Ecologia

Veneto: si va avanti con le trivellazioni (Zaia o non Zaia), e spuntano strani terremoti.

15 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

NervesaUna società petrolifera, lo scorso 10 maggio, termina la perforazione di un secondo pozzo per l'estrazione di gas in una concessione vicino Treviso. Gli ambientalisti erano preoccupati da tempo per possibili problematiche legate anche alla sismica, ma erano stati zittiti da "esimi" geofisici e da articoli sui giornali che titolavano "nessun rischio sismico" (avete notato come ci siano sempre dei "professoroni" che minimizzano i rischi ad accompagnare petrolio, gas, geotermia....) Il 12 maggio la zona è stata l'epicentro di una scossa di terremoto di 3,5 gradi che ha fatto uscire la gente in strada. Stanotte il fenomeno si è ripetuto, con la stessa intensità. Coincidenza? (E.C.)

Veneto: si va avanti con le trivellazioni (Zaia o non Zaia), e spuntano strani terremoti. - 4.5 out of 5 based on 14 votes

OGM, il prossimo 23 Maggio si terrà in tutto il mondo la marcia globale contro Monsanto, ma l'Italia non parteciperà

13 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR MAMOGM, il prossimo 23 Maggio si terrà in tutto il mondo la marcia globale contro Monsanto, ma l'Italia non parteciperà

Il prossimo 23 maggio si terrà in 50 Paesi la terza MAM – March against Monsanto e per ora sembrano assenti manifestazioni in Italia, a differenza di quanto accade in Francia, dove ne sono previste 20, in Germania, Austria e Olanda.

Alla MAM, Marcia Globale contro Monsanto, si prevede una vasta partecipazione e l'intenzione della manifestazione è di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità di bandire gli OGM assieme a una crescente pressione politica in materia di agricoltura e sulle pratiche commerciali aziendali di Monsanto e per lottare per l'etichettatura degli alimenti che contengono OGM. La manifestazione globale coinvolge 38 nazioni di 6 continenti con la partecipazione di 428 città per una soluzione pacifica.

OGM, il prossimo 23 Maggio si terrà in tutto il mondo la marcia globale contro Monsanto, ma l'Italia non parteciperà - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Ispra: il cemento ha cancellato il 20% delle coste italiane

07 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

cemento07/05/2015 - Quasi il 20% della fascia costiera italiana, pari a oltre 500 Kmq, l'equivalente dell'intera costa sarda, è perso ormai irrimediabilmente. È stato impermeabilizzato il 19,4% di suolo compreso tra 0-300 metri di distanza dalla costa e quasi e il 16% compreso tra i 300-1000 metri.

Ispra: il cemento ha cancellato il 20% delle coste italiane - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Il nostro futuro nelle mani delle api

23 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Api 40percentoUno studio dell'UE afferma che il 9,2% delle api europee è a rischio estinzione. Mentre in Italia la produzione è calata del 50% in 7 anni. Vittime di pesticidi, inquinamento e cambiamenti climatici, questi meravigliosi insetti riusciranno difficilmente a sopravvivere, mettendo a serio rischio l'intera catena alimentare. Per evitare il disastro istituzioni e associazioni corrono ai ripari.

Il nostro futuro nelle mani delle api - 5.0 out of 5 based on 2 votes

All’ombra degli ulivi è nato un movimento

20 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR SalentoÈ un fiume in piena il Salento, che i politici non sanno ascoltare, i mercanti non vogliono riconoscere, i grandi media non riescono a capire e a mostrare. Rabbia, creatività, determinazione si diffondono in molti modi. Almeno tre presidi permanenti nelle campagne, azioni di pressione al livello europeo e sotto i tribunali, campagne di informazione con centinaia di incontri nei territori (non solo in Puglia), uso costante dei social network, iniziative di artisti, ma anche pic-nic festosi e ribelli come quello di domenica a Veglie (e il 25 Aprile appuntamento a Oria). 

All’ombra degli ulivi è nato un movimento - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Propoli e biodinamica

17 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

propoli4Il propoli e' conosciuto fin dall'antichità in quanto veniva utilizzato come sostanza con capacità conservante, disinfettante e "curativa" in genere. Il propoli o la propoli è una sostanza prodotta dalle api elaborata raccogliendo resine e oli essenziali dal mondo vegetale. In particolare contiene molte sostanze estratte dalle gemme delle piante in particolar modo dalle conifere. La Natura infatti ha fatto le gemme ricoprendole con un piccolo strato protettivo contro muffe e batteri. Inoltre le api raccolgono anche le resine dalle cortecce dove la Natura ha "costruito" i tessuti ricoprendoli di sostanze contro insetti e animaletti indesiderati.
Le api dopo aver raccolto queste sostanze riescono con le loro mandibole a crearne delle piccolissime palline che a seconda della composizione possono essere gialle, rossastre, marroni o quasi nere. L'odore è fortemente aromatico. Le api quando fanno rientro nelle loro casette non riescono immediatamente a liberarsi dalla propoli e hanno bisogno dell'aiuto delle loro sorelle.
Le api utilizzano questa sostanza appiccicosa per rendere sterile e pulito il loro ambiente di vita.

