The making of Juan Guaidò - Il fantoccio creato in laboratorio per il colpo di stato in Venezuela.

Prima della data fatidica del 22 gennaio, meno di 1 su 5 venezuelani avevano mai sentito parlare di Juan Guaidó. Solo pochi mesi fa, il trentacinquenne era un personaggio oscuro in un gruppo di estrema destra di scarsa influenza politica, strettamente associato a macabri atti di violenza di strada. Anche nel suo stesso partito, Guaidó era una figura di medio livello nell'Assemblea Nazionale dominata dall'opposizione, che sta ora agendo in maniera incostituzionale.

di Dan Cohen e Max Blumenthal

Guaidò

Ma dopo una sola telefonata dal vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, Guaidó si è proclamato presidente del Venezuela. Unto come capo del suo paese da Washington, uno sguazzatore di bassifondi politici precedentemente sconosciuto è stato fatto salire sul palcoscenico internazionale, selezionato dagli Stati Uniti come il leader della nazione con le maggiori riserve petrolifere del mondo.

Facendo eco al consenso di Washington, il comitato editoriale del New York Times ha definito Guaidó un "rivale credibile" per il presidente Nicolás Maduro con uno "stile rinfrescante e una visione per portare avanti il ​​Paese." Il comitato editoriale di Bloomberg lo ha applaudito per aver cercato "il ripristino della democrazia", e il Wall Street Journal lo ha dichiarato "un nuovo leader democratico". Al contempo il Canada, numerose nazioni europee, Israele e il blocco dei governi latinoamericani di destra conosciuti come il gruppo di Lima hanno riconosciuto Guaidó come il leader legittimo del Venezuela.

Mentre Guaidó sembra essersi materializzato dal nulla, è, in realtà, il prodotto di oltre un decennio di coltivazione attenta da parte delle "fabbriche di cambio di regime" del governo degli Stati Uniti. Accanto a un gruppo di attivisti studenteschi di destra, Guaidó è stato coltivato per minare il governo socialista, destabilizzare il paese e un giorno prendere il potere. Sebbene sia stato una figura minore nella politica venezuelana, ha passato anni a dimostrare la sua "dignità" nelle sale del potere di Washington.

"Juan Guaidó è un personaggio creato per questa circostanza", ha detto a Grayzone Marco Teruggi, sociologo argentino e tra i principali cronisti della politica venezuelana. "È la logica di laboratorio: Guaidó è come una miscela di diversi elementi che creano un personaggio che, in tutta onestà, oscilla tra risibile e preoccupante".

Diego Sequera, giornalista e scrittore venezuelano per l'agenzia investigativa Mision Verdad, concorda: "Guaidó è più popolare fuori dal Venezuela che dentro, specialmente nelle élite Ivy League e nei circoli di Washington". "È un personaggio conosciuto lì, è prevedibilmente di destra ed è considerato fedele al programma."

Mentre Guaidó è oggi venduto come il volto della restaurazione democratica, ha trascorso la sua carriera nella fazione più violenta del partito di opposizione più radicale del Venezuela, posizionandosi in prima linea in una campagna di destabilizzazione dopo l'altra. Il suo partito è stato ampiamente screditato in Venezuela, ed è ritenuto in parte responsabile della frammentazione di un'opposizione fortemente indebolita.

"Questi leader radicali non hanno più del 20 percento nei sondaggi d'opinione", scrive Luis Vicente León, il principale sondaggista del Venezuela. Secondo Leon, il partito di Guaidó rimane isolato perché la maggioranza della popolazione non vuole la guerra. "Quello che vogliono è una soluzione."

Ma questo è precisamente il motivo per cui Guaidó è stato scelto da Washington: non è previsto che guidi il Venezuela verso la democrazia, ma che collassi un paese che negli ultimi due decenni è stato un baluardo di resistenza all'egemonia degli Stati Uniti. La sua improbabile ascesa segna il culmine di un progetto durato due decenni per distruggere un solido esperimento socialista.

Obbiettivo "Troika della tirannia"

Dall'elezione del 1998 di Hugo Chavez, gli Stati Uniti hanno combattuto per ripristinare il controllo sul Venezuela e le sue vaste riserve petrolifere. I programmi socialisti di Chavez hanno in parte ridistribuito la ricchezza del paese e aiutato a sollevare milioni dalla povertà, ma gli hanno anche dipinto un bersaglio sulle spalle. Nel 2002, l'opposizione di destra venezuelana lo depose con un colpo di stato che aveva il sostegno ed il riconoscimento degli Stati Uniti, ma l'esercito ripristinò la sua presidenza dopo una mobilitazione popolare di massa. Durante le amministrazioni dei presidenti degli Stati Uniti George W. Bush e Barack Obama, Chavez è sopravvissuto a numerosi tentativi di omicidio, prima di soccombere al cancro nel 2013. Il suo successore, Nicolás Maduro, è sopravvissuto a tre attentati.

