Economia

L'annuncio incredibile, ma vero:"Cediamo gratuitamente terreni ai giovani per progetti di agricoltura sostenibile"

08 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

campagna1La signora Lia ed il marito Franco hanno di recente pubblicato un annuncio davvero inusuale sul sito del Consorzio della Quarantina, associazione per la terra e la cultura rurale nel genovese.
In un'epoca, infatti, dove il denaro è il re indiscusso e dove si cerca di vendere case, proprietà, terreni al prezzo più alto per potersi arricchire sempre di più questo annuncio sorprende tutti. Più che un annuncio è un appello alla creatività, alla speranza, alla vita.
Vogliono infatti cedere, gratuitamente o mediante un affitto annuale simbolico, i propri terreni per non vederli più abbandonati. Vero, forse se lo possono permettere perchè probabilmente non hanno bisogno di denaro ma chi nella loro situazione ha deciso per questa via?

L'annuncio incredibile, ma vero:"Cediamo gratuitamente terreni ai giovani per progetti di agricoltura sostenibile" - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Divario Nord-Sud: tutto iniziò con l’Unità d’Italia. Con l'Europa faremo la stessa fine?

27 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR NordSudAncora una volta, gli scritti dei grandi meridionalisti del passato trovano un riscontro perfettamente congruente in studi e ricerche attualissimi. Francesco Saverio Nitti, politico lucano e grande esperto di finanze, ne "Il bilancio dello Stato dal 1862 al 1897" sostenne che l'Italia del Regno delle Due Sicilie portava in dote "minori debiti e più grande ricchezza pubblica", fino a ricordare che nel primo periodo si ebbe un notevole "esodo di ricchezza dal Sud al Nord".

Dunque, al contrario di quanto – purtroppo – si continua a leggere e dire a sproposito circa l'incapacità – persino genetica – delle genti del Sud di produrre sviluppo e progresso, lo scenario senza veli e pregiudizi è ben diverso: gli Stati preunitari versavano in condizioni tra loro affini, se non congruenti. La grande soluzione di continuità che innescò la creazione e l'accrescimento del divario tra Nord e Sud del paese furono proprio il processo di unificazione risorgimentale e, soprattutto, le successive politiche in materia di industrializzazione e infrastrutturazione.

Divario Nord-Sud: tutto iniziò con l’Unità d’Italia. Con l'Europa faremo la stessa fine? - 5.0 out of 5 based on 3 votes

TTIP: sanità a rischio.

02 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

TTIP SanitàAnche la BBC fa disinformazione sul TTIP. La Sanità non sarà esclusa dal trattato, come vogliono farci credere, anzi. Vogliono rassicurarci, ma sappiamo bene che da questo trattato non verrà nulla di buono per noi cittadini. Privatizzazioni forzate, cause contro i governi che metteranno in atto tutele per i propri cittadini, ecc. Cronaca di uno schifo annunciato.

TTIP: sanità a rischio. - 4.3 out of 5 based on 3 votes

Ma il Problema della Grecia non e’ il Debito!

19 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

partenone naziDa una parte il dramma del popolo greco che trova in Syriza il suo paladino; dall'altra, la farsa tra quest'ultimo e i vertici UE, che passa dal serio al fuori controllo, per il diletto di osservatori e mezzi di informazione.

di Nino Galloni

Ma il Problema della Grecia non e’ il Debito! - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Siamo alla frutta: tasseranno anche il contante.

18 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

200EuroFra le riforme del governo Renzi spunta oggi la novità della tassa sul contante. Avete letto bene: si tratta di un'imposta di bollo sui versamenti, proporzionale alla quantità di contante versato in banca.

Secondo le ultime notizie di oggi (17 febbraio 2015) sulle riforme del governo Renzi, l'intenzione è quella di tassare i versamenti in contanti per cifre superiori ai 200 euro. Un'idea che va verso lo smantellamento definitivo dell'utilizzo del contante, andandosi ad aggiungere alla fatturazione elettronica e agli scontrini/ricevute digitali.