Propoli e biodinamica - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Tolleranza zero pesticidi: prima sentenza storica in Italia

13 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

pesticidi 640x150Viticultore condannato in Toscana per aver contaminato con pesticidi l'abitazione e la coltivazione biologica del vicino.

Grazie all'azione legale condotta in Toscana dal signor Michelacci e dagli Avvocati Pini e Peri, con la Consulenza Tecnica di Parte del Prof. Giuseppe Altieri, al Tribunale di Pistoia è stata vinta un'altra importante causa relativa alla tutela dei cittadini e degli agricoltori biologici, dalle contaminazioni di pesticidi derivanti da aziende agricole limitrofe, che usano prodotti chimici, pericolosi per la salute e l'ambiente.

Tolleranza zero pesticidi: prima sentenza storica in Italia - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Avorio, il massacro degli elefanti continua

10 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

vignettaelefantiNell'Africa centrale dal 2002 ad oggi il numero degli elefanti è diminuito del 76% e dal 1989, cioè dall'accordo che bandì il commercio internazionale dell'avorio, sono state fatte deroghe e ci si è accorti che i controlli non sempre sono efficienti. Non è solo colpa del bracconaggio se in Africa viene ucciso un elefante ogni 15 minuti, benchè i bracconieri abbiano le loro pesanti colpe (basti pensare che negli ultimi otto anni il commercio illegale di avorio è raddoppiato).

Avorio, il massacro degli elefanti continua - 5.0 out of 5 based on 2 votes

I cittadini rovinano la festa ai lobbisti delle rinnovabili farlocche

04 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

fagioliContinua la lotta degli abitanti della Tuscia contro una lobby trasversale che vuole mangiare sulla loro pelle. 

Erano andati a Roma, avevano pagato l'Hotel che dà su Montecitorio, avevano trovato l'adesione di Legambiente et similia ed erano così convinti che nessuno li avrebbe più fermati! Invece nella sala del convegno si sono ritrovati tutti i sindaci o assessori del territorio orvietano (Castel Giorgio, Acquapendente, Castel Viscardo, Orvieto, Allerona, San Lorenzo Nuovo) più decine di cittadini contrari alla realizzazione del loro impianto a Castel Giorgio! Non li volevano far entrare (l'albergo era pagato da loro!), non volevano che mostrassero i loro cartelli con scritto "NO alla geotermia speculativa", non volevano farli parlare dal palco, per non rovinargli la festa, con cura apparecchiata!

I cittadini rovinano la festa ai lobbisti delle rinnovabili farlocche - 5.0 out of 5 based on 4 votes

La cicogna che vola ogni anno per 13mila km verso la sua compagna disabile

03 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Una vera storia di amore. A Brodski Varos, in Croazia, una cicogna di nome Klepetan viaggia ogni anno 13 mila chilometri tra l'Africa del sud e la Croazia per trovare la sua bella Malena. E lo fa da 13 anni.

Cicogna

La cicogna che vola ogni anno per 13mila km verso la sua compagna disabile - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Costarica: un 2015 al 100% rinnovabile

25 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Costa RicaIl SEN ha fornito i dati relativi ai mesi di gennaio, febbraio e marzo, secondo i quali il Costarica, paese sudamericano tra i più attenti all'ambiente, sta "funzionando" senza consumare più idrocarburi per la produzione di elettricità.

Tra l'altro, le abbondanti piogge hanno consentito un efficiente funzionamento degli impianti idroelettrici. Seguono, nell'ordine, gli impianti geotermici, quelli eolici, quelli a biomasse e gli impianti che funzionano a energia solare, una matrice al 100% rinnovabile.

Costarica: un 2015 al 100% rinnovabile - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Lo Stato ora ora svende anche il Parco dello Stelvio, il più grande parco nazionale delle Alpi

14 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Stelvio2Il Parco dello Stelvio, la più grande tra le aree protette dell'arco alpino, potrebbe non esistere più.

