Alimentazione

Austria vieta glifosato: primo paese UE che lo vieta per principio di precauzione In evidenza

05 Luglio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

L’Austria vieta glifosato: diventa il primo paese dell’Unione europea (UE) a vietare l’erbicida controverso nel nome del “principio di precauzione”.

di Agnese Tondelli

Glifosato 7 19

Austria vieta glifosato: primo paese UE che lo vieta per principio di precauzione - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Le analisi dell’Ewg: i cereali Cheerios contengono i livelli più alti di glifosato In evidenza

14 Giugno 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

“Importanti aziende alimentari come General Mills continuano a vendere cereali per la colazione per bambini e altri alimenti contaminati da livelli preoccupanti di glifosato, il principio attivo del RoudUp accusato di provocare il cancro. L’Environmental working group. l’ong americana, ha portato per la terza volta in laboratorio 94 campioni cereali: in 92 le analisi hanno evidenziato tracce di glifosato ma – ed è questo il dato più preoccupante – in 74 cereali i livelli dell’erbicida sono stati superiori a quelli che l’Ewg indica come sicuri per i bambini. I cereali con la più alta dose di glifosato sono stati gli Honey Nut Cheerios Medley Crunch di General Mills a 833 parti per miliardo, o ppb e Cheerios Toasted Whole Grain Oat Cereal con 729 ppb. La quantità di glifosato che l’Ewg ritiene sicura per i bambini è 160 ppb.

di Valentina Corvino

Cheerios Glifosato

E171, il nemico invisibile. Dove si nascondono le nanoparticelle In evidenza

12 Giugno 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Non ci facciamo caso, perché sono parte della nostra quotidianità, ma salse fluide e cremose, formaggi candidi come la neve, dolci soffici per settimane sono tutti cibi più che elaborati. Iper-tecnologici. Oggi l’industria alimentare aggiunge alla maggior parte dei prodotti una serie di coloranti, addensanti e additivi. In alcuni casi si tratta di particelle ingegnerizzate, di dimensioni minime.

di Valentina Corvino

E 171

Il British Medical Journal bandisce le pubblicità del latte artificiale

06 Maggio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Latta in plvere BMJLa rivista scientifica British Medical Journal ha deciso di bandire sulle proprie pagine, e sulle riviste associate, la pubblicità del latte artificiali per i neonati e i bambini piccoli. Ecco l'intervento del dottor Adriano Cattaneo, dell'associazione "No Grazie Pago Io".

Il British Medical Journal bandisce le pubblicità del latte artificiale - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Merendine e bevande, ‘senza zucchero’ non significa senza problemi

24 Aprile 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

bevande senza zucchero 1300x867Fanno sempre più capolino sui banconi del supermercato prodotti dolciari “senza zucchero” o “senza zuccheri aggiunti”. Forse anche in virtù degli allarmi e delle raccomandazioni dell’Oms che invitano a ridurre al 10%, meglio ancora al 5%, la quota di calorie provenienti dagli zuccheri semplici per ridurre l’obesità e quindi patologie collegate come diabete e alcuni tumori. Troviamo biscotti, prodotti dolciari vari con diciture messe in bella evidenza per attirare il consumatore – con quel “senza” – verso un prodotto che sembra avere tutta l’aria di apparire più sano rispetto al tradizionale.

Merendine e bevande, ‘senza zucchero’ non significa senza problemi - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Bisfenolo e cartoni per la pizza: esposto del Codacons a 104 Procure e Nas

23 Marzo 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Pizza BisfenoloL'associazione dei consumatori Codacons ha presentato un esposto a 104 Procure italiane per chiedere che vengano accertati gli eventuali rischi per la salute umana connessi all'utilizzo dei cartoni per consegnare le pizze che sono risultati contaminati con bisfenolo.

 

Bisfenolo e cartoni per la pizza: esposto del Codacons a 104 Procure e Nas - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Manchester, un nuovo studio conferma: una dieta sana può aiutare contro la depressione

07 Febbraio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

veggiesMedici e scienziati sapevano già che una dieta di cibo spazzatura può danneggiare la salute mentale. Ma a quanto pare non c'era stata alcuna prova del fatto che mangiare bene potesse, al contrario, aiutare...fino ad ora.

Il dott. Joseph Firth, dell'Università di Manchester , ha scoperto assieme ai suoi colleghi che "fino ad ora la ricerca non era stata in grado di stabilire definitivamente se il miglioramento della dieta potesse giovare alla salute mentale". Così hanno deciso di condurre una meta-analisi sull'ipotesi che una dieta sana influenzi i sintomi di depressione e ansia...

Manchester, un nuovo studio conferma: una dieta sana può aiutare contro la depressione - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Il formaggio crea dipendenza allo stesso modo delle droghe pesanti

23 Gennaio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Alcuni scienziati hanno scopert che il formaggio contiene una sostanza chimica che si trova anche nelle droghe che danno assuefazione.

