Agricoltura

Vignaiolo rischia multa e detenzione per essersi rifiutato d'inquinare il suo campo con i pesticidi

10 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Flavescenza"Un produttore di vino da agricoltura biodinamica non esegue il trattamento sistematico contro gli insetti che causano la flavescenza dorata, e ora rischia una multa di 30.000 euro e 6 mesi di reclusione. Succede in Francia, a Beaune..." Così recita il pezzo italiano che riprende una notizia pubblicata da Decanter.com e la prima domanda che è sorta spontanea è stata: questo viticoltore ha causato danni ai vigneti dei propri vicini? La risposta è no. Emmanuel Giboulot rischia una multa ingente e la detenzione senza aver causato nessun danno, anzi, per non avere eseguito i dettami di una legge che prescrive un inquinamento preventivo da insetticidi anche in mancanza di un effettivo pericolo.

Vignaiolo rischia multa e detenzione per essersi rifiutato d'inquinare il suo campo con i pesticidi - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Fuori l'agricoltura dal Wto, fuori il Wto dall'agricoltura

10 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

L'iniziativa della Coldiretti di denunciare come nel nostro paese ogni giorno entrano migliaia di prodotti stranieri che poi vengono spacciati per italiani con un'etichettatura non veritiera, non è che la punta dell'iceberg di un sistema globalizzato che si è impossessato dell'agricoltura legandola a mere logiche di mercato e impoverendo negli ultimi decenni il grande patrimonio agroalimentare di cui disponiamo. E' possibile accettare che la maggior parte del nostro cibo può divenire malsano e intossicato, oltre che non più prodotto in Italia, solo per favorire il profitto dei colossi finanziari e delle multinazionali a questi legati?

Zaccagnini1

Fuori l'agricoltura dal Wto, fuori il Wto dall'agricoltura - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Genuino Clandestino a Firenze

24 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

genuino clandestino1Firenze, 31 ottobre- 3 novembre
Nell'autunno 2009 la rivendicazione del diritto dei contadini ad autoprodurre trasformati dalle proprie materie prime porta alla campagna per i prodotti "genuini clandestini". Questo tema suscita grande interesse e nasce la rete nazionale GENUINO CLANDESTINO per consentire il confronto tra le realtà di produttori e co-produttori che praticano l'agricoltura contadina e organizzano mercati autogestiti.

Genuino Clandestino a Firenze - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Coltivare terre abbandonate

19 Settembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Terre abbandonateLa proposta di Marco Tacconi è semplice, ci sono tantissimi terreni agricoli incolti e abbandonati, perchè non sollecitare i proprietari che sono interessati a metterli a disposizione? Questi terreni potrebbero essere gestiti e utilizzati da qualsiasi persona o gruppo che voglia mantenerli produttivi. L'idea fondante è creare una rete di protezione verso aree degradate per arginare la perdita di terreni produttivi, ma anche l'incuria del proprio territorio, una delle cause principali di dissesti idrogeologici. Secondo i promotori del progetto non esistano terreni "improduttivi". Ogni spazio privato e libero ha un valore che va oltre le valutazioni economiche. Ogni terreno merita protezione e cura. Il portale terraxchange.it cerca di trovare un coltivatore per ogni spazio agricolo disponibile. Marco Tacconi ha risposto ad alcune domande.

 

Coltivare terre abbandonate - 4.7 out of 5 based on 16 votes

Il cibo non è una merce. In memoria dell'agricoltura siciliana

31 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

CiboAbbiamo abbandonato il nostro concetto di qualità per sostituirlo con dei parametri che vanno bene per le macchine e non per l'essere umano. È stato come vendere la nostra evoluzione per un piatto di lenticchie".

Il cibo non è una merce. In memoria dell'agricoltura siciliana - 1.0 out of 5 based on 1 vote

Infelici al lavoro 3 giovani su 4. È fuga in campagna.

