La maggior parte dei fiumi e dei laghi europei fallisce i test di qualità dell'acqua

prettylakeNonostante le leggi dell'Unione europea per proteggere l'approvvigionamento idrico, la biodiversità e la salute umana, la maggior parte dei corpi d'acqua dolce d'Europa non rispettano gli standard ecologici e di inquinamento, secondo un rapporto pubblicato dall'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) martedì.

Per il rapporto sullo stato delle nostre acque , l'agenzia ha valutato 130.000 corsi d'acqua in Europa tra il 2010 e il 2015 utilizzando i dati raccolti da oltre 160 piani di gestione dei bacini idrografici.

La valutazione ha mostrato che solo il 40% dei laghi, fiumi, estuari ed acque costiere osservate rispettavano gli standard ecologici, con solo il 38% che rispettava gli standard di inquinamento chimico. I corpi idrici sotterranei, come le falde acquifere, sono andati molto meglio nel complesso. Tra i siti inclusi, il 74% ha ricevuto un buono stato di inquinamento chimico e l'89% ha ricevuto un buono stato ecologico.

I siti di acque sotterranee spesso non sono riusciti a soddisfare i buoni standard a causa dei nitrati provenienti da scarichi agricoli, intrusione di sale e inquinamento chimico prodotto dai siti industriali, aree minerarie o depositi di rifiuti. Il mercurio era uno degli inquinanti più comuni, con fonti comuni tra cui l'estrazione mineraria, la combustione del carbone e altre attività industriali. Per l'acqua di superficie, l'arricchimento dei nutrienti da attività agricole, il trattamento delle acque reflue e il degrado dell'habitat hanno impedito a molti siti di soddisfare gli standard minimi.

In una dichiarazione , il commissario europeo per l'ambiente Karmenu Vella ha affermato che, sebbene la qualità dell'acqua dolce sia leggermente migliorata dall'ultima revisione del 2010, "molto altro deve essere fatto prima che tutti i laghi, i fiumi, le acque costiere e le acque sotterranee siano in buono stato".

Vella ha aggiunto che "gli sforzi congiunti di tutti gli utenti dell'acqua in tutta Europa" saranno necessari per affrontare "l'inquinamento da agricoltura, industria e famiglie".

Inghilterra, Ungheria, Paesi Bassi, Belgio, Lettonia, Germania sono stati alcuni dei paesi con i risultati peggiori, con una scarsa qualità dell'acqua diffusa anche in alcune parti della Francia e della Svezia meridionale. Secondo EEA, molti distretti del bacino idrografico dell'Europa centrale "mostrano la più alta percentuale di corpi idrici che non riescono a raggiungere un buono stato ecologico" a causa della "maggiore densità di popolazione e di un'agricoltura più intensiva".

Al contrario, la Scandinavia settentrionale, la Scozia, l'Estonia, la Slovacchia, la Romania e diversi distretti idrografici della regione mediterranea hanno trovato un'alta percentuale di corsi d'acqua che hanno raggiunto uno stato ecologico buono o elevato.

Nonostante i progressi in questi settori, i funzionari dell'AEA hanno sottolineato la necessità di un miglioramento generale.

"Dobbiamo aumentare gli sforzi per garantire che le nostre acque siano pulite e resilienti come dovrebbero essere - il nostro benessere e la salute dei nostri ecosistemi vitali per l'acqua e il mare dipendono da questo", ha dichiarato il direttore esecutivo dell'AEA Hans Bruyninckx.

Vota questo articolo
(1 Vota)
La maggior parte dei fiumi e dei laghi europei fallisce i test di qualità dell'acqua - 4.0 out of 5 based on 1 vote