Papa Bergoglio dopo un anno: "era già tutto previsto..."

14 Marzo 2014
Pubblicato in Politica

bergogliookSiamo ad un anno dall’elezione al soglio di Pietro di Papa Bergoglio. Ora è tempo di un primo bilancio.

Non ci sembra ci siano sostanziali sorprese rispetto a quanto previsto. Il complotto gesuita per afferrare il soglio di Pietro ha funzionato, i nemici vengono sbaragliati giorno per giorno, sia in Vaticano che in Italia, e le parole del Papa sono andate nella direzione di presentare una volto nuovo della Chiesa, più presentabile, pur di preservarne il principio di autorità ed il potere.

Un mix di elementi autenticamente positivi e negativi. Tutti sempre comunque positivi se ci stimolano a tenere desta la nostra libera coscienza e a non addormentarci ai messaggi seducenti del potere.Un potere che comunque non ci ama, ma che ha necessariamente a che fare, per continuare a condizionarci, con il risveglio in corso delle nostre coscienze.

E non è cosa facile...

Noi vi riproponiamo parte degli articoli che scrivemmo un anno fa, che ci sembra descrivano piuttosto bene quello che è successo dopo.

Voi cosa ne pensate? I commenti si possono fare sul facebook di Coscienzeinrete.

 

 

 

Arrestato un alto prelato: sta veramente cambiando qualcosa! Il colpo di stato va avanti. Bene, ma…

28 Giugno 2013
Pubblicato in Politica

guardiesvizzreUn alto prelato del Vaticano, Mons. Nunzio Scarano, è stato arrestato questa mattina, insieme ad un carabiniere ex agente dei servizi segreti Giovanni Maria Zito, e a un broker finanziario, Giovanni Carinzo.

Incredibile! E quando mai si è vista una cosa del genere? Nella lotta tra correnti in Vaticano, al massimo si mettevano tra loro in difficoltà, ricorrevano al vecchio “promoveatur ut amoveatur” (si promuova per rimuoverlo). Ma più di tanto non si facevano. Si toglievano il potere, ma non si facevano arrestare dai giudici italiani. Se proprio serviva, un pozione di veleno… un finto infarto con la digitalis… E soprattutto In silenzio, per carità...


Bergoglio, lo IOR e i gay in vaticano: la scure dei gesuiti

11 Giugno 2013
Pubblicato in Politica

CIR bergoglio1SCRITTEProsegue l’azione forte e determinata di papa Bergoglio contro le altre correnti vaticane.

Le sue frasi “San Pietro non aveva conto in Banca” e l‘altra “c’è corruzione nella Curia… e una lobby gay”, sono molto forti.

E illustrano l’intenzione di colpire i punti deboli e di potere del vecchio apparato.


Le balle sull'Euro e la crisi

02 Aprile 2013
Pubblicato in Economia

CIR pulsante balleQuali sono i falsi miti dell'economia che vengono sbandierati su tutti i media dai politici asserviti (o spesso solo ignoranti) e dalle scuole di pensiero sovvenzionate dagli ormai noti circuiti di potere mondialista? Quali i falsi allarmi e i falsi teoremi? Quali le paure infuse ad arte?

Molti li trovate in questo video di Shirin Chehayed

Il dilemma Bergoglio: “santo prima di subito”?

19 Marzo 2013
Pubblicato in Spiritualità

BergoglioParla bene, dice cose meravigliose…

Una grande capacità di comunicare in modo semplice forme pensiero buone ed importanti. La povertà della Chiesa e l’attenzione verso i poveri, lo spirito di servizio, verità bontà e bellezza, il Cristo al centro dell’attenzione e non la Chiesa, ecc.

Semplicità di modi e riduzione degli orpelli.

Questo piace molto, e crea entusiasmi.

Ma è sufficiente a giustificare questi entusiasmi?

Habemus Papam: i gesuiti al potere

12 Marzo 2013
Pubblicato in Politica

bergoglio2Eletto Papa il gesuita Bergoglio. La Compagnia di Gesù agguanta il Soglio di Pietro.

Ora i gesuiti hanno in mano praticamente quasi tutto. Si completa un vero e proprio risiko del fronte gesuita-massonico a livello mondiale. Sono dalla loro parte il nuovo Papa, Obama, Draghi della BCE, il Presidente europeo Van Rompuy, il presidente del Consiglio Italiano Monti, e tanti altri... Nelle loro mani gran parte della finanza internazionale. Centinaia di università e di centri di ricerca.