17 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

coldirettiQuasi un'impresa agricola italiana su tre è nata negli ultimi dieci anni a dimostrazione di un profondo processo di rinnovamento che si è verificato nell'agricoltura italiana
Non c'è solo il problema della disoccupazione, più di tre giovani sotto i 40 anni su quattro (77 per cento) una volta trovato il lavoro pensano di cambiarlo perché sono scontenti. È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Swg presentata all'Assemblea nazionale della principale organizzazione agricola dove è stato aperto il primo Open Space "Mollo tutto, nuova vita in campagna" con le storie, il lavoro ed i curiosi prodotti di chi ha cambiato radicalmente vita per andare a fare l'agricoltore in campagna, realizzando il sogno di tanti italiani.

Secondo l'indagine Coldiretti/Swg, infatti, il 38 per cento dei giovani italiani oggi preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che lavorare in una multinazionale (28 per cento) o fare l'impiegato in banca (26 per cento).

Infelici al lavoro 3 giovani su 4. È fuga in campagna. - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Infelici al lavoro 3 giovani su 4. È fuga in campagna.

17 Luglio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

coldirettiQuasi un'impresa agricola italiana su tre è nata negli ultimi dieci anni a dimostrazione di un profondo processo di rinnovamento che si è verificato nell'agricoltura italiana
Non c'è solo il problema della disoccupazione, più di tre giovani sotto i 40 anni su quattro (77 per cento) una volta trovato il lavoro pensano di cambiarlo perché sono scontenti. È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Swg presentata all'Assemblea nazionale della principale organizzazione agricola dove è stato aperto il primo Open Space "Mollo tutto, nuova vita in campagna" con le storie, il lavoro ed i curiosi prodotti di chi ha cambiato radicalmente vita per andare a fare l'agricoltore in campagna, realizzando il sogno di tanti italiani.

Secondo l'indagine Coldiretti/Swg, infatti, il 38 per cento dei giovani italiani oggi preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che lavorare in una multinazionale (28 per cento) o fare l'impiegato in banca (26 per cento).

Politica Agricola Comune: la riforma lascia il tempo che trova

29 Giugno 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

PACEuroparlamento, Consiglio e Commissione europea hanno raggiunto ieri un accordo sulla riforma della Politica agricola comune (Pac). "Troppo pochi gli sforzi per un'agricoltura più verde, giovane e di piccola scala", afferma Slow Food. "Molte parole e pochi fatto per una falsa riforma che non aiuta né l'ambiente né l'economia", commentano le Associazioni del mondo ambientalista e dell'agricoltura biologica.

Regolamento europeo sulle sementi: inquinamento, OGM e brevetti

15 Maggio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

sementi commissione europeaIn merito alla nuova proposta di legge sulle sementi adottata da parte della Commissione Europea, il Coordinamento Europeo Via Campesina denuncia come le future decisioni potrebbero favorire il rischio di inquinamento dei nostri campi con le sementi brevettate da parte delle industrie alimentari.

Crescono le fattorie sociali: mix di successo fra lavoro, ambiente e solidarietà

04 Aprile 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

fattoriasocialeIn tempi di crisi, le fattorie biologiche sociali si dimostrano vincenti offrendo lavoro a persone svantaggiate ma anche a chiunque volesse fare il contadino per qualche mese, imparando un altro mestiere e rigenerandosi a contatto con la natura

Crescono le fattorie sociali: mix di successo fra lavoro, ambiente e solidarietà - 4.3 out of 5 based on 6 votes

Gli OGM avanzano in Europa. L'Italia può ancora scegliere?

27 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

ogm1La partita sull'ingresso degli organismi geneticamente modificati in Europa si sta giocando nei tribunali, più che nelle sedi democratiche, con un'accelerazione che interessa anche paesi da sempre contrari al transgenico come l'Italia. Ma esistono ancora spazi di mobilitazione contro gli OGM.


