Arte e Cultura

Nella ricerca del bene non può esserci giustizia senza bellezza

05 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura
CIR Bellezza quotesInorridiamo davanti alle ingiustizie, ma orrore è anche la bruttezza che si diffonde in nome del progresso[1]
 
Viviamo in una società che sta distruggendo se stessa, profondamente ingiusta e brutta, e i due scempi si compiono indissolubilmente associati. Perché?
 
Perché, come insegnava la cultura greco romana, nella ricerca del bene non può esserci giustizia senza bellezza.
 
Nelle sue forme più antiche, infatti, il bene assoluto era composto inseparabilmente da giustizia e bellezza poiché entrambe, bisogni archetipi dell’anima[2], erano ritenute componenti necessarie per l’equilibrio dell’uomo e della società.
 
di Solange Manfredi - Tratto da Diritto, Politica & Società n°1
Nella ricerca del bene non può esserci giustizia senza bellezza - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Le cinque azioni che fanno lavorare meglio il cervello

03 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

cervello memoriaSi è soliti pensare che il cervello sia "cablato" e che, a differenza degli altri organi, non posso auto-ripararsi o ripristinare funzioni perdute una volta subìto un danno o una malattia. Ora sappiamo invece che il cervello è neuroplastico, che l'attività e l'esperienza mentale possono essere usate per modificare la strutture delle connessioni che il cervello contiene. Questi principi innovativi vengono usati per migliorare in maniera evidentissima, a volte anche per curare, disturbi cerebrali prima ritenuti irreversibili. E se ne può fare tesoro anche nella vita di ogni giorno per migliorare la salute del nostro cervello e le sue performance. Ecco cinque cose da provare, tratte dal libro di Norman Doidge.

Le cinque azioni che fanno lavorare meglio il cervello - 5.0 out of 5 based on 3 votes

La bellezza dell'inverno

19 Febbraio 2015 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Inverno1
L'inverno sta volgendo al termine. La neve al sole si scioglie e nella rinascita diventa acqua.
Secondo alcune tradizioni spirituali, la neve è la coperta che separa la terra dal mondo, perché possa tornare in se stessa ciclicamente, in attesa che si compia una nuova resurrezione. Noi ringraziamo l'inverno per averci lasciato senza parole davanti alla bellezza di paesaggi meravigliosi.

La bellezza dell'inverno - 4.3 out of 5 based on 7 votes

Quelle strane stelle che pulsano al ritmo della sezione aurea

18 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

StelleAureaLa sezione aurea si può ritrovare nella conchiglia del nautilus, nel Partenone, nei dipinti di Leonardo e ora anche nelle stelle. Un nuovo studio condotto con il telescopio spaziale Kepler ha infatti scoperto quattro stelle variabili che pulsano a frequenze il cui rapporto è vicino al numero irrazionale 0,61803398875..., indicato anche con la lettera greca phi, o sezione aurea, o ancora come inverso del numero 1,61803398875....

La sezione aurea non era comparsa nelle sfere celesti finché l'astronomo John Linder del College of Wooster, in Ohio, e colleghi non hanno analizzato i dati di Kepler. I ricercatori hanno considerato una classe di stelle chiamate RR Lyrae, note per la loro variabilità. A differenza del Sole, che brilla con intensità costante (una buona cosa per la vita sulla Terra!), queste stelle aumentano e diminuiscono la loro luce seguendo l'espansione e la contrazione della loro atmosfera, dovute a variazioni periodiche di pressione.

