Economia

Spending Review: abbasso gli straccioni liberi e viva i ricchi condizionabili!

02 Luglio 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

GiustizianegataIeri riunione del Governo per decidere dove e come operare i tagli di spesa dello Stato. Colpiti in particolar modo sanità, giustizia e personale dello Stato. Le decisioni finali verranno prese in settimana, cercando di aggirare il Parlamento dove diversi provvedimenti potrebbero non passare.








I finti litigi di Monti, vero monarca europeo, forzano l’accordo di Bruxelles.

28 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

resolebuonaEravamo stati facili profeti ieri a parlare di finti litiganti che fanno finta di prendersi a schiaffi.. e che poi finiscono inevitabilmente sul viso della sovranità e dell’indipendenza degli stati. L’accordo al vertice europeo c’è stato. Tutti tirano sospiri di sollievo. Tranne che noi.

Consiglio d'Europa: proveranno a forzare

27 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

eurolandiaOggi e domani si riunisce il Consiglio d'Europa. In agenda le misure da prendere per tentare di bloccare la crisi, quanto meno nei suoi effetti più nefasti. Come il crollo dell'Euro.  Come lo spread che aumenta il debito nonostante le misure draconiane di austerità. E come la recessione indotta dalle stesse misure.

Lo scontro principale è tra le tesi "per la crescita" come vengono definite quelle richieste da Monti, e quelle per ulteriore rigore, richieste dalla Merkel. E dichiarazioni, media e mercati hanno nei giorni scorsi montato un clima da tragedia e da attesa di una soluzione salvifica.    

Ma è tutto un gioco delle parti.

Art. 18: il Parlamento in ginocchio davanti al Messia Eurolandia. Riforma e Controriforma.

26 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

inginocchiioIl Parlamento approva la fiducia posta su due norme del rinnovato art. 18. Sulla flessibilità del lavoro e sugli ammortizzatori sociali.  

Non sarebbero mai state approvate se non usando la clava della crisi economica, dei mercati, dello spread… Ed ora Monti ha imposto l’approvazione con la scusa di arrivare con più forza al famigerato vertice europeo di giovedì e venerdì.

La strategia della tensione economica funziona bene su un Parlamento che non si rende bene conto che ogni votazione che fa accelera la sua fine. Accelera la fine dello stesso sistema politico e di partiti che lo esprime. Ogni voto che produce è una ulteriore spinta vero il “tutti a casa” (o quasi) di questa classe politica imbelle ed imbrogliona.

I fantasmi della paura per preparare il vertice europeo

25 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

paura1Si vuole fare una forzatura al prossimo consiglio europeo di giovedi, se ci si riesce… O quanto meno farne una tappa importante dell'accelerazione del superstato europeo. E allora il clima di disastrosenonsifaqualcosadiforte é stato montato in tutti i modi con dichiarazioni allarmiste di tutti, da Draghi a Obama alla Lagarde... E l'aiuto pilotato di mercati in perenne e disastrosa altalena.

Per montare la tensione ben benino ci vuole poi qualcuno che si presti a fare la parte del cattivo. Spesso da secoli questo ruolo tocca ai tedeschi. Che poi finiscono per esserne sempre vittime anche loro.

Sì, ci hanno sempre truffato,... e ce lo dicono pure!

20 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

eurotruffaUn interessante articolo sul tema del signoraggio bancario, e su come ormai gli stessi euroburocrati non nascondano più che l’Euro è una vera e propria truffa nei confronti dei cittadini europei. A noi il compito di informarci vicendevolmente sulla vera natura schiavizzante del potere eurocentrico e di trovare tutte le possibili vie alternative per affermare la nostra libertà. Come il sistema di arcipelago SCEC, o qualsiasi altra iniziativa che incrini pacificamente ed orizzontalmente il sistema.