Guaidò1
Maduro mostrato come un fantoccio di Fidel Castro in una protesta anti-governativa nel marzo 2014.

L'amministrazione Trump ha immediatamente elevato il Venezuela al vertice della lista dei cambi di regime di Washington, dandogli il marchio di leader di una "troika della tirannia". L'anno scorso, la squadra di sicurezza nazionale di Trump ha cercato di reclutare membri dell'esercito venezuelano per istaurare una giunta militare, ma questo sforzo è fallito. Secondo il governo venezuelano, gli Stati Uniti erano anche coinvolti in una trama chiamata Operazione Costituzione per catturare Maduro nel palazzo presidenziale di Miraflores, e un'altra chiamata Operazione Armageddon per assassinarlo a una parata militare nel luglio 2017. Poco più di un anno dopo, i leader dell'opposizione esiliata hanno cercato di uccidere Maduro, usando droni-bomba durante una parata militare a Caracas.

Più di un decennio prima di questi intrighi, un gruppo di studenti dell'opposizione di destra fu selezionato e curato da un'accademia di formazione d'elite per il cambio di regimi, finanziata dagli Stati Uniti per rovesciare il governo venezuelano e ripristinare l'ordine neoliberista.

Allenamento per l'insurrezione

Il 5 ottobre 2005, con la popolarità di Chavez al suo apice e il suo governo che pianifica vasti programmi socialisti, cinque "leader studenteschi" venezuelani arrivarono a Belgrado, in Serbia, per iniziare l'addestramento per un'insurrezione.

Gli studenti erano arrivati ​​dal Venezuela per gentile concessione del Centro per le azioni e strategie nonviolente applicate, o CANVAS. Questo gruppo è finanziato in gran parte attraverso il National Endowment for Democracy, un cut-out della CIA che funziona come il braccio principale del governo degli Stati Uniti per promuovere i cambi di regime; e propaggini come l'International Republican Institute e il National Democratic Institute for International Affairs. Secondo le e-mail interne trapelate da Stratfor, una società di intelligence nota come "La CIA-ombra", "CANVAS potrebbe aver ricevuto finanziamenti e addestramento dalla CIA durante la lotta anti-Milosevic del 1999/2000".

CANVAS è uno spin-off di Otpor, un gruppo di protesta serbo fondato da Srdja Popovic nel 1998 all'Università di Belgrado. Otpor, che significa "resistenza" in serbo, è stato il gruppo studentesco che ha guadagnato fama internazionale - e la pubblicità di Hollywood - mobilitando le proteste che alla fine hanno fatto cadere Slobodan Milosevic. Questa piccola cellula di specialisti del cambio di regime operava secondo le teorie del defunto Gene Sharp, il "Von Clausewitz della lotta non violenta". Sharp aveva lavorato con un ex analista della Defense Intelligence Agency, il colonnello Robert Helvey, per ideare le linee guida per l'utilizzo della protesta come una forma di guerra ibrida, mirata agli stati che resistevano alla dominazione unipolare di Washington.

Guaidò2

Otpor agli MTV Europe Music Awards del 1998. (Brian Rasic)

Otpor è stato sostenuto dal National Endowment for Democracy, dall'USAID e dall'Istituto Albert Einstein di Sharp. Sinisa Sikman, uno dei cratori di Otpor, una volta ha detto che il gruppo ha persino ricevuto finanziamenti diretti della CIA. Secondo un'e-mail trapelata dallo staff di Stratfor, dopo aver eliminato Milosevic dal potere, "i ragazzi che gestivano OTPOR sono cresciuti, si sono vestiti bene e hanno progettato CANVAS ... o in altre parole un gruppo "export-a-revolution" che ha gettato i semi delle varie altre "rivoluzioni colorate". Sono ancora legati ai finanziamenti degli Stati Uniti e fondamentalmente vanno in giro per il mondo cercando di rovesciare dittatori e governi autocratici (quelli che agli USA non piacciono) ".

Stratfor ha rivelato che CANVAS "ha rivolto la sua attenzione al Venezuela" nel 2005, dopo aver addestrato i movimenti di opposizione che hanno portato le operazioni di cambio di regime pro-NATO in tutta l'Europa orientale.

