La bufala del colesterolo cattivissimo: business buonissimo

L’aver messo il colesterolo sul banco degli imputati con l’accusa di provocare la placca aterosclerotica, è stata un’idea ottima da un punto di vista commerciale ma pessima, fuorviante ed errata dal lato etiopatogenetico e clinico.

di Dott. Giuseppe Trovato – Medico Dietologo

Colesterolo 2 19

L’aterosclerosi riconosce la sua causa originaria nell’INFIAMMAZIONE CRONICA IMMUNITARIA DELL’ENDOTELIO VASALE. Il primum movens è questo! Successivamente, a causa della produzione di citochine e chemochine infiammatorie e dell’accorrere nell’area interessata dall’infiammazione, di macrofagi, linfociti, plasmacellule e piastrine, si crea la formazione di fibrociti nella stria lipidica della parte vasale in conseguenza dell’azione delle METALLOPROTEINASI RILASCIATE DAI MACROFAGI, con CONSEGUENTE DISCONTINUITA’ DELLA PARETE VASALE E DEPOSITO DI VARI SOLUTI CONTENUTI NORMALMENTE NEL SANGUE.

Il primo step è dunque INFIAMMATORIO E IMMUNE, si formano anticorpi contro proteine normalmente contenute nel sangue, tra le quali le LDL. Si tratta di AUTOANTICORPI, presenti anche in tutte le altre patologie croniche autoimmunitarie.

Il colesterolo non è la causa della placca

Pertanto combattere il colesterolo è assolutamente inutile e fuorviante. C’è da aggiungere, inoltre, che l’infiammazione cronica immunitaria, che coinvolge qualunque tessuto cellulare esso sia, è caratterizzata dalla auto-distruzione delle nostre stesse cellule, autodistruzione operata dal nostro Sistema Immunitario.

Questo succede perché le cellule sono “infettate” da catene di DNA virali, non certo da grassi o da aminoacidi o da metalli. I grassi, gli aminoacidi i sali di metallo o metalloidi possono avvelenare, infarcire, uccidere una cellula non certo moltiplicare se stessa o il genoma cellulare per sopraggiunte impossibili “mutazioni” casuali capaci di duplicare 46 cromosomi, evento questo mai dimostrato da nessun laboratorio immuno-genetico.

In Italia si fa di tutto per ostacolare le richieste di accertamenti per i virus. Stranamente le inutili analisi per Colesterolo totale, HDL, LDL, VLDL sono trascritte con assoluta facilità impegnando la spesa pubblica a scopi assolutamente non giustificabili.

L’evidenza della inutilità della somministrazione di farmaci ipocolesterolemizzanti è dimostrata dalla mancata azione preventiva sulla malattia aterosclerotica e sull’ischemia cardiaca.

Tanti anni di uso delle statine non hanno ridotto la patologia cardiovascolare, il cui trend è sempre in continua salita (come il debito pubblico …). Le statine sono fra i cinque farmaci più venduti al mondo. Tra poco le consiglieranno a tutti. Nel frattempo si faranno sentire gli effetti collaterali sul fegato e sui muscoli … e potranno essere prescritti ALTRI FARMACI per calmare i sintomi.

Questo non vuol dire che l’alimentazione possa comprendere tutte le schifezze e inquinanti/contaminanti. Lo stile di vita e, in primis, l’attenzione all’alimentazione, va incoraggiata (e non sostituita da pillole salva-tutto), in quanto è anche perseguendo stili di vita sbagliati che si creano le premesse di una “distrazione” al sistema immunitario con conseguente induzione di patologie croniche autoimmunitarie.

Discutere ancora oggi sul colesterolo “cattivo” e sul colesterolo “buono” rappresenta solo una perdita di tempo e un depistaggio dalla vera rappresentazione di cosa succede realmente.

Dott. Giuseppe Trovato – Medico Dietologo

Fonte: https://www.dionidream.com/colesterolo-bufala/?fbclid=IwAR3ETN_761Qkp8EfTbI8rlkFG8aw67bEbt95Q5Pl_WvEENHSN9Gga-HXOqA

Vota questo articolo
(5 Voti)
La bufala del colesterolo cattivissimo: business buonissimo - 5.0 out of 5 based on 5 votes