Ecologia

La misteriosa lobby trasversale coi santi nei paradisi...fiscali ed istituzionali

12 Dicembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR AlfinaUna misteriosa società del Liechtenstein, senza alcuna esperienza in materia, viene appoggiata ai più alti livelli della politica italiana, per fare una pericolosa centrale geotermica in zona sismica. Si sono opposti i cittadini, gli esperti, i comuni e perfino la regione, riuscendo a bloccare il progetto. E che è successo? Qualcuno ha inserito nel "decreto del fare" una norma che sposta tutte le decisioni in merito dal livello locale (la regione) a quello nazionale (i ministeri). Non solo: hanno anche escluso il progetto dalla "normativa Seveso", così da salvaguardare la società che vuole fare la centrale da eventuali rivalse dei cittadini in caso di danni o disastri!

Tutto chiaro?

Fortunatamente, anche a livello parlamentare, ci sono deputati che s'interessano del benessere dei cittadini.

Ecco l'interrogazione parlamentare sulla questione, presentata lo scorso 6 dicembre dai deputati Zaccagnini, Zan e Zolezzi.

La misteriosa lobby trasversale coi santi nei paradisi...fiscali ed istituzionali - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Il PD e Legambiente indissolubilmente legati. Per fregarci.

07 Dicembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

Realacci Letta1L'ennesima vergogna italiana. Stavolta per mano dei soliti noti del PD, con l'appoggio degli "insospettabili" di Legambiente, il cui deus ex machina, Ermete Realacci, è l'emblema dell'ambientalismo di facciata italiano. E, guardacaso, presidente della commissione ambiente, per conto del PD, per la gioia dei petrolieri di mezzo mondo.

Un bel regalo ad un banchiere neozelandese, e la perdita di un patrimonio ambientale unico al mondo. Thank you Mr. Realacci, thank you PD.

Il PD e Legambiente indissolubilmente legati. Per fregarci. - 4.7 out of 5 based on 3 votes

Rifiuti tossici, “salgono del 40% i ricoveri per tumori” nel Lazio meridionale

27 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Valle Sacco3La denuncia di Legambiente. La Valle del Sacco è in piena emergenza ambientale: inceneritori e siti inquinanti fuori controllo. Malattie gravi in aumento. Il medico Natalia: "281% in più rispetto alla media nazionale di tumori all'encefalo e 174% di tumori maligni del sistema linfatico per i maschi da zero a 14 anni"

 

 

 

Rifiuti tossici, “salgono del 40% i ricoveri per tumori” nel Lazio meridionale - 5.0 out of 5 based on 3 votes

I MOTIVI DELL'ALLUVIONE

21 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR OLBIAInutile girarci attorno e fingere che non sia così. Le ragioni del disastro di Olbia sono legate alla completa modifica del reticolo idrografico realizzato negli ultimi decenni per effetto dell'espansione periurbana. L'immagine riporta le foto aeree della piana di Olbia nel 1954 e nel 2008.
A parte l'evidente impressione che fa vedere un paesino diventato una metropoli, con la campagna completamente urbanizzata, nella prima immagine si vede il reticolo idrografico, costituito anche dalle stradelle rurali, e si nota come oggi le infrastrutture (circonvallazione compresa) e l'edificato hanno completamente stravolto l'assetto superficiale di tale area.

di Paolo M. Callioni

I MOTIVI DELL'ALLUVIONE - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Risorgono gli ulivi: è la stessa Natura che smaschera il “Mal affaire Xylella”

21 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

xylella4Le voci circolavano già da alcuni giorni, ma ieri mattina, domenica 17 novembre 2013, tanti cittadini attenti hanno voluto verificare con i loro occhi, e si son recati nelle aree definite "rosse", di massima pesantezza del fenomeno (dette anche "d'insediamento"), ma vi hanno trovato gli alberi d'ulivo, che nei mesi scorsi avevano perso le foglie, in pieno vigore rigenerativo, e non solo dalla base vi stanno spuntando innumerevoli polloni, ma anche nuovi germogli dai grandi tronchi, nelle parti alte. Tutto questo in uliveti abbandonati, che non hanno subito nessun intervento "curativo", (potatura del secco o trattamenti specifici su piante e suolo) ed è tutto un tripudio di germogli e di nuova vivissima vegetazione! Le tante foto, che smascherano il bluff del "mal affaire Xylella", messe subito in rete, hanno avuto, in pochissimo tempo, un' immensa condivisione che continua in queste ore. L'indignazione è tanta nei cittadini del Salento, e non solo!