Mentre monitorava il programma di formazione CANVAS, Stratfor ha delineato il suo programma insurrezionalista in un linguaggio straordinariamente chiaro: "Il successo non è affatto garantito, e i movimenti studenteschi sono solo l'inizio di quello che potrebbe essere uno sforzo di anni per innescare una rivoluzione in Venezuela, ma i formatori sono le persone che si sono fatte le ossa col "Macellaio dei Balcani". Hanno delle abilità pazzesche. Quando vedrete studenti in cinque università venezuelane tenere dimostrazioni simultanee, saprete che la formazione è finita e il vero lavoro è iniziato. "

Generazione 2007

Il "vero lavoro" è iniziato due anni dopo, nel 2007, quando Guaidó si è laureato presso l'Università Cattolica Andrés Bello di Caracas. Si è trasferito a Washington, DC, per iscriversi al corso di governance e gestione politica presso la George Washington University sotto la guida dell'economista venezuelano Luis Enrique Berrizbeitia, uno dei principali economisti neoliberali latinoamericani. Berrizbeitia è un ex direttore esecutivo del Fondo Monetario Internazionale che ha trascorso oltre un decennio lavorando nel settore energetico venezuelano sotto il vecchio regime oligarchico che è stato estromesso da Chavez.

Quell'anno, Guaidó contribuì a guidare i raduni anti-governativi dopo che il governo venezuelano rifiutò di rinnovare la licenza di Radio Caracas Televisión (RCTV). Questa stazione privata svolse un ruolo di primo piano nel colpo di stato del 2002 contro Hugo Chavez. RCTV aiutò a mobilitare i manifestanti anti-governativi, diffondendo informazioni false che incolpavano i sostenitori del governo di atti di violenza compiuti in realtà dai membri dell'opposizione e censurò tutte le dichiarazioni pro-governative in occasione del colpo di stato. Il ruolo di RCTV e di altre stazioni di proprietà degli oligarchi nel guidare il fallito tentativo di colpo di stato è stato ben descritto nell'acclamato documentario "La rivoluzione non sarà trasmessa".

Nello stesso anno, gli studenti rivendicarono il merito di aver soffocato il referendum costituzionale di Chavez per un "socialismo del XXI secolo" che prometteva di "impostare il quadro legale per la riorganizzazione politica e sociale del paese, dando un potere diretto alle comunità organizzate come prerequisito per lo sviluppo di un nuovo sistema economico ".

Dalle proteste su RCTV e referendum, nacque un gruppo specializzato di attivisti del cambio di regime sostenuto dagli Stati Uniti. Si sono definiti "Generation 2007."

Guaidò3

Yon Goicoechea vince il premio Milton Friedman del 2008 di Cato Institute for Advancing Liberty.

I formatori di Stratfor e CANVAS di questa cellula hanno identificato un organizzatore chiamato Yon Goicoechea, alleato di Guaidó - quale "fattore chiave" nel soffocamento de referendum costituzionale. L'anno seguente, Goicochea fu ricompensato per i suoi sforzi con il Milton Friedman Prize for Advancing Liberty del Cato Institute, insieme a un premio di $ 500.000, che investì prontamente nella costruzione della sua rete politica Prima la Libertà (Primero Justicia).

Friedman, naturalmente, era il padrino del famigerato think tank neoliberista dei Chicago Boys che fu importato in Cile dal leader della giunta dittatoriale Augusto Pinochet per attuare politiche di radicale austerità fiscale in stile "shock-doctrine". E il Cato Institute è il think tank libertario di Washington, fondato dai fratelli Koch, due grandi donatori del Partito repubblicano che sono diventati aggressivi sostenitori della destra in tutta l'America Latina.

WikiLeaks ha pubblicato un'e-mail del 2007 che l'ambasciatore americano in Venezuela William Brownfield ha inviato al Dipartimento di Stato, al Consiglio di sicurezza nazionale e al Comando meridionale del Dipartimento della Difesa elogiando "la Generazione del '07" per aver "costretto il presidente venezuelano, abituato a fissare l'agenda politica, a reagire spropositatamente". Tra i "leader emergenti "identificati da Brownfield c'erano Freddy Guevara e Yon Goicoechea. Ha applaudito quest'ultima figura come "uno dei difensori più articolati delle libertà civili".

