Economia

Con la scusa di difendere l’Euro parte la grande offensiva per la costruzione del Superstato Centrale Europeo

04 Giugno 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

superstato“Più costruiscono un mondo schiavo del potere oscuro, più dovremo noi costruire con amore un mondo parallelo di libertà luminosa!”

Le razzie protette dei vampiri del gioco d’azzardo. Ancora regali ai biscazzieri.

01 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

azzardo1Nel berlusconiano decreto anticrisi del 2008, venne infilata una clausoletta che consente ora di restituire ai concessionari di slot machines ben 285 milioni di Euro, per “sconti fiscali”

Ma perché bisogna dare sconti fiscali a chi ha trasformato l’Italia in un casinò? A chi sta rovinando un numero enorme di famiglie e rendendo disperate tantissime persone troppo deboli per resistere? Dalle tabaccherie ai bar, quello che una volta veniva ritenuto pericoloso e degradante, è stato diffuso ovunque. Nel silenzio generale dei media…

E non basta...

Oggi ci propinano brutte notizie in economia. Usiamole bene.

01 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

crescitaDati negativi sulla disoccupazione europea. In Italia l’11%, con i giovani che arrivano al 35,9% In un anno 620.000 disoccupati in più. Grecia e Spagna vanno male e le borse anche ieri in picchiata.

Una Irlanda terrorizzata dalla crisi vota in maggioranza per la perdita di sovranità accettando il “fiscal compact” europeo, vale a dire il commissariamento dei propri bilanci da parte di Bruxelles.

La ripresa negli USA non decolla, e Obama accusa l’Europa perché fa poco per fronteggiare la crisi. Si preoccupa perché non sa proprio cosa dire ai suoi elettori per essere riconfermato: le guerre sono ancora lì. Guantanamo pure, la crescita non c’è stata… E poi si dimentica che la crisi non nasce in Europa, ma proprio negli USA, dalle razzie consentite dai politici americani, di ogni colore partitico, ai corsari della finanza dei derivati. Che hanno fatto e fanno da padroni alla Casa Bianca ed al Congresso. Ipocrisie…

I dati macroeconomici sono negativi e per di più ce li propinano in modo terrorizzante, per spingerci nelle braccia del superstato centralizzato. Noi concentriamoci sulla crescita di tante microeconomie virtuose, intorno a noi: gruppi d’acquisto, investimenti etici, solidarietà, iniziative eque e solidali, bio, monete complementari… Rivediamo in modo virtuoso le priorità nei nostri acquisti.

La crisi è un’ottima occasione di crescita vera!

Oggi Berlusconi: stampiamo moneta! se non la stampa l'Europa la stampiamo noi!

31 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

berlusconiMa perchè le cose giuste le dicono solo quando escono da Palazzo Chigi?

Berlusconi: “Vi dico la mia pazza idea. Se non viene stampata altra moneta dalla Bce, stamperemo noi la nostra moneta con la nostra Zecca"... "Monti deve chiedere che l'Europa stampi moneta. Se così non fosse, sarebbe meglio uscire dall'euro, pur restando nell'Unione europea... La Banca centrale o diventa di ultima istanza o si deve porre il problema dell'Europa o meglio della Germania in Europa", ha spiegato l'ex premier.

Forse si è accorto di chi sono i suoi nemici. E che sono gli stessi dell’indipendenza e della libertà di questo Paese.

Processo BNL-UNIPOL: Si salvano i pezzi grossi del connubio Finanza-Affari-Opus Dei.

30 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

faziocaltagironoAssoluzione in secondo grado per i "pezzi grossi" coinvolti nella truffaldina scalata BNL-UNIPOL.

Ce lo aspettavamo: ci sembrava strano che fedeli scrupolosi a certi poteri, come Fazio, Caltagirone & co, dovessero alla fine entrare nelle patrie galere.

Non auguriamo a nessuno di andare in prigione. Soprattutto visto il penoso stato di lager dei nostri istituti di pena.

Draghi: Bene! Ora stringiamo il cappio sulla residua libertà finanziaria dei popoli europei.

30 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

cappioIl presidente della Bce Mario Draghi ha propugnato oggi a Bruxelles una «unione bancaria» fra i Paesi dell'eurozona, basata su tre pilastri: «Un sistema di garanzia europea dei depositi, un fondo europeo di risoluzione (per i fallimenti bancari, ndr) e una più forte centralizzazione della vigilanza bancaria» a livello Ue.

Come dire: Fino ad ora abbiamo seminato... ora passiamo a raccogliere!

Terremoti: Il governo può veramente fare qualcosa. Ma deve mettere da parte le lacrime di coccodrillo e liberarsi dai condizionamenti dei poteri oscuri

29 Maggio 2012 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Terremoti il governo può4“I terremoti sono fenomeni naturali, ma non è naturale che crollino edifici ogni volta che la terra si scuote. In altri paesi non succede“.

Così si è espressa Elsa Fornero, ministro del lavoro nel governo Monti. Questo commento è fuori luogo per vari motivi.

Si rafforza l'idea degli eurobond: cosa significa.

25 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

eurobonds

Timeo Danaos et dona ferentes

Monti si dice fiducioso per gli Eurobond, dice che si faranno, vincendo le resistenze della Merkel… Vediamo cosa c’è sotto nell’articolo: http://www.coscienzeinrete.net/economia/item/300-misure-europee-per-la-crescita-un-altro-passo-degli-usurai-verso-il-superstato-europeo



La "democrazia" dello spread

18 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

La democrazia dello spreadIn questo articolo Luca Bastianelli, pur rendendosene conto solo parzialmente, si addentra nel funzionamento di certi meccanismi che vengono usati contro la coscienza. Nell'articolo si addossano le colpe ad una politica marcia ed incapace di fare nulla. Noi sappiamo bene che in realtà il livello politico è una facciata, dove non sono in grado di fare nulla, proprio perchè mancano di reale peso. E sappiamo dove vogliono andare a parare con tutto questo teatrino. Ma la descrizione dei meccanismi, da parte di Luca, è ottima.