Siamo alla frutta: tasseranno anche il contante. - 4.4 out of 5 based on 5 votes

MOODY'S S&P E FITCH DEGRADANO SOCIETA' RUSSE E TITOLI, LA CINESE DAGONG DA' ''TRIPLA A'' E SPALANCA LA BORSA DI HONG KONG!

07 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Credit ratingChe la politica antirussa voluta da USA e UE sia stata un colossale disastro lo sanno pure i sassi ma adesso tale decisione rischia di ritorcersi contro le tre agenzie di rating che per troppo tempo hanno fatto il bello e il cattivo tempo senza alcun controllo.

Pochi giorni fa Moody's, Standard & Poor's and Fitch hanno abbassato il rating dei titoli di stato russi e delle piu' grosse societa' russe definendoli spazzatura, un giudizio che di fatto rende impossibile a queste societa' e allo stato russo di raccogliere capitali sui mercati finanziari occidentali.

Tale decisione ovviamente e' stata politicamente motivata ma cio' che nessuno poteva prevedere e' che pochi giorni dopo un'agenzia di rating cinese, la Dagong Global, ha dato a Gazprom la tripla A, il giudizio migliore che una societa' possa ottenere.

MOODY'S S&P E FITCH DEGRADANO SOCIETA' RUSSE E TITOLI, LA CINESE DAGONG DA' ''TRIPLA A'' E SPALANCA LA BORSA DI HONG KONG! - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Io, imprenditore, ecco come mi sono salvato dalle banche

03 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Alunni GiuseppeLui, Giuseppe Alunni, ha 55 anni ed è ternano; alle spalle una famiglia di imprenditori, lui stesso impegnato nell'azienda di famiglia dal 1978, nel campo delle forniture industriali.

La sua "disavventura" con le banche comincia quando l'istituto di credito di riferimento gli dice che il fido è troppo alto e che i crediti non rientrano abbastanza velocemente. I costi per l'indebitamento sono sempre più alti per l'azienda, che comunque continua ad andare bene. Eppure la banca "succhia" linfa vitale. "All'epoca mi capitò di leggere la storia di una donna che aveva ottenuto dalle banche un risarcimento milionario per anatocismo e usura – spiega Alunni - Prendo contatto con un'associazione che segue queste problematiche e scopro un'Italia che si difende, imprenditori che non si rassegnano. Scopro che si occupano dei balzelli e delle truffe che si nascondono in tutte le forme tecniche che intratteniamo nei rapporti bancari: conti correnti, mutui, leasing, derivati, carte di credito, swap. Un'emorragia che dissangua imprese, famiglie e contribuenti. L'illecito nell'applicazione d'interessi e more coinvolge anche gli enti pubblici".

Io, imprenditore, ecco come mi sono salvato dalle banche - 4.0 out of 5 based on 5 votes

Trattato Usa-Ue su commercio, campagna dei gruppi d’acquisto contro il Ttip

02 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

stopttipDa febbraio al via a Milano incontri informativi su una trattativa che riguarda anche la salute, le tutele ambientali, i contratti di lavoro e i diritti dei consumatori. Obiettivo, una mobilitazione massiccia che coinvolga anche i piccoli produttori e cresca man mano che ci si avvicina all'Expo dedicata all'alimentazione.

Quando la cultura vale come il petrolio. «A Civita di Bagnoregio grazie al ticket turistico aboliremo l’Irpef»

31 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

L'annuncio del sindaco che ha avuto la semplice idea di introdurre un biglietto di ingresso al borgo. Mentre i dati Openpolis attestano come poche città in Italia siano capaci di far fruttare gli enormi tesori su cui sono sedute.
bagnoregio

Quando la cultura vale come il petrolio. «A Civita di Bagnoregio grazie al ticket turistico aboliremo l’Irpef» - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Roberto Mancini: come ti cambio l’economia per superare il capitalismo

29 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Mancini2Personalmente, provo un'eccitazione strana quando vengo a contatto con una nuova idea. Non con un'idea qualsiasi, ovviamente: parlo di quelle rarissime idee che ti colpiscono in profondità perché aggiungono dei tasselli a quel mosaico abbozzato che hai sempre in un angolo della mente e che s'intitola "La mia rappresentazione del mondo". Quelle che ti fanno cambiare paio d'occhiali, che ti forniscono una nuova chiave di lettura con cui ti sembra di poter abbracciare tutto.