 

Leggi l’articolo: http://rapportoaureo.wordpress.com/2012/03/13/euro-arriva-la-conferma-dellue-ci-hanno-sempre-truffato/

Grecia, G20, spread giù e poi su, borse su e poi giù: perché questa altalena?

18 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

altalenaI greci chinano la testa al commissariamento europeo, e allora le borse schizzano in su – perfino le asiatiche – e lo spread cala. Dopo poche ore inversione di tendenza brutale…

E subito il coretto dei giornali e di Monti & co. a dire che è naturale… perché certamente il risultato elettorale greco non basta.. Ci vuole ben di più. Il ben di più è sempre qualcosa in direzione del Superstato centrale europeo.

Più lavoro meno ferie: la ricetta di Polillo. Noi rilanciamo...

18 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

pilChe invenzione geniale. Che trovata fantastica! Il sottosegretario all'Economia Polillo dice che potrebbe essere un'ottima idea quella di abolire una settimana di ferie all'anno. E così il PIL, il santo graal della finanza, potrebbe aumentare di ben un punto!!!

Ma che idea stupenda... E dice che con lui sono già d'accordo molti ambienti imprenditoriali e persino sindacali.

 

Decreto sviluppo del Governo: “Tranquilli non vi vogliamo morti…”

15 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

montiQuesto sembra il senso del maxi decreto per lo sviluppo lanciato dal governo sui giornali di questa mattina.

I provvedimenti tendono a dare fiato all’edilizia, per la felicità dei grandi costruttori, ma anche per consentire migliori prospettive ad un settore trainante per decine di milioni di persone a tutti i livelli ed in tutto il Paese. E poi semplificazioni amministrative, incentivi alla green economy, riduzioni di personale e di spese di alcuni enti, ecc…

Aiuto! ...arrivano lo Sforzo Raddoppiato e la Grande Svendita

13 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

farsaUlteriori scene della Farsa dell’”Accelerazione Necessaria”

La farsa continua: un ministro austriaco dice fuori scena che l’Italia avrà bisogno di aiuto come la Spagna e la Grecia, e allora sul telo di fondo si vedono le frecce dei mercati  che vanno giù mentre lo spread schizza in alto. Sul proscenio Monti convoca convulsamente i leaders della maggioranza per un incontro di emergenza...

Il funzionario italiano che faceva paura a Kohl

11 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

L oscuro funzionario1Un interessante articolo sull'esperienza di vita di Nino Galloni, economista, ex direttore generale del ministero del lavoro e del ministero del bilancio (economia). Anche Galloni è parte attiva del movimento del risveglio, ha partecipato ai convegni di Coscienze in Rete, e la sua testimonianza cruciale ed autorevole mette in risalto come l'opera di sottrazione di sovranità vada avanti da lungo tempo. Nino Galloni è uno dei docenti del nostro Master di Formazione Politico-Spirituale

(http://www.coscienzeinrete.net/formazione )

Christine Lagarde ci dà meno di tre mesi di tempo. E noi li usiamo come ci pare.

11 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

lagardepauraPraticamene ogni giorno continua la campagna di pressioni e terrorismo sui paesi europei, per spingerci ad accelerare la formazione del superstato centrale europeo. Ora lo fa Christine Lagarde, al vertice del famigerato Fondo Monetario Internazionale. Quello che si occupa di affossare gli stati comportandosi come una sorta di mega-usuraio internazionale: l’archetipo dello strozzinaggio planetario.


Madame la Peur...

Arcipelago SCEC al TED di Bologna!

08 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Arcipelago SCEC1Lisa Bortolotti presenta l'arcipelago SCEC al TED di Bologna (Technology Entertainment Design), il cui motto è "idee che vale la pena di diffondere". Lo SCEC è sicuramente una di queste idee.



Rai: il Golpe degli eurocrati “superpartes”

08 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

golpe1Con una mossa improvvisa, a freddo, Monti ha nominato in un colpo solo – cosa del tutto insolita – Presidente e Direttore Generale della Rai. E gli ha attribuito poteri enormemente superiori a quelli precedenti. I virtuali "carri armati" eurocratici si sono impossessati della Televisione di Stato.