Il conclave è stato brevissimo. Era già tutto deciso. I gesuiti avevano già sostanzialmente distrutto le altre correnti durante il papato di Ratzinger.

Una lettera al Papa che si leva le scarpette rosse…

26 Febbraio 2013
Pubblicato in Politica

scarpetterosseCaro Joseph,

non sarai più Papa. Ci dispiace molto per le tue dimissioni. Qualcuno o qualcosa ti ha costretto, e a noi non piace qualsiasi limitazione della libertá.                          
Eri la transizione da un equilibrio di potere ad un altro... Quello vecchio proprio non ci piaceva, ma il nuovo che si affaccia e che ti ha travolto ci mette perfino qualche brivido in più.
E poi in fondo in questi anni ci siamo sentiti rassicurati dal comico accento tedesco-curiale, dal ciuffetto bianco fonato, dalle inascoltabili cantatine in gregoriano, dal gusto per le sete rosse ed i monili rinascimentali. Dal fatto che fossi stato il terribile inquisitore del Papa precedente. E che il tuo sguardo fosse così facilmente accostabile a quello dell'inquietante imperatore galattico di Star Wars.

Chi ha “indebolito l’anima” del Papa?

11 Febbraio 2013
Pubblicato in Politica

papadeboleCerto non fa un gran bella figura… la gente è perplessa. Come... fino ad oggi un Papa muore Papa… anche a costo di stare sulla croce della sofferenza fino alla morte. Perché l’investitura papale comporta una sorta di santificazione che è immortale. Non è un burocrate, nella visione cattolica. E’ il Vicario di Cristo. E Cristo l’amaro calice della sofferenza fisica lo ha bevuto fino in fondo. “Dalla Croce” non si scende. Questo ha rimarcato con evidente disapprovazione il cardinale di Varsavia, ex segretario di Giovanni Paolo II.

Dal Papa ci si aspetta una qualche virtù eroica. Ed ora la macchina di comunicazione del Vaticano vuole che la gente creda che l'eroismo di questo Papa si manifesti fulgidamente nel "mettersi a riposo".

Ma che sarebbe fisicamente invecchiato Ratzinger lo sapeva anche prima di accettare di diventare Papa. Non pensiamo che il suo incarico fosse per lui condizionato al mantenimento di sufficienti forze fisiche.

Ma occorre fare grande attenzione, perché il Papa tedesco dice anche un’altra cosa, che nessuno finora ha rimarcato.

Non è mica solo il Papa a saltare...ora arriva anche Finmeccanica. Ma che c'entrano?

12 Febbraio 2013
Pubblicato in Politica

non è la vecchiaia1Non è la vecchiaia...

Lo scontro tra le due principali piramidi vaticane, quasi sempre sotterraneo, giunge finalmente al suo culmine ed esplode sulla scena pubblica, con dimissioni papali che in duemila anni di storia si verificano solo quando la stessa esistenza della Chiesa è messa in pericolo. Una cosa epocale. 

La piramide che potremmo genericamente definire opusdeista, dominante fin dall'elezione di Giovanni Paolo II°, sembra essere uscita sconfitta su tutta la linea, grazie agli uomini della piramide gesuita, che hanno chiuso il cerchio, occupando con la loro famosa "invisibilità", i gangli del potere economico e politico internazionale, in maniera così efficiente da riuscire a dare, con queste dimissioni, il segnale della vittoria completa.

 

 

Golpe in Vaticano

10 Febbraio 2013
Pubblicato in Politica

CIR DimissioniPapaLe dimissioni del Papa sono un fatto storico di una enorme importanza. Un Papa è il garante di certi equilibri del potere imperiale-cattolico, un enorme potere mondiale. Se si dimette è perché viene costretto. E’ perché l’equilibrio che lui garantiva è crollato.

L’ultima volta è accaduto con Celestino Quinto, il Papa dei templari che voleva rivoluzionare la Chiesa portandola via da Roma e basandola nuovamente su un cristianesimo profondo. Per passare da un cristianesimo corrotto e di potere – la “ecclesia carnalis” – ad un cristianesimo aperto, pieno di veri valori spirituali sul modello del Cristo: l’ “ecclesia spiritualis”.

La chiesa di potere operò su più livelli per difendersi – facendo ricorso a manovre politiche, assassinii e perfino alla magia nera – per bloccare Celestino Quinto.

Pagina 1 di 2