Economia

La lobby (bancaria) perde, il mercato ringrazia

21 Settembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

LarrySummersQualcosa sta succedendo in America; qualcosa, stavolta, di positivo. La lobby che voleva la guerra in Siria è stata costretta a rinunciare all'attacco, per l'opposizione di Putin ma anche perché era politicamente imbarazzante, considerato che oltre il 65% degli americani era contrario. Ora uno degli uomini più potenti d'America, il rappresentante più obliquo della lobby finanziaria, Larry Summers è stato costretto a rinunciare alla nomina a governatore della Federal reserve, nomina che sembrava scontata.

La lobby (bancaria) perde, il mercato ringrazia - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Apre a Torino il primo Sportello di Educazione Finanziaria Indipendente

07 Settembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

CajelliMolti di noi possono avere problemi nei rapporti con la nostra banca, o  nel far quadrare il bilancio familiare. I moduli, le comunicazioni con gli enti creditizi e finanziari spesso sono in un linguaggio che fatichiamo a comprendere, o che presuppone, chissà perchè, un'educazione di settore che naturalmente non tutti possono avere.

Risulta quindi interessante ciò che si sta facendo a Torino, con l'apertura di uno sportello di informazione ed educazione finanziaria indipendente, dove finalmente si potrà chiedere ad esperti, evitando di affidarsi esclusivamente a chi, per forza di cose, deve fare l'interesse del proprio datore di lavoro. In questo sportello si fa l'interesse del cittadino.

In Abruzzo si combatte la crisi con una nuova moneta

02 Settembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Ad Avezzano (L'Aquila) i nuovi acquisti si faranno con il Marso, la moneta cittadina coniata dal Comune per i suoi cittadini.

Lo riporta Il Centro di oggi, che spiega come il progetto abbia il preciso compito di rilanciare l'economia locale e ridare fiato ai negozi di vicinato.

Marso

In Abruzzo si combatte la crisi con una nuova moneta - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Equitalia e la lista degli intoccabili

24 Agosto 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

equitalia4Sono ben 545 i miliardi di euro di tributi non riscossi da Equitalia. Il terrorismo tributario commesso da Equitalia non ha risparmiato nessun cittadino, o quasi. Nessun comune cittadino può, infatti, avere privilegi nei confronti di fisco e tasse, nessun comune cittadino che non appartenga ai giusti ambienti, ai salotti importanti.

Equitalia e la lista degli intoccabili - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Prelievo coatto: tassa sui depositi in Australia

06 Agosto 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

BowenSi crea un pericoloso precedente. D'ora in avanti aprire un conto corrente in Australia vorrà dire in molti casi contribuire con i propri risparmi al finanziamento di un fondo per salvare la banca.

Energia solo da fonti rinnovabili, che fa l’Italia mentre il mondo si sfida?

26 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

nelson-mandela"The technology is in place;
anyone who tells you we can't bring about a system
based on 100% renewable energy sources right now
probably acts out of vested personal interest."

La tecnologia esiste.
Chiunque vi dice che non si puo' creare
un sistema basato al 100% sulle energie rinnovabili
probabilmente agisce sulla base di interessi personali.
Timon Meyer, Senior Advisor, Clean Tech Business Park, Berlin

 

Abbiamo investito in modo dissennato nelle energie rinnovabili,
eravamo ubriachi?
Paolo Scaroni, Amministratore Delegato, Ente Nazionale Idrocarburi

 

It always seems impossible until it's done. (sembra sempre impossibile, finchè non l'hai fatto)
Nelson Mandela

 

Energia solo da fonti rinnovabili, che fa l’Italia mentre il mondo si sfida? - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Gli elettrodomestici durano poco? E’ perchè sono progettati per rompersi !!

20 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR ObsolescenzaUno studio tedesco mette in luce come gli elettrodomestici siano progettati per durare un tempo limitato per costringerci poi a sostituirli..

La capacità di un oggetto di rompersi subito dopo la scadenza della garanzia ha un nome, si chiama 'obsolescenza programmata' e serve a produrre e vendere di più, ovviamente a discapito dei consumatori.

Pensate che, sempre secondo lo studio fatto in Germania, si potrebbero risparmiare 101 miliardi di euro se gli elettrodomestici dei tedeschi non si rompessero dopo la data prevista per la scadenza della garanzia, e se non fossero progettati in maniera tale da evitare come la peste le riparazioni, che sono carissime e poco durature.

Gli elettrodomestici durano poco? E’ perchè sono progettati per rompersi !! - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Saldi, Saldi, Saldi!

19 Luglio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

CIR SaldiCome volevasi dimostrare, la svendita del paese va avanti alla grande, grazie al ministro Saccomanni, pupillo di Draghi e Monti, appartenente agli stessi giri mondialisti.