E' giusto onorare i debiti?

07 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

è giusto onorare i debiti1

Pierluigi Paoletti, economista, creatore dell'arcipelago SCEC, da tempo parte intelligentemente attiva della nostra Rete, ci spiega in parole semplici la creazione e la quantità di debito pubblico generata dal signoraggio.

Molti di noi basano i loro giudizi sulla loro esperienza di vita e reputano quindi giusto onorare i propri debiti per non minare la fiducia che necessariamente si instaura nei rapporti fra le persone. La bravura del sistema è proprio giocare su questo spostando però la questione sul macro e senza porre i giusti correttivi.

Mi spiego meglio: tutti hanno bisogno di un mezzo di scambio se non si vuole barattare giusto? Quindi il mezzo di scambio è, o meglio dovrebbe essere, solo la rappresentazione di quanto io produco, arigiusto?

Allora facciamo 10.000 la produzione globale di un paese e 1000 la quantità del mezzo di scambio necessario a scambiare le merci e i servizi, ipotizzando che questo mezzo di scambio passa di mano 10 volte (Velocità di circolazione). Il rapporto indebitamento/PIL sarà quindi del 10%.

Questo mezzo di scambio però lo può produrre solo un privato che "giustamente" lo presta contro un interesse del 5%.

Con la scusa di difendere l’Euro parte la grande offensiva per la costruzione del Superstato Centrale Europeo

04 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

superstato“Più costruiscono un mondo schiavo del potere oscuro, più dovremo noi costruire con amore un mondo parallelo di libertà luminosa!”

Le razzie protette dei vampiri del gioco d’azzardo. Ancora regali ai biscazzieri.

01 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

azzardo1Nel berlusconiano decreto anticrisi del 2008, venne infilata una clausoletta che consente ora di restituire ai concessionari di slot machines ben 285 milioni di Euro, per “sconti fiscali”

Ma perché bisogna dare sconti fiscali a chi ha trasformato l’Italia in un casinò? A chi sta rovinando un numero enorme di famiglie e rendendo disperate tantissime persone troppo deboli per resistere? Dalle tabaccherie ai bar, quello che una volta veniva ritenuto pericoloso e degradante, è stato diffuso ovunque. Nel silenzio generale dei media…

E non basta...

Oggi ci propinano brutte notizie in economia. Usiamole bene.

01 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

crescitaDati negativi sulla disoccupazione europea. In Italia l’11%, con i giovani che arrivano al 35,9% In un anno 620.000 disoccupati in più. Grecia e Spagna vanno male e le borse anche ieri in picchiata.

Una Irlanda terrorizzata dalla crisi vota in maggioranza per la perdita di sovranità accettando il “fiscal compact” europeo, vale a dire il commissariamento dei propri bilanci da parte di Bruxelles.

La ripresa negli USA non decolla, e Obama accusa l’Europa perché fa poco per fronteggiare la crisi. Si preoccupa perché non sa proprio cosa dire ai suoi elettori per essere riconfermato: le guerre sono ancora lì. Guantanamo pure, la crescita non c’è stata… E poi si dimentica che la crisi non nasce in Europa, ma proprio negli USA, dalle razzie consentite dai politici americani, di ogni colore partitico, ai corsari della finanza dei derivati. Che hanno fatto e fanno da padroni alla Casa Bianca ed al Congresso. Ipocrisie…

I dati macroeconomici sono negativi e per di più ce li propinano in modo terrorizzante, per spingerci nelle braccia del superstato centralizzato. Noi concentriamoci sulla crescita di tante microeconomie virtuose, intorno a noi: gruppi d’acquisto, investimenti etici, solidarietà, iniziative eque e solidali, bio, monete complementari… Rivediamo in modo virtuoso le priorità nei nostri acquisti.

La crisi è un’ottima occasione di crescita vera!