine cile

Moria di sardine: che succede nel Pacifico? - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Paradisi fiscali, perchè vogliono levarli di mezzo

04 Aprile 2016 Pubblicato in Politica

CIR PanamaleakImpazza lo scandalo Panama Papers sui media di tutto l'occidente. Si fanno i nomi di centinaia di personaggi accusati di avere soldi imboscati in un paradiso fiscale. Per altro tutti nomi che sarebbe strano se NON avessero delle società offshore, vista la normalità della cosa: i paradisi fiscali esistono per e servono a questo, e ne fa uso chiunque si possa permettere di farlo. Da decine e decine di anni. Un segreto di Pulcinella.

Perchè, ci siamo chiesti, tanto clamore per la "scoperta" che i ricchi tengono i soldi nei paradisi fiscali?

Subito dopo ci siamo chiesti: CHI ha fatto questa "straordinaria" scoperta?

Paradisi fiscali, perchè vogliono levarli di mezzo - 5.0 out of 5 based on 11 votes

Dimissioni Guidi: l'unica cosa di cui ci si stupisce sono le dimissioni

01 Aprile 2016 Pubblicato in Politica

GuidiLa Guidi si dimette al volo, beccata in un'intercettazione a fare un favorino del valore di due o tre milioni al fidanzato.

Bene. Giusto che si dimetta.

Tra l'altro, per via di un'assurdità nostrana, la Guidi ci fa pure una certa bella figura dimettendosi: cosa normalissima quando un ministro di un paese "civile" viene coinvolto in uno scandalo, ma quasi unica quando si parla di ministri della Repubblica Italiana, avvezzi a spalmarsi le terga di Attak nel momento in cui si insediano.

E tutti a dire che questo governo è troppo filo-petrolieri.

Ma va?

Sul serio?

 

Dimissioni Guidi: l'unica cosa di cui ci si stupisce sono le dimissioni - 4.7 out of 5 based on 12 votes

Bruxelles, altro giro, altra corsa.

22 Marzo 2016 Pubblicato in Politica

CIR Bruxelles attentatoOggi é toccato a Bruxelles. Per gli stessi motivi che abbiamo raccontato commentando tutti gli attentati precedenti, da Parigi ad Ottawa, da Sidney a Beirut. Ci é difficile commentare nuovamente la stessa storia in un posto nuovo. Le stesse modalità, lo stesso dolore per gli innocenti sacrificati in nome di una guerra fittizia ed infinita, che serve a tenerci sempre piú schiavi

Bruxelles, altro giro, altra corsa. - 4.5 out of 5 based on 17 votes