Intanto, a Pisa, sversano 750.000 litri di acqua radioattiva nel canale...

19 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Acqua radioattivaÈ iniziato venerdì mattina lo sversamento delle acque trattate della piscina dell’ex reattore nucleare di San Piero a Grado.

Tutto, a quanto pare, avviene "nella più completa trasparenza", ma è poi veramente così?

Vi proponiamo l'articolo de "Il Tirreno" in merito, ed anche un articolo in cui gli attivisti del movimento 5 stelle denunciano varie criticità che non sembrano interessare le istituzioni.

In fondo, cosa vuoi che sia? E' solo l'equivalente di due giorni e mezzo di sversamenti di Fukushima...una bazzecola... :(

Intanto, a Pisa, sversano 750.000 litri di acqua radioattiva nel canale... - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Il nuovo carburante è l'urina Il progetto innovativo di un sardo

12 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

UrinacarburanteUna nuova frontiera per sostituire il carburante.

Usare l'urina per riempire un serbatoio di un'auto, un camion o una barca? Un sogno non troppo distante dalla realtà. Una soluzione alternativa per risparmiare sui carburanti arriva dal progetto di energia autoprodotta dall'urina a centimetro zero.

 

Il nuovo carburante è l'urina Il progetto innovativo di un sardo - 4.4 out of 5 based on 7 votes

Puglia, ulivi uccisi da batterio killer: il Salento rischia il deserto, l’Italia il contagio

04 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

xylella2In provincia di Lecce 8mila ettari sono stati colpiti da "Xylella fastidiosa". Centinaia di migliaia le piante da abbattere. Pericolo epidemia per tutta la penisola e anche per l'Europa, ma per tamponare l'emergenza le risorse sono nulle.

"Non abbiamo mai visto niente di simile in tutta la storia dell'agricoltura italiana". Muoiono gli ulivi del Salento e quella di Antonio Guario, a capo dell'Osservatorio fitosanitario regionale, è una sentenza senza appello. Un'intera fetta dell'arco ionico-leccese vedrà cancellata quasi completamente la sua pianta simbolo: gli alberi malati vanno sradicati. Sono infetti. E il contagio nel resto dell'Italia e dell'Europa è un rischio troppo alto, tanto da richiedere l'adozione di durissime misure concordate tra Regione e ministero dell'Agricoltura.

Puglia, ulivi uccisi da batterio killer: il Salento rischia il deserto, l’Italia il contagio - 4.8 out of 5 based on 4 votes

Starpath, la strada che si autoillumina, senza lampade!

29 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

starpathQuesta si che è una geniale e innovativa idea che, oltre a dimezzare le spese dell'energia prodotta per illuminare le strade, dando un prezioso contributo anche all'ambiente, si rivela accattivante e davvero "brillante" in tutti i sensi.
Si chiama Starpath ed è la nuova proposta di Pro-Teq, un'azienda del Regno Unito: si tratta di una "superficie stellata" che può essere applicata praticamente dappertutto e che è in grado di fornire luce durante la notte a costo zero.

Starpath, la strada che si autoillumina, senza lampade! - 2.5 out of 5 based on 2 votes

L'obsolescenza programmata si batte con i Repair Café

25 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Maker e fixer, due tra le filosofie più moderne, hanno il potenziale per ridare forza ai consumatori.
C'erano una volta gli artigiani riparatori. Quelli che aggiustavano gli oggetti che si rompevano. Poi arrivò il tempo dell'usa e getta, incentivato dalla politica di obsolescenza programmata: i produttori fanno in modo che l'oggetto duri un periodo prestabilito e sia più conveniente sostituirlo che ripararlo. Si fa in modo che i pezzi di ricambio siano introvabili o troppo costosi e che lo stesso intervento tecnico si riveli diseconomico.