CIR Casomorfina 1 19Il team che ha eseguito lo studio si è proposto di individuare il motivo per cui determinati alimenti creano più dipendenza di altri.

Utilizzando la scala Yale Food Addiction, progettata per misurare la dipendenza di una persona al cibo, gli scienziati hanno scoperto che il formaggio è particolarmente "potente" perché contiene caseina.

Il formaggio crea dipendenza allo stesso modo delle droghe pesanti - 3.2 out of 5 based on 5 votes

Pane, da oggi quello congelato non potrà essere venduto come fresco

19 Dicembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Stop al pane congelato spacciato per fresco: da oggi in etichetta si chiamerà “Conservato”. Entra in vigore infatti il decreto 131 del 1° ottobre 2018 – “Regolamento recante disciplina della denominazione di «panificio», di «pane fresco» e dell’adozione della dicitura «pane conservato» – con il quale vengono specificate le denominazioni a tutela del consumatore. Resta invece escluso l’obbligo di indicare l’indicazione di origine per la materia prima come chiedevano i panificatori.

di Enrico Cinotti

pane etichettura

Pane, da oggi quello congelato non potrà essere venduto come fresco - 4.0 out of 5 based on 1 vote

La locanda dei girasoli non può chiudere! Aiutiamo il ristorante dei ragazzi down

30 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Di Francesca Mancuso

locanda girasoli chiusuraLa Locanda dei Girasoli rischia di chiudere, e questa volta davvero. Non sono voci ma a lanciare una richiesta d'aiuto dalla propria pagina Facebook sono stati i lavoratori, ben 10, tutti assunti a tempo indeterminato.

Purtroppo le entrate non riescono a coprire le spese. Anche se il locale è sempre pieno il sabato e la domenica, gli altri giorni della settimana ha una scarsa affluenza, complice anche la posizione non proprio centrale e fuori mano.

Il locale si trova infatti in via dei Sulpici 117 H, nel quartiere Quadraro, a Roma. Dalla sua nascita, nel 1999, è stato un esempio di integrazione e di riscatto, nel quale un gruppo di ragazzi con disabilità ha avuto le possibilità che meritava, lavorando e mettendosi in gioco.

Eppure i prezzi sono accessibili. Per incentivare l'affluenza durante i giorni infrasettimanali, la Locanda propone anche dei menu low cost, dall'antipasto al caffè.

Un esempio di inclusione a livello internazionale

Un'iniziativa che da oltre un decennio fa parlare di se, non solo in Italia ma in tutto il mondo, offrendo una bellissima realtà basata sull'inclusione sociale e lavorativa.

Oggi alla locanda lavorano 10 ragazzi, 9 con sindrome di down e uno con autismo. Giovani che regalano cortesia e un sorriso a ogni cliente, offrendo anche un'ottima pizza.

La locanda dei girasoli non può chiudere! Aiutiamo il ristorante dei ragazzi down - 4.8 out of 5 based on 4 votes

Crocchette per gatti: presenza di acrilammide e micotossine, le marche bocciate dai test svizzeri

27 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Di Dominella Trunfio

 

cibogattiAcrilammide e micotossine nelle crocchette per gatti. È quanto denuncia la rubrica Borsa della Spesa della Svizzera italiana, che mette a confronto 15 crocchette per gatti.

Cosa c’è dentro le crocchette dei nostri gatti? A quanto pare tra le altre cose, anche sostanze chimiche in qualità eccessive. A svelarlo è un test che ha analizzato 15 tra le marche più conosciute, il risultato? 8 sono state classificate come soddisfacenti, 4 poco soddisfacenti e 3 insufficienti. La prima cosa che si nota è che tra quelle portati in laboratorio non ce n’è nessuno che eccelle.

Il creatore della patata Ogm ammette: “Ho paura degli effetti sull’uomo”

13 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Di Riccardo Quintili

patataogmTredici anni passati a sviluppare con successo la prima patata Ogm e poi una crisi di coscienza dovuta ai dubbi su quello a cui aveva dato vita.
Caius Rommens è stato direttore di ricerca della Simplot Plant Sciences dal 2000 al 2013, dopo aver abbandonato Monsanto per guidare l’équipe che sviluppava una patata geneticamente modificata che ora è venduta in 4.000 supermercati negli Stati Uniti.
Il suo progetto era realizzare un tubero geneticamente modificato per resistere alle ammaccature e agli imbrunimenti e alla peronospora, e che potesse essere usato per produrre patatine fritte meno cancerogene.
Le cose non debbono essere andate proprio secondo i suoi piani se oggi ha pubblicato il libro Pandora’s Potatoes, in cui racconta come l’entusiasmo iniziale di uno scienziato sull’ingegneria genetica si è trasformato in dubbio e poi in paura per i pericoli che la tecnologia può creare...

