La scienza occidentale "scopre" i meridiani cinesi?

Il numero di medici agopuntori e di operatori olistici che lavorano con diverse tecniche sui meridiani della Medicina Tradizionale Cinese è in crescita in tutto il mondo. Questo fenomeno va di pari passo con la richiesta sempre maggiore, da parte delle persone, di metodi di guarigione alternativi e naturali. Purtroppo, però, nonostante questo, i puristi della scienza continuano a non considerare l'agopuntura e le altre tecniche da essa derivate come trattamenti legittimi.
Agopuntura

 

Tuttavia, sembra che finalmente la scienza sia stata in grado, di recente, di verificare visivamente l'esistenza dei punti dell'agopuntura e dei meridiani. Questi ultimi sono dei vasi, all'interno del corpo, che conducono l'energia vitale, proprio come se fossero dei fili di un circuito elettrico.

Utilizzando una nuova tecnica di cattura delle immagini e di tomografia computerizzata, infatti, i ricercatori hanno osservato dei punti concentrati dentro a strutture microvascolari, che corrispondono chiaramente ai punti su cui lavorano gli esperti di medicina energetica da quasi 2000 anni.

Nello studio, pubblicato dal Journal of Electron Spectroscopy and Related Phenomena, i ricercatori hanno usato una tecnica di immagine di contrasto sia sui punti dell'agopuntura che altrove sul corpo. Questa scansione ha rivelato una chiara distinzione tra i punti comuni e le strutture anatomiche costituite dai punti di agopuntura.

La tomografia computerizzata è una tecnica che ricorre ai raggi X per creare immagini in sezione trasversale. In questo studio, i ricercatori hanno usato una tecnica speciale, grazie alla quale si è osservata una densità maggiore di microvasi corrispondenti ai punti dell'agopuntura, oltre che una grande quantità di strutture microvascolari involute.

Secondo la Medicina Cinese, l'energia vitale scorre all'interno del corpo in un complesso sistema di vasi noti come Meridiani. Nel farlo, questa seguirebbe il libero fluire del sangue nell'organismo. Se la circolazione del sangue è limitata, allora lo sarà di conseguenza anche il movimento dell'energia vitale. Questo causerà disarmonia nell'altrimenti simbiotico funzionamento degli organi.

Le arti fisiche ed esoteriche del Tai Chi e del Qi Gong lavorano allo scopo di migliorare il flusso vascolare del sangue, affinché anche l'energia vitale fluisca più libera. L'effetto è quello di una salute migliorata e di un sistema immunitario più forte. Di conseguenza, si ha molta più energia e migliora anche l'armonia mentale, oltre che quella emotiva.

Tutto questo sembra ora finalmente convalidato scientificamente, grazie a questa ricerca che conclude che i punti dell'agopuntura hanno delle concentrazioni elevate di microvasi vicino alla superficie della pelle. I punti sembrano inoltre connessi strettamente ad alcune aree del corpo dove può concentrarsi più sangue.

Questo studio identifica anche i principali meridiani del corpo, scoperti più di 2000 anni fa durante il regno dell'Imperatore Giallo, Huang Di, considerato come il fondatore della Medicina Cinese e dell'Agopuntura.

Altre ricerche hanno portato, attraverso la risonanza magnetica e le immagini ad infrarossi, oltre che con la fotografia termica LCD, gli ultrasuoni e altre tecniche di tomografia computerizzata, alla scoperta delle strutture dei punti dell'agopuntura e dei meridiani.

Gli studi correlatati con microsensori amperometrici di ossigeno hanno rivelato una variazione parziale della pressione dell'ossigeno che, ancora una volta, corrisponde alle mappe energetiche del corpo umano sviluppate dai cinesi. 

Fonte: http://centroequilibrium.it/blogmenu/item/88-la-scienza-convalida-l-esistenza-dei-meridiani.html
Agopuntura1

 

Vota questo articolo
(2 Voti)
La scienza occidentale "scopre" i meridiani cinesi? - 5.0 out of 5 based on 2 votes