Riempiti di denaro dagli oligarchi libertari, i quadri radicali venezuelani hanno portato le loro tattiche Otpor nelle strade, insieme a una loro particolare versione del logo del gruppo, come mostrato di seguito:

Guaidò4

La manipolazione del sentimento Anti-Chavez

Nel 2009, gli attivisti giovanili di Generation 2007 hanno messo in scena la loro dimostrazione più provocatoria, calandosi i pantaloni nelle strade e scimmiottando le "scandalose" tattiche di guerrilla delineate da Gene Sharp nei suoi manuali sul cambio di regime. I manifestanti si erano mobilitati contro l'arresto di un alleato di un altro gruppo giovanile chiamato JAVU. Questo gruppo di estrema destra "raccolse fondi da una varietà di fonti governative degli Stati Uniti, che gli permisero di acquisire rapida notorietà come l'ala più dura dei movimenti di opposizione", secondo il libro dell'accademico George Ciccariello-Maher, "Building the Commune".

Mentre i video della protesta non sono disponibili, molti venezuelani hanno identificato Guaidó come uno dei suoi partecipanti chiave. Sebbene l'accusa non sia confermata, è certamente plausibile; i manifestanti con le natiche nude erano membri del nucleo interno di Generazione 2007 a cui apparteneva Guaidó e indossavano le T-shirt col loro marchio di fabbrica "Resistencia!", come da foto:

Guaidò5

Quell'anno, Guaidó si espose al pubblico in un altro modo, fondando un partito politico per catturare l'energia anti-Chavez che la sua Generazione 2007 aveva coltivato. Il partito, chiamato "Volontà popolare", fu guidato da Leopoldo López, un purosangue di destra educato a Princeton, pesantemente coinvolto nei programmi del National Endowment for Democracy ed eletto sindaco di un distretto di Caracas tra i più ricchi del paese. Lopez era un ritratto dell'aristocrazia venezuelana, direttamente discendente dal primo presidente del suo paese. È anche cugino carnale di Thor Halvorssen, fondatore della Human Rights Foundation, con sede negli Stati Uniti, che funge da facciata pubblicitaria per gli attivisti anti-governativi sostenuti dagli Stati Uniti in paesi presi di mira da Washington.

Sebbene gli interessi di Lopez fossero allineati perfettamente con quelli di Washington, i documenti diplomatici statunitensi pubblicati da WikiLeaks mettevano in luce le tendenze fanatiche che avrebbero portato alla marginalizzazione dal consenso popolare. Un comunicato identificava Lopez come "una figura di divisione all'interno dell'opposizione ... spesso descritta come arrogante, vendicativa e assetata di potere". Altri hanno evidenziato la sua ossessione per gli scontri e il suo "approccio intransigente" come fonte di tensione con altri leader dell'opposizione, che davano priorità all'unità e alla partecipazione alle istituzioni democratiche del Paese.

Guaidò6

Il fondatore di Volontà popolare Leopoldo Lopez con sua moglie, Lilian Tintori

Nel 2010 Volontà Popolare e i suoi sostenitori stranieri si sono mossi per sfruttare la peggiore siccità da decenni, che colpì il Venezuela. La grande carenza di energia elettrica aveva colpito il paese a causa della scarsità d'acqua, necessaria per alimentare le centrali idroelettriche. La recessione economica globale e un calo dei prezzi del petrolio aggravarono la crisi, provocando il malcontento pubblico.

Stratfor e CANVAS - i principali consiglieri di Guaidó e dei suoi quadri anti-governativi - escogitarono un piano scandalosamente cinico per pugnalare al cuore la rivoluzione bolivariana. Il piano prevedeva un crollo del 70% del sistema elettrico del paese già nell'aprile 2010.

"Questo potrebbe essere l'evento spartiacque, poiché c'è poco che Chavez possa fare per proteggere i poveri dal fallimento di quel sistema", dichiara il memorandum interno di Stratfor. "Questo avrà probabilmente l'effetto di galvanizzare i disordini pubblici in un modo che nessun gruppo di opposizione potrebbe mai sperare di generare. A quel punto, un gruppo di opposizione potrebbe servirsene per approfittare della situazione e scagliare l'opinione pubblica contro Chavez".

In quel momento l'opposizione venezuelana riceveva $ 40-50 milioni l'anno da organizzazioni governative statunitensi come USAID e National Endowment for Democracy, secondo un rapporto del think tank spagnolo, l'Istituto FRIDE. Aveva anche una grande ricchezza da attingere dai suoi conti, che erano per lo più al di fuori del paese.

Ma lo scenario immaginato da Statfor non si realizzò, gli attivisti del Partito della Volontà Popolare e i loro alleati misero quindi da parte ogni pretesa di non violenza e si unirono in un piano radicale di destabilizzazione del paese.