Roberto Mancini: come ti cambio l’economia per superare il capitalismo - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Una manciata di gruppi privati possiede la maggior parte della terra in Europa

26 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Land grabbingDinamiche nascoste che pochi conoscono ma che sono state rivelate dal rapporto "Land concentration, land grabbing and people's struggles in Europe", 25 autori che hanno esaminato la situazione di 11 nazioni: una manciata di gruppi privati possiede un'estensione enorme di terre in Europa.

La concentrazione della terra in mano a pochi grandi gruppi privati non è solo un problema del Sud del mondo, bensì un'emergenza che coinvolge l'Europa con uguale intensità. E le battaglie (di cui quasi nessuno parla) che i piccoli agricoltori ancora combattono devono essere il segnale di quanto sia necessaria una politica transnazionale in grado di contrastare la concentrazione nelle mani di pochi di un bene che appartiene all'umanità.

QUANTITATIVE EASING O QUANTITATIVE IBRIDUM? (di Nino Galloni)

23 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Quantitative easing
Il quantitative easing (acquisto dei titoli pubblici da parte delle banche centrali) era nato (dopo il 2001) per sottrarre il livello dei tassi di interesse all'onnipotenza del "libero" mercato, dopo che ci si era resi conto del fatto che la piena sottrazione di sovranità monetaria agli Stati, decisa circa vent'anni prima, non funzionava così bene. Non si poteva dire: scusate tanto, abbiamo sbagliato tutto e, quindi, si coniò questo termine allo scopo.

Ciò che la BCE ha varato il 22 gennaio 2015, però, costituisce qualcosa di ibrido e contraddittorio che dovrebbe farci riflettere sulla effettiva situazione europea.

QUANTITATIVE EASING O QUANTITATIVE IBRIDUM? (di Nino Galloni) - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Marinaleda, la città con la disoccupazione allo 0% e le case a 15 euro

13 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Marinaleda è un paese dell'Andalusia dove la disoccupazione non esiste e ci si può costruire casa con 15 euro grazie ad un sistema economico basato sulla cooperazione.
Marinaleda

Marinaleda, la città con la disoccupazione allo 0% e le case a 15 euro - 4.8 out of 5 based on 6 votes

CI STANNO CONTINUANDO A SPOLPARE…

08 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

ninogalloniNon è stata molto approfondita la notizia che, nel corso del 2014, il prezzo del parmigiano è sceso di circa 3 euro al chilogrammo e, quindi, viene venduto senza margini. Cala la domanda interna e calano le esportazioni. Gli addetti sono 20.000, il fatturato 2 miliardi perciò sarebbe sciocco o inutile ipotizzare riduzioni salariali...con un fatturato per addetto pari a 100.000euro. Costa il latte, costa il processo produttivo tradizionale, mentre con i formaggi concorrenti di importazione, per quanto di bassa qualità, una famiglia può comperare da 5 etti ad un chilo contro l'etto di parmigiano stagionato 24 mesi. 

CI STANNO CONTINUANDO A SPOLPARE… - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il viadotto crollato in Sicilia? L'ha fatto la stessa Coop rossa che fa la TAV...

08 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR cmcInaugurato il 23 dicembre e a Capodanno metà carreggiata sprofondata con la statale interrotta per un chilometro. Questo è il risultato del crollo del viadotto Scorciavacche 2, sulla Palermo-Agrigento, che ha fatto gridare allo scandolo il premier Matteo Renzi e il ministro Lupi e generare indignazione per la penisola.

Renzi va giù duro : "Ho chiesto conto all'Anas, è finito il tempo degli errori che non hanno mai un padre". Il ministro Lupi accusa "chi ha costruito l'opera, chi non ha controllato e chi ha dato via libera alle auto". La Procura di termini apre inchiesta per crollo colposo.