Al tempo della crisi, però, questo trend apparentemente ineluttabile potrebbe essere messo in discussione. Grazie anche al movimento dei maker e allo sviluppo della stampa 3D. Insieme maker e fixer potrebbero dare una scossa al mercato mettendo insieme risorse, strumenti e creatività.

repair-cafe

Non svendiamo l'Italia: chiediamo che l’isola di Budelli diventi Bene Comune

24 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

BudelliPetizione per far si che la meravigliosa isola di Budelli, dove c'è la famosa spiaggia rosa, patrimonio unico al mondo, non venga venduta ad un privato Neozelandese per 3 milioni di euro.

Siamo già oltre le 50.000 firme, ne mancano solo altre 23 mila.

Qui sotto trovate il testo della petizione, ed il link per firmare.

Non svendiamo l'Italia: chiediamo che l’isola di Budelli diventi Bene Comune - 3.9 out of 5 based on 9 votes

Una proposta di legge contro l'obsolescenza programmata

22 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Combattere l'obsolescenza programmata dei beni di consumo per tutelare il consumatore, permettere una reale e leale concorrenza di mercato e attivare conseguentemente la creazione di posti di lavoro legati alle pratiche di manutenzione e riparazione dei beni di consumo. Sono questi gli obiettivi della proposta di legge contro l'obsolescenza programmata, della quale verrà calendarizzata la discussione in Aula a breve.

obsolescenza programmata

Una proposta di legge contro l'obsolescenza programmata - 5.0 out of 5 based on 2 votes

FERMIAMO L'ECOCIDIO IN EUROPA

17 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

ecocide-earth1LA LEGGE DELL'ECOCIDIO

La distruzione ambientale deve diventare un crimine. Un crimine per il quale le persone colpevoli devono essere ritenute responsabili.
Questo crimine ha un nome: Ecocidio

Eco-cidio deriva dal greco oikos che significa casa. In latino, caedere significa distruggere, demolire, uccidere. Ecocidio si può intendere come la distruzione della nostra casa.

FERMIAMO L'ECOCIDIO IN EUROPA - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Acqua pubblica, la 'tariffa truffa' italiana e le richieste dei cittadini europei

09 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

acqua pubblica1Continua, pur fra mille ostacoli, il percorso di ripubblicizzazione dell'acqua. In 13 paesi dell'Unione europea (fra cui l'Italia) sono da pochi giorni state consegnate circa un milione e 800mila firme, a conclusione dell'Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) per l'acqua pubblica. Nel frattempo nel nostro paese è sempre più evidente l'inadeguatezza della nuova tariffa idrica introdotta dall' l'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) sul finire del 2012 in piena contraddizione con i referendum.

Acqua pubblica, la 'tariffa truffa' italiana e le richieste dei cittadini europei - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Piove carbone su La Spezia

04 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Laspezia1La Spezia piove carbone ma con la fuliggine arrivano anche gli imbarazzanti silenzi si chi dovrebbe fornire spiegazioni ai cittadini.

Inquinamento: a Taranto una coppia su quattro è sterile

01 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

IlvaSterileIn un convegno organizzato dagli Ordini dei medici e degli odontoiatri di Taranto e Brindisi è emerso come il 26% delle donne dell'area adiacente all'Ilva sia in menopausa precoce

Colombia, accordo pro Ogm con gli Usa: semi “fuori legge”, rivolta dei campesinos

17 Settembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Paro agrarioIl Paese è sull'orlo di una rivoluzione. Migliaia di contadini protestano da un mese dopo l'accordo tra il governo e gli Stati Uniti che favorisce le grandi aziende produttrici di alimenti geneticamente modificati, dichiarando illegali le sementi degli agricoltori.

 

Colombia, accordo pro Ogm con gli Usa: semi “fuori legge”, rivolta dei campesinos - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Si può fare!

29 Agosto 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

geotermia2Esiste un pensiero diffuso tra e da molti, secondo il quale quando i poteri decidono una cosa dall'alto, ai cittadini non rimane che subire. Questa storia felice, invece, ci mostra come i cittadini, quando remano tutti dalla stessa parte, indistintamente dalle bandiere, quando sono bene informati, attivi e pressanti nei luoghi dove si prendono le decisioni, non possono essere ignorati.

Un bellissimo segnale dall'Umbria, dove la popolazione locale ha costretto una società appoggiatissima dalle alte sfere, ad abbandonare il suo piano per una rischiosa centrale geotermica in territorio sismico, che metteva a rischio la popolazione ed il territorio. Bravi!

Si può fare! - 5.0 out of 5 based on 5 votes