Sicilia: scoperte splendide foreste coralline intorno ai vulcani sottomarini delle Eolie In evidenza

Foto: Juan Cuetos / © OCEANA) Le Isole Eolie a nord della Sicilia sono piene di vulcani sottomarini. Il sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO è una destinazione turistica popolare, ma le sue acque non hanno ricevuto molta attenzione da parte dei ricercatori, fino a quando Oceana, un'organizzazione internazionale dedicata alla protezione e al ripristino degli oceani del mondo, ha lanciato una spedizione della durata di un mese.

Esplorando sette diverse aree intorno alle Eolie, i ricercatori di Oceana hanno scoperto molti tipi di coralli, alcuni dei quali in pericolo critico, e habitat condivisi da una varietà di creature, tra cui squali e tartarughe marine.

Purtroppo, hanno anche trovato segni di attività umana, che portato un impatto negativo sull'ecosistema...

Un anemone dorato ultraterreno (Condylactis aurantiaca) fiorisce nelle acque delle Isole Eolie. (Foto: Juan Cuetos / © OCEANA / flickr)"Sebbene il mare profondo si trovi appena al largo delle coste delle Isole Eolie, queste acque sono in gran parte inesplorate e nascondono una biodiversità molto ricca", ha detto in un comunicato Ricardo Aguilar, direttore della ricerca di Oceana in Europa . "Abbiamo trovato decine di caratteristiche protette a livello internazionale nel Mediterraneo, dagli imponenti letti coralligeni alle tartarughe carapacee e molte specie di coralli e molluschi, ma abbiamo anche riscontrato impatti diffusi dell'attività umana, anche nelle zone più lontane e più profonde, ed è vitale che smettiamo di nuocere alla vita marina se vogliamo preservare l'unicità di questa parte del Mar Tirreno ".

Gli esploratori di Oceana sono andati a poco più di 981 metri di profondità per raccogliere campioni, fotografie e filmati sulla vita marina della zona. Hanno studiato montagne sottomarine isolate, banchi sottomarini e prese d'aria idrotermali formate dall'attività vulcanica dell'area.

Le profondità maggiori contenevano foreste di corallo di bambù e specie di stelle marine - Zoroastro fulgens - che non erano mai state viste nel Mar Mediterraneo. È stata trovata anche una specie di pesce, Gobius kolombatovici, che in passato si credeva potesse verificarsi solo nel Mare Adriatico settentrionale.

Le profondità intermedie contenevano corallo nero pieno di uova di squalo e coralli di alberi rossi e gialli. Entrambi i tipi di questi coralli sono considerati minacciati nel Mediterraneo.

Alle profondità minori, gli esploratori hanno trovato alghe rosse che forniscono supporto per molte specie di pesci.

I dati raccolti dai subacquei saranno utilizzati proporre un'area marina protetta atta a salvaguardare l'area, sia per la fauna selvatica che vive lì, sia per l'economia locale, che beneficia delle risorse marine.

I sommozzatori hanno anche trovato alcune cose non molto belle sul fondo dell'oceano delle Isole Eolie. (Foto: © OCEANA / flickr)

E le protezioni saranno necessarie: i sommozzatori hanno scoperto molte prove di attività umana dannosa per l'ambiente. Attrezzi da pesca scartati, compresi ganci, linee, trappole e reti sono stati trovati accanto alla normale spazzatura, come stoviglie di plastica, bottiglie e pneumatici. In alcuni casi, i rifiuti erano responsabili della morte della vita marina, come una tartaruga morta trovata da un sub che galleggiava nella zona, con l'amo da pesca ancora in bocca.

 

(Foto: Juan Cuetos / © OCEANA / flickr)


Pulire l'area e proteggerla ulteriormente aiuterà le creature del mare a sopravvivere, incluso questo corallo giallo (Leptopsammia pruvoti).

Gli sforzi per proteggere le acque delle Isole Eolie sono in corso dall'inizio degli anni '90. Tali sforzi sono stati in gran parte infruttuosi fino a quando la Blue Marine Foundation ha unito le forze con il Fondo di conservazione delle isole Eolie per lavorare in modo più aggressivo alla designazione di un'area marina protetta.

Il governo italiano si è impegnato per la designazione nel 2016 e la Blue Marine Foundation afferma che la designazione "sarà più efficiente ed efficace dei modelli italiani esistenti in termini di ambizione di zonazione, gestione e soluzioni innovative". Ci auguriamo di cuore che ciò avvenga al più presto e nel migliore dei modi.

 

Vota questo articolo
(1 Vota)
Sicilia: scoperte splendide foreste coralline intorno ai vulcani sottomarini delle Eolie - 4.0 out of 5 based on 1 vote