Brooklyn Grange, il più grande orto urbano del mondo è a New York

09 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Brooklyn-Grange2L'orto urbano è un modo per ritornare a coltivare in città. Si va dai vasi in balcone a pochi metri quadri dei terreni utilizzati nei quartieri fino a quello che attualmente è il più grande orto urbano del mondo: il Brooklyn Grange.

Aperto nella primavera del 2010 su un tetto di un edificio del Queens a New York, è diventato in pochi anni un centro di richiamo per tutti i newyorkesi che cercano prodotti biologici e rifornisce vari mercati e ristoranti della città.

Brooklyn Grange, il più grande orto urbano del mondo è a New York - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Ogm, il 2013 sarà un anno caldo. Il futuro Premier che farà?

14 Gennaio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Agricoltura

ogm-limone1di Roberto Burdese

In Italia alcuni agricoltori hanno annunciato l'intenzione di seminare mais MON810 (il mais transgenico della Monsanto ndr) sfidando le norme nazionali. Si rifanno a una sentenza della Corte di Giustizia europea dello scorso settembre che in realtà non ha modificato quanto già previsto dalla normativa europea e dunque non ha cambiato nulla, in Italia, su questa materia.

 

Oggi si raccolgono le olive: che gioia!

08 Novembre 2012 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Agricoltura

Il solioampollaole, prati verdissimi e olivi dalle grandi braccia carichi di frutti profumati.

Oggi la redazione di Coscienzeinrete raccoglie le olive, che poi si portano ad un frantoio a macine di pietra… Ne uscirà l’olio divino, quello che illumina con la propria intensa forza solare i nostri cibi. Pieno di elementi importantissimi e vitali, un vero e proprio balsamo per il nostro corpo. Ma non solo. Un olio così carico di Logos solare da essere l’ingrediente sacro dell’”unzione” dei grandi sacerdoti, degli antichi re, degli iniziati…

Ora l’unzione è a disposizione di tutti: basta amare la natura e gli altri e farlo con pensieri elevati, consapevoli, ed è come ungersi ed ungere di olio divino se stessi e la società.

Ma è anche bello immergersi nella natura e farlo materialmente, con le proprie mani, con amici, familiari, e una bambinetta che corre ridendo tra un albero e l’altro…

Oggi si raccolgono le olive: che gioia! - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Addio sapori antichi: L'UE mette al bando le sementi tradizionali

07 Agosto 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Addio sapori antichi1La UE mette sempre più in risalto la sua volontà di distruggere le piccole imprese, a favore delle multinazionali, e di tagliare i ponti con il mondo naturale, che sono la base per la crescita delle coscienze. Perchè mettere al bando sementi che hanno permesso ad innumerevoli generazioni di umani di nutrirsi, essere messe al bando? In nome di che? Che male fanno le associazioni che lavorano per proteggere le varietà antiche? Proteggere la biodiversità è un bene assoluto. Non per gli euroburocrati, la cui sentenza è motivata in modo talmente ridicolo, da dimostrare come ormai si sentano padroni di tutto. A questi signori oscuri, ricordiamo che il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi.  -Enrico Carotenuto

Riflessioni sull'agricoltura biologica e biodinamica: occorre un po' di humus e di umanità...

12 Luglio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Riflessioni sull agricoltura biologica2...e qualche nuovo seme, altrimenti avremo un'agricoltura bio-morta (certificata).

Riflessioni sull'agricoltura biologica e biodinamica: occorre un po' di humus e di umanità... - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Primo corso teorico pratico sui semi

07 Luglio 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

Semi1Interessantissimo corso per conoscere i semi: fondamento ed origine di tutto il nostro cibo.

Per una nuova agricoltura: volete addolcire il vostro incubo o iniziare un nuovo sogno?

02 Giugno 2012 Scritto da Redazione
Pubblicato in Agricoltura

IvoBertaina6Ivo Bertaina, presidente di AgriBio Piemonte, lancia un monito a cittadini ed agricoltori

Pagina 2 di 3