Quelle strane stelle che pulsano al ritmo della sezione aurea - 4.3 out of 5 based on 3 votes

Il Pavone: i significati simbolici di un'immagine che fa bene all'anima

16 Febbraio 2015 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

PavoneBianco4Ogni cosa, gesto, essere del mondo ha una dimensione simbolica.
Come dire una madre, è madre di uno o più figli, ha un ruolo, fa delle cose, ama, lavora, ma l'essere madre è legato al suo profondo significato, al suo essere punto di origine, la terra generatrice, l'accoglienza, la sicurezza etc...
La parola simbolo dal latino symbolum, dal gr. Simbolon (verbo symballo), vuol dire metto insieme, conchiudo, da syn – metto in sieme, e bàllo – getto.
Nell'antichità si chiamò simbolo la "tessera hospitalis", cioè l'anello che veniva spezzato in due pezzi, che tenuti da due famiglie ne comprovava l'ospitatlità data o ricevuta, o la fede matrimoniale etc..
L'aspetto simbolico è qualcosa di profondo ed alto. Il simbolo  è il legame del particolare con il proprio significato generale, e il significato ( dal lat. significatus -us che vuol dire «senso, indizio» ) è l'indizio che lo relaziona con il senso profondo della nostra vita.
È il significato che parla attraverso la sua bellezza di forme, colori, ed ogni bellezza è unica, racconta della proprie particolari qualità.
La bellezza degli animali ad esempio è benefica e ci arricchisce non solo per il loro aspetto estetico delle loro forme e dei colori che riempiono l'anima di gioia ma anche perché il loro significato simbolico dà il senso alle cose,  che sono tutte connesse e in armonia.

Il Pavone: i significati simbolici di un'immagine che fa bene all'anima - 4.2 out of 5 based on 33 votes

Pinocchio, una storia americana

12 Febbraio 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Arte e Cultura

NBCBugiaLa notizia è di quelle che da questa parte dell'Atlantico restano per giorni in prima pagina, mentre in Italia avrebbe avuto un trafiletto relegato nella sezione 'spettacolo'.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston, 11 Febbraio 2015 - Di per sé si tratta di qualcosa di cui non varrebbe neppure la pena parlare - e tantomeno scrivere - se non perché, in qualche modo, può essere davvero emblematica delle abissali diversità che intercorrono tra le mentalità americana ed italiana o, forse, per meglio dire, tra quella anglosassone e quella latina.

La notizia, di oggi, è che la NBC ha di fatto buttato fuori il suo anchorman di punta, Brian Williams, per aver...detto una bugia.

Pinocchio, una storia americana - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Turner e l'arte della vendita

05 Febbraio 2015 Scritto da Paola Lo Sciuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Turner2
Come si rilanciano sul mercato un artista e l'arte nell'epoca non solo della sua riproducibilità tecnica ma anche e soprattutto di una società mediatica come la nostra? Si fa una mostra epocale in uno dei maggiori musei del mondo quale è la Tate Britain di Londra, si battono i record di case d'asta famose come la Sotheby's, e si fa un film che vince la palma d'oro a Cannes.

Stiamo parlando di Turner il film uscito da pochi giorni nelle sale cinematografiche italiane.

Turner e l'arte della vendita - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Scoperti gli unici bronzi di Michelangelo?

02 Febbraio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Michelangelo bronziDue statue di bronzo custodite dal Fitwilliam Museum di Cambridge sono state attribuite da uno studio a Michelangelo. I due muscolosi uomini nudi a cavallo di pantere alti circa un metro, noti anche come i Bronzi Rotschild, sarebbero quindi gli unici due bronzi rimasti al mondo del maestro fiorentino.

Scoperti gli unici bronzi di Michelangelo? - 5.0 out of 5 based on 2 votes

QUALE BELLEZZA per l’Arte?