L'erede di Prodi e Amato prosegue col piano: l'annullamento della sovranità politica ed economica.

E' di oggi la notizia che il ministro dell'economia e delle finanze, il banchiere Saccomanni, vuole mettere in vendita gi ultimi gioielli di famiglia: Enel, Eni e Finmeccanica. Praticamente ciò che rimane da vendere. Enrico Mattei, colui che pagò con la vita l'aver messo l'Italia sulla mappa della competizione internazionale sull'energia, si starà rivoltando nella sua prematura tomba. L'Italia così smette di essere un competitor, e diventa definitivamente un semplice "consumatore".

 

Saldi, Saldi, Saldi! - 1.0 out of 5 based on 1 vote

L’Ungheria caccia il FMI, “abbiamo pagato, andatevene”

18 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR ByebyeBabyL'Ungheria si riprende la propria sovranità economica e con una nota che non lascia spazio a dubbi invita, senza giri di parole, i rappresentati del Fondo Monetario Internazionale a fare le valigie. Niente più controlli, niente più uffici a Budapest e niente più funzionari nei corridoi della banca centrale.

Alla vigilia delle elezioni politiche il governo di Viktor Orbàn ha voluto quindi dare un segnale forte alla popolazione. Dopo aver goduto degli aiuti del FMI per quasi 5 anni, il Paese è pronto a riavere la propria sovranità e non ha intenzione di aspettare.

Con un atto che va molto al di là del suo puro aspetto simbolico, il governatore della banca centrale ungherese György Matolcsy ha chiesto ai rappresentanti del Fondo di andare via e chiudere tutti gli uffici di Budapest.

L’Ungheria caccia il FMI, “abbiamo pagato, andatevene” - 3.3 out of 5 based on 6 votes

Come uscire dalla crisi: la moneta complementare

16 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

come-uscire-dalla-crisiOvunque rivolgiamo l'attenzione risulta ormai palese l'inevitabilità di un fatto: il nostro paese, come tanti altri, è tremendamente in crisi economico-finanziaria.
Dati alla mano la maggior parte delle aziende non solo fanno fatica a guadagnare, ma in molti casi ci rimettono, continuando a reinvestire il denaro accumulato in tempi migliori con la speranza che le cose cambino. Per non parlare delle persone, Confesercenti ha misurato che 6,2 milioni di italiani non si nutrono abbastanza, ovvero il 10% della popolazione.
Ma da cosa è dovuta questa crisi?
Oltre al sistema economico-finanziario a debito che trasforma la moneta in un fine e non in uno strumento di misurazione per facilitare lo scambio (per approfondire vedi il mio articolo 'Come uscire dalla dipendenza del denaro'), la crisi attuale è dovuta da un fattore molto semplice: la mancanza di moneta in circolazione. In molti casi non ci manca né la voglia di lavorare, né la voglia di crescere insieme arricchendo la nostra economia tramite lo scambio di beni e servizi necessari al nostro vivere quotidiano.

Come uscire dalla crisi: la moneta complementare - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Bomba a orologeria nei conti dello stato?

28 Giugno 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

bomba0C'È UNA BOMBA A OROLOGERIA DI 8 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI NEI CONTI DELLO STATO. SI TRATTA DI DERIVATI ACCESI DA MARIO DRAGHI, CHE FU DIRETTORE GENERALE DEL TESORO TRA IL 1991 E IL 2001, PER CONSENTIRE L'ENTRATA DELL'ITALIA NELLA MONETA UNICA. LA TECNOCRAZIA CHE HA PROSPERATO INTORNO AL MINISTERO DEL TESORO, DA DRAGHI A GRILLI, DA AMATO A SACCOMANNI, DA CIAMPI A LA VIA, CI HA MENTITO PER ANNI. L'ENTRATA DELL'ITALIA NELL'EURO NON FU SOLO VIRTÙ E TASSE MA ANCHE MOLTA FURBIZIA ALIMENTATA E FOMENTATA DALLE BANCHE D'AFFARI, GOLDMAN SACHS E JP MORGAN (I CUI VERTICI FANNO ANCHE PARTE DELL'ELITA CHE HA VOLUTO E CONTROLLA QUESTA EUROPA ndr), CHE POI HANNO RIPAGATO I "CIVIL SERVANT" CON LAVORI O CONSULENZE LAUTAMENTE PAGATE. SI CAPISCE COSÌ LA RITROSIA E I SILENZI DELLA BANCA D'ITALIA E DELLA POLITICA A SANZIONARE IN MANIERA ESEMPLARE I PROTAGONISTI DELLO SCANDALO MPS. COME POTEVANO SCAGLIARE LA PRIMA PIETRA CONTRO L'USO DISINVOLTO DEI DERIVATI COLORO I QUALI LI HANNO AMPIAMENTE USATI PER COSTRUIRE LA LORO IMMAGINE DI SALVATORI DELLA PATRIA?