Il Parco dello Stelvio, che nell'arco alpino costituisce la più grande area protetta con lo status di parco nazionale, potrebbe non esistere più già nelle prossime settimane, se il Consiglio dei Ministri dovesse avallare l'intesa sottoscritta dal Ministero dell'Ambiente, dalla Regione Lombardia e dalle Province Autonome di Trento e Bolzano, per modificarne radicalmente la governance e le tutele. Così una delle storiche esperienze di conservazione della natura chiuderà i battenti a ridosso del suo ottantesimo compleanno (il parco fu infatti istituito nel lontano 1935), lasciando il posto ad un patchwork di parchi provinciali con un livello di protezione molto inferiore, venendo estromesso di fatto dal novero dei parchi nazionali.

Indigeni peruviani vincono la causa contro un’azienda petrolifera statunitense

10 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

AchuarDopo una battaglia legale una tribù indigena dell'Amazzonia peruviana ha vinto la causa contro la Occidental Petroleum per i danni ambientali provocati.

Quando una gigantesca società petrolifera statunitense si mette contro una piccola tribù amazzonica l'esito della sfida sembra segnato, eppure non sempre vince il più forte e influente. È il caso della battaglia legale tra il colosso del petrolio Occidental Petroleum e la tribù indigena Achuar.

Indigeni peruviani vincono la causa contro un’azienda petrolifera statunitense - 4.8 out of 5 based on 4 votes

A Portland, l’idroelettrico è nelle tubature cittadine

09 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Elettricità tubature

Una start-up di Portland, negli USA, ha ideato un sistema di piccole turbine inserite nelle condutture idriche della città. Un impianto che promette di essere affidabile e ad impatto ambientale praticamente nullo. Per le città, ma anche per gli impianti di produzione che utilizzano grandi quantitativi d'acqua.

A Portland, l’idroelettrico è nelle tubature cittadine - 5.0 out of 5 based on 1 vote

GLI ANZIANI INUIT SCRIVONO ALLA NASA: L’ASSE TERRESTRE SI E’ SPOSTATO!

09 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Inuit3La tribù degli Inuit sono gli indigeni che vivono nell'Artico canadese, Groenlandia, Siberia e Alaska. I più anziani della tribù hanno scritto al National Space and Aeronautics Administration (NASA) per comunicare loro che l'asse terrestre si è spostato. Gli anziani non credono che le emissioni di carbonio provenienti dagli esseri umani stiano causando i cambiamenti climatici in corso.

GLI ANZIANI INUIT SCRIVONO ALLA NASA: L’ASSE TERRESTRE SI E’ SPOSTATO! - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Milano capitale del Greenwashing

06 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Milano GreenwashingMilano, grazie all'Expo, raggiunge un primato degno dei tempi moderni: capitale mondiale del Greenwashing.
Il Greenwashing è un neologismo indicante l'ingiustificata appropriazione di virtù ambientaliste da parte di aziende, industrie, entità politiche o organizzazioni finalizzata alla creazione di un'immagine positiva di proprie attività (o prodotti) o di un'immagine mistificatoria per distogliere l'attenzione da proprie responsabilità nei confronti di impatti ambientali negativi.
Una pratica perfettamente integrata nella politica dei giorni d'oggi dove con una slide o una battuta fai credere alla popolazione in un futuro migliore per poi nella realtà massacrare stato sociale, diritti, ambiente e territorio.

Milano capitale del Greenwashing - 5.0 out of 5 based on 2 votes

La vita sociale segreta delle piante: il documentario della BBC

06 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

piante comunicanoLe piante comunicano tra loro, inviano segnali sia sopra che sotto il suolo per avvisarsi a vicenda dei pericoli esterni, come per esempio i pesticidi. Riescono a mettersi "in rete" fra loro e a rispondere agli stimoli. Un mondo ancora in gran parte sconosciuto che merita di essere scoperto.

La vita sociale segreta delle piante: il documentario della BBC - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Sblocca Italia, il Veneto fa ricorso: “No alle trivellazioni in Alto Adriatico”

16 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Veneto Sblocca ItaliaLa Regione ha impugnato la legge davanti alla Corte Costituzionale. Zaia: "Da quelle disposizioni irrilevanti benefici economici e sociali ed elevati pericoli ambientali. A rischio aree di pregio naturalistico e attività legate al turismo e alla pesca". Il tutto per "estrarre idrocarburi di dubbia qualità"

La Regione Veneto ha impugnato davanti alla Corte Costituzionale le norme del decreto Sblocca Italia che consentono le trivellazioni in Alto Adriatico. Ad annunciarlo è il presidente Luca Zaia, secondo cui "queste disposizioni nazionali, calpestando tutte le competenze regionali in materia di governo del territorio, turismo, protezione civile, salute, produrranno irrilevanti benefici economici e sociali ed elevati pericoli ambientali per il territorio italiano, già caratterizzato da rilevanti rischi geologici e ambientali". 

Sblocca Italia, il Veneto fa ricorso: “No alle trivellazioni in Alto Adriatico” - 5.0 out of 5 based on 1 vote