Destabilizzazione violenta

Nel novembre 2010, secondo le e-mail ottenute dai servizi di sicurezza venezuelani e presentate dall'ex ministro della Giustizia Miguel Rodríguez Torres, Guaidó, Goicoechea e diversi altri attivisti studenteschi hanno partecipato ad un corso di formazione segreto di cinque giorni presso l'hotel Fiesta Mexicana di Città del Messico. Le sessioni sono state condotte da Otpor, i formatori del cambio regime a Belgrado appoggiati dal governo degli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, l'incontro aveva ricevuto la benedizione di Otto Reich, un esiliato cubano fanaticamente anticastrista che lavorava nel Dipartimento di Stato di George W. Bush, e dall'ex presidente colombiano di destra Alvaro Uribe.

All'hotel Fiesta Mexicana, Guaidó ei suoi compagni attivisti hanno ordito un piano per rovesciare Hugo Chavez generando il caos attraverso spasmi prolungati di violenza di strada.

Tre personaggi dell'industria petrolifera - Gustavo Torrar, Eligio Cedeño e Pedro Burelli - hanno a quanto pare pagato il conto di $ 52.000 dell'albergo. Torrar è un autoproclamato "attivista per i diritti umani" e "intellettuale" il cui fratello minore Reynaldo Tovar Arroyo è il rappresentante in Venezuela della società petrolifera messicana privata Petroquimica del Golfo, che ha un contratto con lo stato venezuelano.

Cedeño, da parte sua, è un fuggitivo uomo d'affari venezuelano che ha chiesto asilo negli Stati Uniti, e Pedro Burelli un ex dirigente della JP Morgan e l'ex direttore della compagnia petrolifera nazionale venezuelana Petroleum of Venezuela (PDVSA). Lasciò la PDVSA nel 1998 mentre Hugo Chavez prendeva il potere e faceva parte del comitato consultivo del programma di leadership in America Latina della Georgetown University. (Toh! - Nota di CIR)

Burelli ha insistito sul fatto che le e-mail che dettagliavano la sua partecipazione erano state inventate e persino assunto un investigatore privato per dimostrarlo. L'investigatore dichiarò che i registri di Google mostravano che le e-mail che si presumeva fossero sue non vennero mai trasmesse.

Eppure oggi Burelli non fa mistero del suo desiderio di vedere deposto l'attuale presidente venezuelano, Nicolás Maduro, e anche di volerlo trascinato per le strade e sodomizzato con una baionetta, come accaduto al capo libico Mohammar Gheddafi così trattato dai miliziani sostenuti dalla NATO.

Guaidò7

La presunta trama di Fiesta Mexicana è confluita in un altro piano di destabilizzazione rivelato in una serie di documenti mostrati dal governo venezuelano. Nel maggio 2014, Caracas ha rilasciato documenti che descrivono un complotto di omicidio contro il presidente Nicolás Maduro. Le fughe di notizie hanno identificato Maria Corina Machado, con sede a Miami, come leader del piano. Un'estremista con un debole per la retorica estrema, Machado ha funto da collegamento internazionale per l'opposizione, incontrando addirittura il presidente George W. Bush nel 2005.

Guaidò8

Maria Corina Machado e George W. Bush, 2005.

"Penso che sia tempo di raccogliere gli sforzi; fai le chiamate necessarie e ottieni finanziamenti per annientare Maduro e il resto andrà in pezzi ", ha scritto Machado in una e-mail all'ex diplomatico venezuelano Diego Arria nel 2014.

In un'altra email, Machado sosteneva che la trama violenta aveva la benedizione dell'ambasciatore statunitense in Colombia, Kevin Whitaker. "Ho già deciso e questa lotta continuerà fino a quando questo regime non sarà rovesciato e consegneremo il risultato ai nostri amici nel mondo. Se sono andata a San Cristobal e mi sono esposta all'OAS, non ho paura di nulla. Kevin Whitaker ha già riconfermato il suo sostegno e ha sottolineato i nuovi passaggi. Abbiamo un libretto degli assegni più forte di quello del regime per rompere l'anello di sicurezza internazionale. "

Guaidó si dirige verso le barricate

Nel febbraio 2014, i manifestanti studenteschi che agivano come truppe d'assalto per l'oligarchia in esilio eressero barricate in tutto il paese, trasformando quartieri controllati dall'opposizione in fortezze violente note come "guarimbas". Mentre i media internazionali ritraevano lo sconvolgimento come una protesta spontanea contro la regola del pugno di ferro di Maduro, ci sono molte prove che fosse Volontà Popolare ad orchestrare lo spettacolo.

