Un nuovo studio sottolinea l'importanza di ridurre al minimo l'esposizione dei bambini agli schermi In evidenza

kidtabletUno studio condotto in Canada ha rilevato un ritardo nello sviluppo di un quarto dei bambini che iniziano scuola. Mostrano ritardi nella lingua, nella comunicazione, nelle abilità motorie e nella capacità di recupero emotivo, il che rende difficile per loro far fronte ai requisiti accademici. Se le lacune di sviluppo non sono affrontate in anticipo, tendono ad allargarsi con l'età, il che pone un peso sul sistema scolastico per offrire un sostegno specializzato a questi bambini.

La domanda sul perché una percentuale così alta di bambini ha questo ritardo dovrebbe essere al centro di ogni discussione su questo problema. Naturalmente, ogni bambino avrà fattori diversi che contribuiranno alla sua situazione unica, ma i ricercatori dell'Università di Calgary hanno trovato un filo comune - ed è quello che potrebbe essere sconvolgente per molti genitori oggi.

In uno studio che ha coinvolto oltre 2.400 bambini, appena pubblicato su JAMA Pediatrics, il professor Sheri Madigan e i suoi colleghi hanno scoperto che più tempo i bambini trascorrono incollati agli schermi, tanto peggiore è il loro punteggio nei test di sviluppo cognitivo ed emotivo (il test è conosciuto come ASQ-3, "Ages and Stages Questionnaire", ovvero "Questionario sulle età e gli stadi")...

Questo porta alla domanda su cosa viene prima: ritardi nello sviluppo o visualizzazione eccessiva dello schermo? In effetti, i bambini con ritardi di sviluppo potrebbero essere più propensi a trascorrere del tempo davanti allo schermo rispetto a quelli che non sono in ritardo. Madigan ha esplorato questa ipotesi ed ha scoperto che, sebbene l'esposizione allo schermo comporti ritardi nello sviluppo di un bambino, non è vero il contrario:

"I risultati suggeriscono che il tempo passato davanti allo schermo è probabilmente il fattore iniziale: un maggiore tempo passato davanti allo schermo a 24 mesi è stato associato a prestazioni peggiori nei test di screening evolutivo a 36 mesi e, analogamente, un maggiore tempo passato davanti allo schermo a 36 mesi è stato associato a punteggi più bassi nei test di screening dello sviluppo a 60 mesi. L'associazione inversa non è stata osservata. "

Questo è preoccupante perché lo sviluppo del bambino è rapido e cruciale nei primi cinque anni, e gli schermi - un fattore per lo più evitabile - lo stanno chiaramente minando. Gli schermi ostacolano la capacità di un bambino di svilupparsi normalmente. Interrompono le conversazioni con genitori, badanti e fratelli, facendo sì che il bambino si dimentichi degli scambi sociali verbali e non verbali. Provocano uno stile di vita più sedentaria e portando una perdita nello sviluppo delle abilità motorie.

Gli autori dello studio sollecitano i professionisti medici a prendere una posizione più forte sull'uso dei media per i bambini. In primo luogo, dovrebbero scoraggiare il suo uso e sottolineare la necessità di moderazione. In secondo luogo, dovrebbero aiutare le famiglie a creare piani individualizzati che "bilanciano e allocano il tempo per le attività online e offline per garantire che l'attività fisica e le interazioni familiari siano prioritarie".

Sembra che ci siano sempre più prove che schermi e bambini sono una cattiva combinazione. Non è qualcosa con cui scherzare. I genitori devono agire, limitare l'esposizione e dare al loro bambino le migliori possibilità di sviluppo, anche se non è così conveniente come consegnare un iPad.

Fonte: https://www.treehugger.com/family/children-glued-screens-show-alarming-developmental-delays.html

Vota questo articolo
(0 Voti)