 

Bomba a orologeria nei conti dello stato? - 4.0 out of 5 based on 2 votes

La Francia rinvia i progetti per l’alta velocità a dopo il 2030: non ci sono più soldi.

25 Giugno 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

TGVMentre a metà giugno vengono stornati fondi dal progetto Tav Torino-Lyon (524 milioni di euro) e Terzo valico (770 milioni di euro) che il decreto Fare dirotta sul progetto "sblocca cantieri" (la Repubblica); mentre si attendono i primi di luglio per sapere con qualche certezza quali saranno le disponibilità di finanziamento europeo (13 miliardi da suddividere tra una congerie di opere messe in cantiere dai 28 Stati interessati: Nuova Società) la Francia si sta facendo i conti in tasca e scopre di non aver più soldi per i grandi progetti e per linee ad alta velocità.

La Francia rinvia i progetti per l’alta velocità a dopo il 2030: non ci sono più soldi. - 2.0 out of 5 based on 2 votes

“Ansa: Blitz GdF contro falsari, 77 arresti”

22 Giugno 2013 Scritto da Maurizio Montalto
Pubblicato in Economia

Bandadeglionesti"Il Sole 24 ore" dice dei falsari che "non erano innocenti come Totò e Peppino nella Banda degli onesti". Ma la loro impresa criminale ci fa riflettere. Apre le porte a un interrogativo. Ma se le loro monete sono clandestine, in Italia chi stampa i soldi? A Totò avrebbero risposto: lo Stato. Sulle prime lire troviamo scritto "biglietto di Stato – a corso legale". Oggi le cose stanno diversamente, sulle monete troviamo solo la griffe: BCE. 

“Ansa: Blitz GdF contro falsari, 77 arresti” - 2.3 out of 5 based on 4 votes

Bikenomics: la crisi sconfitta dalle 2 ruote?

13 Giugno 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR bikenomicsPiù biciclette che automobili. Sono questi i dati di vendita relativi al 2012. E se la bicicletta potesse contribuire alla nascita di nuove attività economiche e di nuovi lavori?

Bikenomics: la crisi sconfitta dalle 2 ruote? - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Agire dal basso contro la finanza casinò

13 Giugno 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR CasinoDa dove possiamo cominciare per cambiare la finanza? Da una semplice domanda: dove finiscono i soldi che diamo alle banche? E davvero dobbiamo darli proprio a loro?

Agire dal basso contro la finanza casinò - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Helena Norberg-Hodge: più forza all’economia locale per uscire dalla globalizzazione

10 Giugno 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Helena norberg hodgeL'ambientalista svedese, nel suo docu-film "L'Economia della felicità", indica la strada per uscire dalla crisi ecologica e sociale, combattendo la logica del profitto e della crescita a tutti i costi

di Michele Novaga

Helena Norberg-Hodge si occupa da anni di studiare i fenomeni di economia locale per contrapporli alla globalizzazione e alla logica del profitto delle multinazionali.
Antropologa, ricercatrice e autrice del docu-film l'Economia della felicità spiega in questa intervista, a margine di uno dei tanti incontri cui ha partecipato nell'ambito della "Terza conferenza sulla decrescita Venezia 2012″, che la globalizzazione è una deregulation dell'economia globale, creata abolendo le leggi che proteggevano le società e gli stati per abusare del profitto. E che, per vincerla, bisogna ridare forza alle comunità locali e alle produzioni a basso impatto....

Come si sconfigge la globalizzazione?

Helena Norberg-Hodge: più forza all’economia locale per uscire dalla globalizzazione - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Draghi supera se stesso

08 Giugno 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR DraghidebitoSi rimane sempre più basiti per certe dichiarazioni fatte da personaggi che rivestono ruoli di rilievo nelle istituzioni finanziarie, in particolare se queste dichiarazioni sono rilasciate addirittura dal capo (formale) della più importante istituzione finanziaria europea, che è la BCE.

di Cesare Padovani

Draghi supera se stesso - 4.3 out of 5 based on 7 votes

La Primavera facciamola anche noi! Così come la Natura…

29 Maggio 2013 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Economia

primavera4In queste settimane è in atto una enorme produzione di oggetti sofisticati e bellissimi.
E' una produzione di gran lunga superiore all'"output" di tutte le fabbriche del mondo.
E noi ci siamo talmente abituati che nemmeno ci facciamo caso:
è Madre Terra, aiutata da tutti gli esseri che le sono connessi, che con la Primavera produce una quantità incredibile di foglie, erbe, fiori... Intessendo di luce e di calore l'aria, l'acqua e la materia minerale. E soffiandoci dentro la vita...

La Primavera facciamola anche noi! Così come la Natura… - 4.0 out of 5 based on 6 votes