"I manifestanti delle università non indossavano le loro magliette, tutti indossavano magliette di Volontà Popolare o Justice First", ha detto un partecipante alla Guarimba all'epoca. "Potrebbero essere stati gruppi di studenti, ma i consigli studenteschi sono affiliati ai partiti politici di opposizione e sono responsabili nei loro confronti".

Alla domanda su chi fossero i capobanda, il partecipante alla guarimba ha dichiarato: "Beh, ad essere onesti, quei ragazzi ora sono in parlamento".

Circa 43 sono stati i morti durante le guarimbas del 2014. Le stesse violenze eruttarono di nuovo tre anni dopo, causando grandi distruzioni di infrastrutture pubbliche, l'assassinio di sostenitori del governo e la morte di 126 persone, molte delle quali erano Chaviste. In diversi casi, i sostenitori del governo sono stati bruciati vivi da bande armate.

Guaidó è stato direttamente coinvolto nelle guarimbas del 2014. Infatti, ha twittato un video in cui si mostrava vestito con un elmetto e una maschera antigas, circondato da elementi mascherati e armati che avevano bloccato un'autostrada e che si stavano impegnando in uno scontro violento con la polizia. Alludendo alla sua partecipazione alla Generazione 2007, proclamava: "Ricordo che nel 2007, abbiamo proclamato, 'Studenti!' Ora, gridiamo, 'Resistenza! Resistenza!' (Otpor! - Nota di CIR)

Guaidó ha cancellato il tweet, dimostrando un'apparente preoccupazione per la sua immagine di paladino della democrazia.

Il 12 febbraio 2014, durante il culmine dei Guarimbas di quell'anno, Guaidó si è unito a Lopez sul palco di una manifestazione di Volontà Popolare e Prima la Giustizia. Con un lungo discorso contro il governo, Lopez esortò la folla a marciare verso l'ufficio del procuratore generale Luisa Ortega Diaz. Poco dopo, l'ufficio di Diaz venne attaccato da bande armate che tentarono di bruciarlo. La Diaz ha definito l'episodio come "violenza programmata e premeditata".

Guaidò9

Guaidó al fianco di Lopez nella fatidica manifestazione del 12 febbraio 2014.

In un'apparizione televisiva del 2016, Guaidó ha liquidato come "mito" le morti risultanti da guayas - una tattica di guarimba che consiste nel piazzare filo spinato su una strada ad altezza della testa per ferire o uccidere motociclisti. I suoi commenti hanno minimizzato una tattica micidiale che aveva ucciso civili disarmati come Santiago Pedroza e decapitato un uomo di nome Elvis Durán, tra molti altri.

Questo insensibile disprezzo per la vita umana definisce Volontà Popolare agli occhi di gran parte del pubblico, compresi molti avversari di Maduro.

La stretta su Volontà Popolare

Con l'intensificarsi della violenza e della polarizzazione politica in tutto il paese, il governo ha iniziato ad agire contro i leader di Volontà Popolare.

Freddy Guevara, vicepresidente dell'Assemblea nazionale e secondo in comando di Volontà popolare, è stato il principale leader delle rivolte di strada del 2017. Di fronte a un processo per il suo ruolo nelle violenze, Guevara si è rifugiato nell'ambasciata cilena, dove rimane.

Lester Toledo, un legislatore di Volontà Popolare dello stato di Zulia, è stato ricercato dal governo venezuelano nel settembre 2016 con l'accusa di finanziamento del terrorismo e di complotto a fine di omicidi. Si dice che i piani siano stati preparati insieme all'ex presidente colombiano Álavaro Uribe. Toledo è fuggito dal Venezuela e ha fatto diverse tournée con Human Rights Watch, la Freedom House, il Congresso spagnolo e il Parlamento Europeo, sostenuto dal governo degli Stati Uniti.

Carlos Graffe, un altro membro della generazione 2007 addestrata da Otpor, che ha guidato Volontà Popolare. E' stato arrestato nel luglio 2017. Secondo la polizia, era in possesso di una borsa piena di chiodi, esplosivo C4 e un detonatore. È stato rilasciato il 27 dicembre 2017.