Il creatore della patata Ogm ammette: “Ho paura degli effetti sull’uomo” - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Lo studio: chi mangia biologico corre meno rischi di ammalarsi di cancro

26 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Di Terra Nuova

heartveggiesLe conclusioni sono state tratte da uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine e condotto su quasi settantamila persone: chi mangia biologico ha il 25% di rischio in meno di ammalarsi di cancro.

Il team dei ricercatori francesi che hanno condotto lo studio hano preso in considerazione quasi settantamila persone e hanno concluso che chi mangia alimenti biologici, quindi privi di residui chimici tossici e coltivati secondo le norme del biologico, corre un rischio del 25% inferiore di ammalarsi di cancro rispetto a chi mangia cibi convenzionali.

Lo studio: chi mangia biologico corre meno rischi di ammalarsi di cancro - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Celiachia: nuovi limiti ai rimborsi per i prodotti senza glutine

31 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

Cambiano i tetti di spesa per i prodotti senza glutine a carico dello Stato a cui hanno diritto le persone celiache. Nel decreto pubblicato in Gazzetta ufficiale ci sono nuove fasce di età e differenze per gli uomini e per le donne.
celiachia numeri

Celiachia: nuovi limiti ai rimborsi per i prodotti senza glutine - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Uva e mirtilli insieme: uno studio mostra effetti clamorosi su invecchiamento e memoria

21 Agosto 2018 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Alimentazione

CIR Mirtilli UvaAbbiamo tutti sentito dire che "una mela al giorno leva il medico di torno", ma questa nuova ricerca suggerisce che mangiare uva e mirtilli insieme può avere un effetto notevole sul cervello.

Studi del passato indicavano che supplementare la propria dieta mangiando frutta e verdure ricche di polifenoli quali uva e bacche di acai potevano aiutare a ridurre il declino fisico dovuto all'invecchiamento. Composti esclusivamente derivati dalle piante e che contengono anche tannini e flavonoidi.

Quindi per questo scopo l'assunzione individuale di questi "supercibi" è una buona opzione, ma un nuovo studio pubblicato il mese scorso da un gruppo internazionale di ricercatori dalle università di Bordeaux e Quebec, potrebbe averci fornito opzioni migliori.

 

Uva e mirtilli insieme: uno studio mostra effetti clamorosi su invecchiamento e memoria - 4.8 out of 5 based on 6 votes

“Acqua contaminata”: ritirato un lotto di San Benedetto | Quali sono le bottiglie da evitare „Bottiglie acqua contaminata con idrocarburi: ritirato un lotto di San Benedetto, l'allarme“

22 Giugno 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

“Acqua contaminata”: ritirato un lotto di San Benedetto | Quali sono le bottiglie da evitare

San benedetto“A causa della presenza di consistente di contaminanti idrocarburici, prevalenza xilene, trimetilbenzene, touelene ed etilbenzene” il ministero della Salute ha disposto il richiamo di un lotto di acqua minerale San Benedetto contaminato. Il lotto in questione, si legge in una nota del ministero, è il 23LB8137E di acqua minerale naturale a marchio 'San Benedetto' - Fonte Primavera, sorgente in comune di Popoli (PE) nel formato da 0,5 L PET Naturale, imbottigliato presso lo stabilimento Gran Guizza, con scadenza 16/11/2019.

 



 

Il glifosato è genotossico: lo studio dell'Istituto Ramazzini

18 Maggio 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

CIR glifosato genotossicoDisponibili i primi tre articoli sulla fase pilota dello studio sul glifosato che l'Istituto Ramazzini sta conducendo grazie ai finanziamenti dei soci della Onlus. I risultati appaiono chiari: gli erbicidi a base di glifosato sono capaci di alterare importanti parametri biologici, danneggiano lo sviluppo sessuale e il microbioma intestinale e mostrano genotossicità.

Il glifosato è genotossico: lo studio dell'Istituto Ramazzini - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Scandalo Fda: “Basta test sul miele, c’è troppo glifosato. Meglio non sapere”

17 Marzo 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Alimentazione

FDA GlifosatoI controlli sul glifosato spaventano. Tanto da sospendere qualunque programma di ricerca. Insomma, meglio non sapere che scoprire realtà che possono rivelarsi imbarazzanti.

È uno dei passaggi dell’intervista che Tracy Frisch ha fatto per Acres U.S.A., a Carey Gillam giornalista, ricercatore e scrittore tra i più scomodi e autorevoli degli Stati Uniti.

Gli esempi che fa Gillam sono due e stupisce che vittime del timore e della conseguente impasse siano niente meno che le due autorità pubbliche per gli alimenti degli Usa.

di Riccardo Quintili

Pagina 1 di 6