Monti: chi è il ventriloquo? e per Bersani, Berlusconi, Grillo egli altri?

monticaneIn questi giorni, dopo l’arrivo del consulente amerikano di Obama, Monti fa il cattivo. Dice cose anche un po’ scostumate nei confronti degli avversari. Tutti, a tutto campo. E mette in difficoltà anche Casini perché pare gli rubi voti, riducendolo sotto il 4%. Ma le sue percentuali non sembrano aumentare.

Gli hanno persino messo un cane in braccio. E qui si vede che i consiglieri sono americani. Da loro i candidati sempre con mogli, figli e cani. Solo che lì tutti sorridono e fanno bene i simpaticoni. Monti e family proprio non ci riescono a sorridere in modo convincente e a risultare simpatici…  E poi le frasi cattive contro Berlusconi, Bersani e Vendola sono recitate male, con il tono da robot dei vecchi film di fantascienza.

 Chi le scrive ha deciso di basare le sue comunicazioni sulla cattiveria… Ma lui non è cattivo: è solo obbediente. Vediamo se ne i prossimi giorni riusciranno a farlo cantare, ballare e magari suonare il sax…

E il cane? Povero cane… si vede che è capitato in braccio a qualcuno che proprio non sa che farci…

E invece Grillo? Grillo sta conducendo una campagna perfetta: gli evitano i dibattiti, nei quali potrebbe essere messo in difficoltà, lo inquadrano ogni giorno ripetutamente nella sua bella performance eroica di arringare le folle. Dove è veramente bravo. Pare che abbia ormai superato la soglia del 20%

Insomma, dei due terminali dello stesso potere, Grillo è quello che sta lavorando meglio. Del resto lo spettacolo è il suo mestiere.

E poi, ogni voto in più che prende Grillo, recupera i voti che non prende Monti. Infatti un bel successo di Grillo obbligherebbe gli altri a fare fronte comune sotto le bandiere dei professori europeisti di Goldman Sachs.

Berlusconi da parte suo tiene sotto controllo il centro destra… Con una bella campagna elettorale gaglioffa e contaballe. Bersani appare adattisimo a contenere e danneggiare quello che appariva come uno scontato successo del PD. E mentre Ingroia fa l’aspira-frange di sinistra, e l’immagine di Vendola passa volutamente in seconda linea, tutto il quadro politico appare saldamente sotto controllo della stessa compagine gesuito-massonica. Il risultato? Un governo certamente europeista e favorevole alla verticalizzazione ed alla cessione di sovranità Ed una opposizione vociante, chiassosa, ma che sostanzialmente non interferirà con lo stesso progetto. Entrambi collaboreranno a distruggere il sistema politico precedente basato su malapolitica, corruzione e mafie, ma anche su libertà ed autonomia.

In vece di ripulire la politica ce la vogliono togliere del tutto… E non si vedono forze che si oppongono a questo disegno tra quelle che andranno in Parlamento.

Vota questo articolo
(0 Voti)