Leopoldo Lopez, il leader di lunga data di Volontà Popolare, è oggi agli arresti domiciliari, accusato di aver avuto un ruolo chiave nella morte di 13 persone durante i Guarimbas nel 2014. Amnesty International (Un garanzia di parzialità - Nota di CIR) ha elogiato Lopez come "prigioniero di coscienza" e ha sbattuto il suo trasferimento dal carcere a casa "non abbastanza bene". Nel frattempo, i familiari delle vittime di guarimba hanno presentato una petizione per ulteriori accuse contro Lopez.

Goicoechea, il poster-boy dei fratelli Koch e fondatore di Prima la Giustizia, sostenuto dagli Stati Uniti, è stato arrestato nel 2016 dalle forze di sicurezza, che hanno affermato di aver trovato un Kg. di esplosivo nel suo veicolo. In un editoriale del New York Times, Goicoechea ha protestato contro le accuse che definisce false e ha affermato di essere stato imprigionato semplicemente per il suo "sogno di una società democratica, libera dal comunismo". È stato liberato nel novembre 2017.

Guaidò10

David Smolansky, anche lui membro dell'originale Generation 2007 di Otpor, è diventato il più giovane sindaco venezuelano quando è stato eletto nel 2013 nel ricco sobborgo di El Hatillo. Ma è stato spogliato della sua posizione e condannato a 15 mesi di prigione dalla Corte Suprema dopo essere stato trovato colpevole di aver fomentato le violenze delle guarimbas.

Prima dell'arresto, Smolansky si rasò la barba, indossò occhiali da sole e scivolò in Brasile travestito da prete con una Bibbia in mano e il rosario al collo. Ora vive a Washington, DC, dove è stato scelto dal Segretario dell'Organizzazione degli Stati Americani Luis Almagro per guidare il gruppo di lavoro sulla crisi dei migranti e dei rifugiati venezuelani.

Lo scorso 26 luglio, Smolansky ha tenuto quella che ha definito una "riunione cordiale" con Elliot Abrams, il criminale condannato nel processo Iran-Contra, ora mandato da Trump come inviato speciale degli Stati Uniti in Venezuela. Abrams è noto per aver supervisionato la politica segreta degli Stati Uniti di armare gli squadroni della morte di destra durante gli anni '80 in Nicaragua, El Salvador e Guatemala. Il suo ruolo principale nel colpo di stato venezuelano ha alimentato i timori che un'altra guerra per procura potrebbe essere in arrivo.

Guaidò11

Quattro giorni prima, Machado aveva urlato un'altra violenta minaccia contro Maduro, dichiarando che se "vuole salvarsi la vita, dovrebbe capire che il suo tempo è scaduto".

Pedine nel gioco di altri

Il collasso di Volontà Popolare, sotto il peso della violenta campagna di destabilizzazione che aveva avviato, ha alienato il consenso di ampi settori dell'opinione pubblica e ha costretto gran parte della sua leadership in esilio o in carcere. Guaidó è sempre rimasto una figura relativamente minore, ha infatti trascorso gran parte della sua carriera di nove anni all'Assemblea nazionale come sostituto. Originario di uno degli stati meno popolati del Venezuela, Guaidó arrivò secondo alle elezioni parlamentari del 2015, assicurandosi il postoin Assemblea con appena il 26% dei voti. In effetti, si può dire che il suo sedere fosse più conosciuto della sua faccia.

Guaidó è conosciuto come il presidente dell'Assemblea Nazionale, dominata dall'opposizione, ma non è mai stato eletto. I quattro partiti di opposizione che comprendevano il Tavolo di Unità Democratica dell'Assemblea avevano deciso di istituire una presidenza a rotazione. La svolta di Volontà Popolare era in arrivo, ma il suo fondatore, Lopez, era agli arresti domiciliari. Nel frattempo, il suo secondo incaricato, Guevara, si era rifugiato nell'ambasciata cilena. Juan Andrés Mejía avrebbe dovuto essere occupare la presidenza dell'Assemblea, ma per ragioni che ora sono maggiormente chiare, gli fu preferito Juan Guaidò.

"C'è un ragionamento di classe che spiega l'ascesa di Guaidó" osserva Sequera, l'analista venezuelano. "Mejía è di classe alta, ha studiato in una delle università private più costose del Venezuela e non poteva essere facilmente venduto al pubblico come Guaidó. Guaidó ha caratteristiche meticce comuni alla maggior parte dei venezuelani, e sembra più un uomo della gente. Inoltre, non era stato sovraesposto nei media, quindi poteva essere presentato in praticamente qualsiasi salsa. "

Nel dicembre 2018, Guaidó si è recato a Washington, in Colombia e in Brasile per coordinare la preparazione di manifestazioni di massa durante l'inaugurazione della presidenza Maduro. La notte prima della cerimonia di giuramento di Maduro, sia il vicepresidente Mike Pence che il ministro degli esteri canadese Chrystia Freeland hanno chiamato Guaidó per confermare il loro sostegno.