Non ci vuole molto a sapere chi ha costruito il viadotto, ma visto che ci siamo lo sveliamo al premier e al ministro: i lavori sono stati realizzati dalla Bolognetta Scpa, un raggruppamento di imprese tra Cmc di Ravenna, Tecnis e Ccc. La Tecnis è l'azienda che dovrebbe costruire, fra l'altro, l'anello ferroviario di Palermo

Il viadotto crollato in Sicilia? L'ha fatto la stessa Coop rossa che fa la TAV... - 5.0 out of 5 based on 6 votes

DIECI ANNI DI EURO: COSTO ACQUA +79,5% COSTO RIFIUTI +70,8% COSTO ELETTRICITA' +48,2% COSTO TRENI +46,3% (EURO FOLLIA)

03 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Euro 10AnniTra il 2010 e il 2014 solo in Spagna le tariffe pubbliche sono rincarate piu' che in Italia. Se a Madrid l'aumento medio e' stato del 23,7 per cento, in Italia l'incremento e' stato del 19,1 per cento. Tra i grandi Paesi d'Europa, invece, la Francia ha registrato un rincaro medio del 12,9 per cento, mentre la Germania ha segnato un ritocco all'insu' dei prezzi solo del 4,2 per cento.

DIECI ANNI DI EURO: COSTO ACQUA +79,5% COSTO RIFIUTI +70,8% COSTO ELETTRICITA' +48,2% COSTO TRENI +46,3% (EURO FOLLIA) - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Le “Orme nel Parco”: cambiare la Calabria è un’impresa eretica (possibile)!

18 Dicembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Parco CalabriaEcco un'altra bella storia del possibile, raccolta da Italia Che Cambia, il movimento fondato da Daniel Tarozzi ed altri, nato per raccontare  e far sentire meno sole tutte quelle attività e persone che fanno le cose in maniera veramente innovativa e sostenibile nel nostro paese.

"Se quello che fate non vi diverte, smettete di farlo e subito". Sono le parole di due economisti svedesi che si leggono sul blog di Massimiliano Capalbo, fondatore di "Orme nel Parco", a commento di una carriera intensa nel turismo e nella comunicazione. E infatti la sua attività imprenditoriale nasce proprio da una passione, "come tutte le cose che meritano di essere realizzate", racconta. "Orme nel parco" viene inaugurato nel 2008 ed è il primo parco avventura eco-esperenziale della Calabria, l'ingresso è gratuito e si pagano solo le attività che si decide di svolgere.

Le “Orme nel Parco”: cambiare la Calabria è un’impresa eretica (possibile)! - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Il paese che si è portato la banda larga da solo (e risparmia)

12 Dicembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Verrua SavoiaMartedì 2 dicembre sul New York Times è stato pubblicato un articolo in cui ci si occupa dell'accesso a Internet in Italia partendo dalla storia di Verrua Savoia, comune del basso Monferrato che si sviluppa su circa 30 chilometri quadrati nella parte più orientale della provincia di Torino, in Piemonte, abitato da circa 1500 persone: «Questo villaggio rurale di collina dove una fortezza del XVII secolo è un ricordo di come gli abitanti scongiurarono gli invasori per centinaia di anni» dice il New York Times «potrebbe sembrare l'ultimo posto in Italia dove trovare una connessione Internet wireless». Ma non è così.
Il New York Times racconta che Daniele Trinchero, professore al Politecnico di Torino nato a Verrua Savoia, ha avviato una sperimentazione e contribuito a creare un'associazione senza scopo di lucro per offrire «quello che lo Stato e le compagnie di telecomunicazioni non sono ancora riusciti a fornire. Il gruppo può essere considerato il primo nel suo genere in Italia». Si tratta cioè del primo operatore di comunicazione non profit.

Il paese che si è portato la banda larga da solo (e risparmia) - 3.5 out of 5 based on 8 votes