Big Pharma volle corrompere con 32 miliardi il nostro Ministro della Sanità, come al solito. Ma quella volta...

Tina AnselmiEra il 1979, ed intermediari di big pharma vollero corrompere con 32 miliardi di lire depositati in Svizzera un ministro della sanità italiano. Ma quel ministro non era come altri ministri e ministre: era l’eroica antipiduista Tina Anselmi. Che allora era in procinto di cancellare dal mercato migliaia di farmaci unitili o dannosi. Una commissione di scienziati ancora in maggioranza indipendenti aveva lavorato a lungo per stilare quella lista di farmaci da eliminare dai prontuari. Come mai più fecero commissioni successive, infarcite di corrotti. Lei disse di no ai corruttori e firmò comunque il provvedimento di cancellazione. E cosa accadde?

Subito dopo le fecero saltare in aria la macchina con il tritolo. Si salvò solo perché era tornata indietro a chiudere il gas di casa. Ma lei firmò comunque, e crearono enormi problemi a tutta la sua famiglia. E una bomba fu trovata pronta ad esplodere nel giardino della sorella, contigua alla sua. La Tina non era in casa perchè trattenuta all'ultimo momento da un impegno. Quando nel 1984 a Brescia Tina Anselmi raccontò l’episodio, tutti i venduti della politica di allora, invece di solidarizzare con lei, l’accusarono di tirare fuori certe cose per carrierismo. Chi c’era in prima fila? Un po’ tutti, ma i più acidi e malfamanti furono esponenti di destra e i radicali. I primi servi storici degli ambienti atlantisti piduisti, ed i secondi raffinato prodotto fintamente libertario di una precisa corrente massonica internazionale.

Lei firmò comunque quel provvedimento nonostante tutte le pressioni, comportandosi in modo diametralmente opposto ad altre recenti ministre della Sanità. E quindi come Presidente della commissione P2 scoperchiò il verminaio delle infiltrazioni americano-vaticane-massoniche nel tessuto dello Stato. Pagò con la totale emarginazione dalla politica nazionale… Lei che poteva essere una Presidente della Repubblica di garanzia vera per gli italiani. Non come quella serie di garanti dei poteri oscuri internazionali che abbiamo visto negli ultimi decenni.

Cosa avrebbe fatto oggi un Ministro della Sanità come Tina Anselmi rispetto alla offensiva di big pharma sui vaccini? Quello che ha fatto la Lorenzin?

Altre tempre, altre storie, altra etica… Big Pharma è sempre la stessa macchina perversa di corruzione, ma i Ministri della Sanità non sono come la Tina. Proprio no… Se lo fossero, non gli farebbero fare il Ministro.

Vota questo articolo
(56 Voti)
Big Pharma volle corrompere con 32 miliardi il nostro Ministro della Sanità, come al solito. Ma quella volta... - 4.7 out of 5 based on 56 votes