Una settimana dopo, il senatore Marco Rubio, il senatore Rick Scott e il rappresentante Mario Diaz-Balart - tutti i legislatori della base della destra della lobby di esilio cubano di destra - si sono uniti al presidente Trump e al vicepresidente Pence alla Casa Bianca. Su loro richiesta, Trump dichiarò che se Guaidó si fosse dichiarato presidente, lo avrebbe sostenuto.

Il Segretario di Stato Mike Pompeo ha incontrato personalmente Guaidó il 10 gennaio, secondo il Wall Street Journal. Tuttavia, Pompeo non riusci a pronunciare  correttamente il nome di Guaidó quando lo menzionò in una conferenza stampa il 25 gennaio, riferendosi a lui come "Juan Guido".

Guaidò12

L'11 gennaio, la pagina di Wikipedia di Guaidó è stata modificata per 37 volte, mettendo in evidenza la lotta per modellare l'immagine di una figura precedentemente anonima che ora era un tableau per le ambizioni del cambio di regime di Washington. Alla fine, la supervisione editoriale della sua pagina è stata consegnata al consiglio di elite di Wikipedia "bibliotecari", che lo ha definito presidente "conteso" del Venezuela.

Guaidó sarà anche una mezza figura, ma la sua combinazione di radicalismo e opportunismo soddisfa i bisogni di Washington. "Quel pezzo interno era mancante", ha detto di Guaidó un funzionario dell'amministrazione Trump. "Era il pezzo di cui avevamo bisogno perché la nostra strategia fosse coerente e completa".

Brownfield, l'ex ambasciatore americano in Venezuela, ha dichiarato al New York Times "Per la prima volta abbiamo un leader dell'opposizione che sta chiaramente segnalando alle forze armate e alle forze dell'ordine che vuole tenerle dalla parte degli angeli e dei bravi ragazzi. "

Ma è stata Volontà Popolare di Guaidó a formare le truppe d'assalto delle guarimbas che hanno causato la morte di agenti di polizia e comuni cittadini. Si era persino vantato della propria partecipazione alle rivolte di strada. E ora, per conquistare i cuori e le menti dei militari e della polizia, Guaidò ha dovuto cancellare questa storia intrisa di sangue.

Il 21 gennaio, un giorno prima che il colpo di stato iniziasse sul serio, la moglie di Guaidó ha presentato un video che invitava i militari a insorgere contro Maduro. La sua esibizione è stata legnosa e poco accattivante, e sottolinea le limitate prospettive politiche del marito.

In una conferenza stampa di fronte ai suoi sostenitori, quattro giorni dopo, Guaidó ha annunciato la sua soluzione alla crisi: "Autorizzare un intervento umanitario!" (ovvero, autorizzare un'invasione del Venezuela - nota di CIR)

Mentre attende l'assistenza diretta, Guaidó rimane quello che è sempre stato - una marionetta frutto del progetto di ciniche forze esterne. "Non importa se si brucerà dopo tutte queste disavventure", dice Sequera del fantoccio del colpo di stato. "Per gli americani, è sacrificabile."

Guaidò13

Guaidò col grembiulino...

Max Blumenthal è un giornalista pluripremiato e autore di numerosi libri, tra cui "Gomorra Repubblicana", "Golia", "La guerra dei cinquanta giorni" e "La gestione della ferocia". Ha prodotto articoli per numerose pubblicazioni, molti video report e diversi documentari, tra cui "Killing Gaza." Blumenthal ha fondato The Grayzone nel 2015 per puntare un faro giornalistico sullo stato di guerra perpetua dell'America e le sue pericolose ripercussioni domestiche.

Dan Cohen è un giornalista e regista. Ha prodotto reportage video ampiamente distribuiti e materiale cartaceo da tutta Israele-Palestina. Dan è un corrispondente di RT America e tweets a @ DanCohen3000. Vedi il suo sito Web per maggiori informazioni.

Fonte: https://consortiumnews.com/2019/01/29/the-making-of-juan-guaido-us-regime-change-laboratory-created-venezuelas-coup-leader/

Traduzione di Enrico Carotenuto per Coscienzeinrete Magazine

Vota questo articolo
(7 Voti)
The making of Juan Guaidò - Il fantoccio creato in laboratorio per il colpo di stato in Venezuela. - 5.0 out of 5 based on 7 votes