12 Gennaio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

qualebellezzaDa quando nei primi anni settanta del secolo scorso in America si strutturò quello che ora conosciamo come "Art System" il sistema dell'arte, sulla falsariga dell'ormai collaudato "Star System" la fabbrica delle stelle del cinema hollywoodiano, accadde una cosa singolare: ciò di cui l'arte si era occupata per secoli fino ad allora, ossia la rappresentazione della bellezza nelle sue varie forme, improvvisamente venne dichiarato non più interessante, anzi si stabilì che fosse divenuto del tutto marginale.
Nero su bianco si scrisse pertanto che sia le capacità tecnico-manuali dell'artista, (il suo "tocco") sia l'effetto di gradevolezza, compiutezza ed armonia dell'opera nel suo insieme – ma sì, usiamola la parola giusta, la bellezza – non avevano più rilevanza per la valutazione, ma ciò che importava veramente dell'opera era la sua capacità di "generare processi di senso".
In realtà quella era comunque sempre stata una funzione assolta dall'arte, sebbene non in modo programmatico ma come naturale conseguenza della buona riuscita dell'opera. Ogni capolavoro del passato aveva infatti indotto la comunità umana alla riflessione sugli interrogativi eterni, all'osservazione attenta di ciò che viene dato per scontato, alla valutazione critica delle apparenze, alla comprensione di dinamiche complesse attraverso raffronti e contrapposizioni, in breve aveva contribuito al progredire della coscienza collettiva.

QUALE BELLEZZA per l’Arte? - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Pino Daniele: il suono dell'anima

05 Gennaio 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR Pino RIPSe lo è portato via il cuore. L'origine stessa della sua fama. Così come è stato per il suo amico Massimo Troisi. La notte scorsa è venuto a mancarci un grande della Musica. Si, con la M maiuscola. Musica che ha accompagnato molti di noi per quasi quarant'anni, spesso aiutandoci a risvegliare parti della nostra anima che non sapevamo di avere, o credevamo dimenticate. L'importanza e la bellezza della sua opera è paragonabile solo a quella di altri due grandi cantautori italiani: Battisti e Dalla. Pino Daniele se ne è andato, ma la sua musica continuerà a tenerci compagnia e a scaldarci per molto, molto tempo ancora.

Pino Daniele: il suono dell'anima - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Un progetto lungo 14 anni: ha fotografato gli alberi più belli ed antichi del mondo

03 Gennaio 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Beth Moon, una fotografa di San Francisco, ha passato gli ultimi 14 anni della sua vita a girare il mondo per documentare gli alberi più belli ed antichi del pianeta. Insuperabili opere d'arte della natura, che Beth ha trasformato in immagini mozzafiato.

ancient trees beth moon

Un progetto lungo 14 anni: ha fotografato gli alberi più belli ed antichi del mondo - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Arte e spiritualità. Quando la bellezza influenza le nostre vite

18 Dicembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CebrelliA cosa dovrebbe servire l’arte? A sviluppare la coscienza umana, a mantenere il contatto con il divino. Questo è quello che si faceva nelle botteghe rinascimentali, dove venivano trasmessi anche insegnamenti “esoterici” che consentivano di utilizzare in modo appropriato colori e archetipi: ecco perché quelle opere ancora oggi ci parlano e sono straordinarie. E’ stato questo il tema di una conferenza su “Arte e spiritualità” tenuta di recente a Torino da Ale Hesselink e Fausto Carotenuto.

Arte e spiritualità. Quando la bellezza influenza le nostre vite - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Ale Hesselink: un grande Artista é tornato nella Casa del Cielo

08 Dicembre 2014 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

aleUn grande artista non è più tra noi nella dimensione materiale. Ma il suo grande cuore, la sua grande, buona, generosa, calda presenza umana è tutto intorno ai tanti che l’hanno conosciuto, apprezzato, stimato, amato.

Un vero artista, nel senso che condividevamo: un Essere Umano  alla ricerca dello Spirito, dell’Amore, degli ideali nell’Arte, nei colori, nei suoni, nelle forme, per poterli trasmettere agli altri. Per poter far vibrare le anime di tutti in una dimensione più elevata.

Queste le caratteristiche di un vero, grande artista come Ale Hesselink. Non certo quelle connesse al successo, al mercato, all’egoismo luciferico, alle emozioni basse, all’intellettualismo deteriore della nostra epoca povera di artisti veri.

Un artista rarissimo ai nostri giorni, prezioso per il suo impegno a far crescere gli altri invece del proprio ego. Un uomo “libero”, nella più alta accezione di questo termine tanto caro al suo amatissimo Rudolf Steiner. Un artista capace di mettersi al servizio della società invece che del proprio piccolo egoismo. Capace di rinunciare ai fragili riconoscimenti di una prassi mercantile completamente deviata, per rivolgersi a quanto di meraviglioso l’Arte può fare per sciogliere i complessi nodi della psiche umana.

