L’acqua del Sud Italia rischia di finire nelle mani delle multinazionali In evidenza

Paolo Maddalena 6 19Nell’occhio del ciclone è finito l’articolo 24 del ‘decreto crescita’. Il giudice costituzionale Paolo Maddalena lancia un appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Si mobilitano i movimenti per la difesa dell’acqua, tantissimi militanti pentastellati, dell’associazioni per la tutela dell’ambiente contro alcune normative del “decreto crescita” che potrebbero aprire la strada alla privatizzazione delle grandi fonti del cosiddetto “oro blu” di molte regioni meridionali d’Italia. L’articolo 24, infatti,  completerebbe il processo di liquidazione dell’Eipli, L’Ente per lo sviluppo dell’irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia, Lucania e Irpinia e legittimerebbe la costituzione di una società per azioni.

Tutte le risorse, umane e strumentali, dell’Eipli saranno trasferite alla nuova mega-società costituita dallo Stato e dal Ministero dell’economia e delle finanze. Alle regioni Campania, Puglia e Basilicata e ad altre regioni del distretto idrografico dell’Appennino Meridionale si concede la possibilità di partecipare a tale società. È una decisione che viene da lontano, dai governi di centrodestra e centrosinistra.  E’ assurdo, contraddittorio se questo governo dovesse condividerla perché al governo c’è Movimento 5 Stelle che ha fatto dell’acqua pubblica una delle sue stelle. Tantissimi militanti pentastellati chiedono di impedire la costituzione della società per azioni e di modificare radicalmente l’articolo 24. Trasformare un Ente che gestisce le grandi fonti del Sud in una Spa, seppure oggi prevedendola totalmente in mani pubbliche, crea esattamente quella premessa perché una necessità economica o un cambio di governo possano portare alla vendita alle multinazionali dell’acqua di quote o anche della totalità delle azioni. Un provvedimento come questo di fatto favorisce le condizioni per affidare la gestione dell’oro blu ai soliti noti  come Acea, Suez e Veolia.

Sulla questione è intervenuto il Prof. Paolo Maddalena, giurista e magistrato italiano, che ha ricoperto l’incarico di giudice costituzionale. “Il 18 aprile 1947 il Governo De Gasperi (Presidente della Repubblica de Nicola) fondava l’Ente per l’Irrigazione in Puglia, Lucania e Irpinia (einpli), risolvendo così, in modo esemplare, il bisogno di acqua delle regioni dell’Italia meridionale – scrive Maddalena – Il Governo Monti, ispirato dalle false teorie neoliberiste, in data 6 dicembre 2011 con decreto legge numero 201, articolo 21, comma 10/11, ha soppresso detto Ente e previsto la sua gestione temporanea da parte di commissari. L’attuale governo, procedendo sula stessa via neoliberista di Monti, ha dato attuazione a dette disposizione, statuendo, all’articolo 24 del decreto-legge n.34/2019 (cd. decreto crescita), che: “A decorrere dalla data di trasferimento delle funzioni di cui al primo periodo del presente comma, i diritti su beni demaniali già attribuiti all’Ente di cui al comma 10 in forza di provvedimenti concessori si intendono attribuiti alla società di nuova costituzione.” Questa disposizione, come si nota, realizza il fenomeno fraudolento della privatizzazione e cioè il trasferimento di un bene demaniale di assoluta e primaria importanza come, l’acqua, da un Ente pubblico, tenuto a perseguire interessi pubblici, a una società privata, sia pur con partecipazione statale, che è tenuta, secondo il codice civile, a perseguire gli interessi dei soci e non quelli del popolo italiano – sottolinea il professor Maddalena – Si precisa che, ai sensi dell’articolo 144 del decreto legislativo numero 156 del 2006 (codice dell’ambiente) “l’acqua è un bene demaniale” e cioè un bene che appartiene al popolo sovrano e che, essendo fuori commercio, e non può essere ceduto ad una società privata. Anche la captazione e la distribuzione dell’acqua, inoltre, devono essere in mano pubblica, come prevede l’articolo 43 della Costituzione in relazione alla gestione dei servizi pubblici essenziali – puntualizza Maddalena – Infatti, non esiste società privata, anche se partecipata da Enti territoriali o da alcuni Ministeri, che sia in grado di attuare la disciplina che il citato articolo 144 del codice dell’ambiente sancisce per la gestione dell’acqua, la quale deve tendere al “rinnovo delle risorse, non pregiudicare il patrimonio idrico, la vivibilità dell’ambiente, l’agricoltura, la piscicoltura, la fauna e la flora acquatiche, i processi geomorfologici e gli equilibri idrogeologici”, non è chi non veda che se l’Ente gestore è costituito da una società, il cui fine è solo il profitto economico, il perseguimento di questi obiettivi di interesse generale diviene impossibile, e comunque certamente recessivo rispetto all’interesse economico privato”. “Privatizzare l’acqua inoltre contrasta con il referendum del 2011, che negò allo Stato il potere di affidare la captazione e la distribuzione dell’acqua a società private, divieto ribadito da due sentenze della Corte Costituzionale. Nel descritto quadro, è evidente che il riferimento agli Enti pubblici territoriali e ai Ministeri è solo fumo negli occhi e che prima o poi questo bene assolutamente primario per il suo valore umano cadrà nelle mani di singoli privati, molto probabilmente di multinazionali straniere, è ben noto infatti che le S.p.A., anche se al loro interno ci sono partecipazioni pubbliche, possono essere scalate da chiunque – sottolinea ancora Maddalena – Questo provvedimento decreta in sostanza la perdita della sovranità nazionale sul bene più essenziale della vita dell’uomo: l’acqua. È per questo che la privatizzazione in questione viola in pieno numerosi articoli della Costituzione e persino l’articolo 1 secondo il quale “la sovranità spetta al popolo” – conclude Maddalena – Ci rivolgiamo al Presidente della Repubblica e a tutti i parlamentari affinché impediscano che questa essenziale e vitale fonte di ricchezza sia sottratta al popolo e trasferita nelle mani di pochi con tutte le conseguenze che ne derivano”

Fonte:http://www.ildesk.it/attualita/lacqua-del-sud-italia-rischia-di-finire-nelle-mani-delle-multinazionali/?fbclid=IwAR05xgvlOrVTFvHMT90XM7IpPmXyi_ZzSIbLeH7pr86DNaORDCxKJe9foMI

Vota questo articolo
(2 Voti)
L’acqua del Sud Italia rischia di finire nelle mani delle multinazionali - 5.0 out of 5 based on 2 votes