In Europa cresce solo chi è fuori dall'Euro

18 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

lo strano monito di monti2L'Europa si divide sempre di più. Mentre i Paesi fuori dall'eurozona crescono a ritmo ancora sostenuto, quelli dentro, compresa la rigorosa Olanda, non sanno più correre. E l'Italia è nel gruppo dei più lenti, insieme alla Spagna e a due nazioni salvate dal Fmi, Grecia e Portogallo. Come dice la banca anglo-asiatica HSBC: «Tre velocità per l'Europa sono troppe. Sono troppi gli squilibri, troppe le disparità. Forse bisognerebbe ripensare all'intero sistema».


La mia pensione

15 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

La mia pensione2In questo articolo, Stefano Rofena ci offre uno spunto per meditare sui nostri bisogni reali, e sulle nostre motivazioni nella vita di tutti i giorni.

Lidia Undiemi - Il MES: la finanziarizzazione della democrazia

14 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Lidia undiemi2In questo  video, Lidia Undiemi spiega gli enormi pericoli del MES. I media non ne parlano, I partiti fanno gli gnorri, nonostante ci rimettano anche le mutande. Gli italiani, e non solo, ancora una volta vengono costretti ad una cessione della propria sovranità, senza neanche esserne informati. La Undiemi ci spiega perchè tutti i cittadini dovrebbero incatenarsi davanti al parlamento pur di evitare questo golpe silenzioso.

Noi riteniamo sia nostro dovere favorire la circolazione di questo video, e vi preghiamo di fare altrettanto. 

Quando lo spread non faceva paura

12 Maggio 2012 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Quando lo spread3Ci fu un tempo in cui nessuno si preoccupava per lo spread.
Eppure, a quei tempi, era più alto di quanto fosse all'apice della "crisi" che ci ha regalato il governo Monti.



 

Misure europee per la crescita? Un altro passo degli usurai verso il Superstato Europeo.

08 Maggio 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

imperoromanoAdesso Monti e gli altri centralizzatori europei, come il neopresidente francese Hollande, insistono a gran voce per misure per la crescita. Che deve prendere l’Europa, il nuovo Messia che risolve tutto! “Basta solo con misure di rigore e austerità, come tagli e tasse – dicono queste finte mammolette - E’ ora di prendere provvedimenti per rilanciare l’economia! Convinceremo i riottosi, come la Germania…”

Questo dovrebbe rassicurarci, e i media asserviti al potere tentano di farlo. Ma vediamo cosa si cela dietro le "buone" intenzioni.

Un’onda di suicidi provocata dalla crisi. Cosa succede? Cosa possiamo fare?

06 Maggio 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

vangoghdepressioneLa crisi economica si abbatte come un maglio sulle tante “certezze” faticosamente conquistate. E colpisce un po’ tutti, ma in particolare i ceti cosiddetti deboli, come pensionati, disoccupati e precari. Ma anche imprenditori che non riescono più a fare fronte agli impegni presi, per le difficoltà dell’economia. Ma sempre più spesso anche per la politica rigida e usuraia delle banche e per un fisco sempre più opprimente.

I poteri di manipolazione che tendono a schiavizzare le masse vogliono spingerci ad aumentare i livelli di ansia e di paura, per controllarci meglio, per limitare la nostra libertà e quindi per frenare i risvegli di coscienze.

L'IMU? La paga l'azienda!

03 Maggio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

GiuseppeMoro Convert1Interessantissimo servizio del TG2 sull'iniziativa di solidarietà con i propri dipendenti di Giuseppe Moro, proprietario dell'azienda Convertitalia. L'azienda, operante in uno dei pochi settori in crescita della nostra economia, quello delle energie alternative e rinnovabili, ha deciso di pagare l'IMU dei propri dipendenti, per compensarli della perdita di capacità d'acquisto decretata dai cosiddetti "tecnici".

"Naturalmente" Giuseppe fa parte da anni della nostra Rete di coscienze al lavoro per la diffusione della cultura della crescita interiore, perchè diventi crescita della società. E' uno di noi!

 

Per una rete elettrica nazionale intelligente

26 Aprile 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

per una rete elettric nazonale intellignteL'Italia è il maggior produttore di energia sostenibile d'Europa, ma gran parte di questa viene buttata, perchè la rete elettrica esistente non è in grado di gestirla. Per fare una rete intelligente, che garantirebbe il futuro energetico del nostro paese, bisognerebbe fare un investimento grossomodo simile a quello che s vuole fare per la TAV. Per capire meglio i motivi reali dietro la scelta di sovvenzionare la TAV, piuttosto che una rete elettrica all'avanguardia, vi rimandiamo al nostro articolo http://www.coscienzeinrete.net/index.php/politica/item/157-tav-%E2%80%93-il-super-stato-oligarchico-il-controllo-delle-masse-e-dei-mezzi-e-la-crescita-della-coscienza

Per capire cosa è una rete intelligente e come si potrebbe fare, pubblichiamo un interessante articolo di Filippo Zuliani

 

 


Krugman: “L’Europa va al suicidio. L’alternativa ormai è uscire dall’Euro”

26 Aprile 2012 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

krugman 1

Quale è la strategia economica delle forze dell'ostacolo?  Ovviamente, una che non può reggere allo scrutinio del buon senso. Figuriamoci a quello degli economisti seri. Una strategia di sottomissione ed accentramento. A tal proposito, pubblichiamo un articolo di Valerio Spositi


 

Pagina 14 di 14