 

Ale Hesselink: un grande Artista é tornato nella Casa del Cielo - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Il meraviglioso discorso di Logan (13 anni) all'università del Nevada.

06 Dicembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR LoganPerchè a scuola insegnano tutto, tranne come essere felici e sani? Questo video è assolutamente da guardare. Ispirato, vero, che fa veramente pensare ad un futuro migliore e più libero per tutti. Logan La Plante, tredici anni, sale in cattedra all'università e...

Il meraviglioso discorso di Logan (13 anni) all'università del Nevada. - 4.7 out of 5 based on 3 votes

Uomini e Topi

01 Dicembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR Balasso LaboritCentinaia di migliaia di italiani non specializzati cercano lavoro in Germania. Sono quelli che parlano peggio il tedesco, irritano la gente del posto. Sono il secondo nucleo straniero in Germania. Mentre nel passato era la ristorazione il settore privilegiato, oggi si accontentano di tutto, abbassano i salari locali e ciò irrita la gente del posto. Dopo qualche mese di lavoro possono accedere alle graduatorie per le case popolari ed altri benefit dei poveri, e ciò irrita la gente del posto. Non sono i primi criminali, ma appaiono anche nelle classifiche dei criminali, per loro non si può invocare il reato di clandestinità, perché per quel tipo di confine, se noi facciamo la stessa identica cosa che fa un senegalese, non siamo clandestini.

Uomini e Topi - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Morgan se ne va, e la Democrazia si volatilizza dal palcoscenico di X Factor

19 Novembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR XfactorNella spudorata assimilazione del reale da parte dell'iperreale postmoderno, spacciato come fosse la cruda verità, un principio di simulazione è quello che ormai ci governa, al posto dell'antico principio di realtà. Le "rivoluzioni" attuali dunque, si armano tutte della rivoluzione nostalgica del reale, quando alle macchine industriali corrispondevano le macchine della coscienza, nazionali, referenziali, funzionali, storiche. Alle macchine volatili del codice, rispondono invece le macchine volatili dell'inconscio, non referenziali, transferenziali, indeterminate, fluttuanti (Jean Baudrillard, Lo scambio simbolico e la morte).

Morgan se ne va, e la Democrazia si volatilizza dal palcoscenico di X Factor - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Diritto, Politica & Società, Numero 0

11 Novembre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR Magazine Diritto Numero 0-1Siamo orgogliosi di presentare la nostra rivista specialistica di Diritto, intitolata "Diritto, Politica & Società", realizzata con la collaborazione preziosa di validi giuristi connessi a Coscienze in Rete.

Il nostro contributo alla crescita della coscienza nel delicato e devastato settore della Giustizia.

Diritto, Politica & Società, Numero 0 - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Studi scientifici: i complottisti sono più sani di mente dei convenzionalisti

31 Ottobre 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR ComplottistiRecenti studi scientifici realizzati da psicologi e sociologi statunitensi e britannici hanno chiarito che, al contrario di quanto tradizionalmente affermato dagli stereotipi diffusi dalla cultura di massa, le persone etichettate come 'teorici della cospirazione' siano più sane ed equilibrate rispetto a chi accetti supinamente le versioni ufficiali dei fatti contestati.
Lo studio più recente è stato pubblicato lo scorso 8 luglio dagli psicologi Michael J. Wood e Karen M. Douglas dell'Università del Kent (Regno Unito), ed intitolato E l'edificio 7? Studio Psicologico Sociale di Discussione Online sulle Teorie del Complotto sull'11 Settembre. Lo studio ha confrontato numerosi commenti di tipo 'cospirazionista' e 'convenzionalista' (anti-cospirazione) postati da utenti di siti di notizie online.

Studi scientifici: i complottisti sono più sani di mente dei convenzionalisti - 5.0 out of 5 based on 6 votes