Agricoltura, ministri Ue approvano testo per fermare le pratiche sleali della Gdo

UE VS GDOI ministri dell’agricoltura europea hanno approvato misure per porre fine alle pratiche commerciali sleali (Utp), nei confronti di produttori e agricoltori. I membri della commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale (Agri), hanno infatti votato lo scorso 3 ottobre a favore della bozza di relazione che dovrà essere discussa tra poche settimane al parlamento Ue.

di Leonardo Masnata

Stop a ritardi nei pagamenti

Come riporta FoodNavigator, il testo mira a porre fine ai pagamenti in ritardo e alla cancellazione degli ordini con breve preavviso da parte delle Gdo nei confronti dei fornitori,  nonché ad ampliare l’ambito di applicazione della legge per includere tutti i soggetti dell’industria alimentare, non solo piccoli e medi -imprese di dimensioni (PMI) e grandi acquirenti. Le nuove norme vietano pagamenti effettuati oltre 30 giorni per prodotti agricoli e alimentari deperibili e oltre 60 giorni per prodotti non deperibili. Viene conteggiato dall’ultimo giorno del mese in cui è stata ricevuta la fattura o il giorno di consegna concordato. Il testo approvato dai ministri dell’agricoltura Ue vieta le cancellazioni unilaterali degli ordini per prodotti deperibili a meno di 60 giorni dalla data di consegna concordata.

Stop al sottocosto sulle spalle dei fornitori

Secondo il testo, i termini di qualsiasi contratto di fornitura non devono derivare dalla dipendenza economica del fornitore dal compratore e, se non preventivamente concordato, gli acquirenti non dovrebbero vendere prodotti al di sotto del prezzo di acquisto (vendite sottocosto) per poi chiedere al fornitore di colmare il divario. Tra le pratiche utilizzate dalla Gdo per abbattere i prezzi a danno dei prodotti ci sono le aste online a doppio ribasso, come più volte raccontato dal Salvagente. La relazione andrà ora prima di una sessione plenaria completa con tutti i deputati al Parlamento europeo. De Castro ha invitato la Commissione e il Consiglio ad agire affinché possa entrare in vigore “entro la fine dell’anno”.

De Castro: garantire equità, cibo più sano e diritti sociali

Il relatore Paolo De Castro, (Pd) ex ministro dell’agricoltura italiana, ha dichiarato: “In questa battaglia di David contro Golia, stiamo armando i più deboli nella filiera alimentare per garantire equità, cibo più sano e diritti sociali. I piccoli produttori, i lavoratori, i consumatori, tutti noi, presto smetteremo di subire le conseguenze delle pratiche commerciali sleali imposte dai grandi attori della filiera alimentare”.

I produttori esultano

Il risultato è stato accolto con favore dai responsabili di sei organizzazioni industriali: il gruppo commerciale dei produttori FoodDrinkEurope, l’associazione del biologico IFOAM EU, la lobby dell’agricoltura Copa e Cogeca, il Consiglio europeo dei giovani agricoltori, CEJA, l’associazione europea dei marchi AIM e EFFAT, la Federazione europea dei prodotti alimentari , Sindacati per il commercio agricolo e turistico.

La grande distribuzione: “caccia alle streghe”

Eurocommerce, l’associazione che rappresenta i rivenditori europei, ha tuttavia affermato che gli emendamenti al progetto di regolamento non farebbero nulla per equità nella catena di approvvigionamento. “Imponendo maggiori restrizioni ai dettaglianti e la loro capacità di fornire servizi, renderà più difficile per i rivenditori negoziare i prezzi migliori che trasmettono ai consumatori, in particolare quando negoziano con grandi fornitori. “Gli agricoltori non guadagneranno nulla dalla legislazione che consente alle grandi marche multinazionali di imporre prezzi più alti a rivenditori e consumatori”. Il dg di Eurocommerce, Verschueren, ha dichiarato che l’attuale direttiva finirebbe per rendere ancora più forti gli attori più forti del mercato e anche i player più deboli – agricoltori, PMI e consumatori – ancora più deboli: “Una caccia alle streghe nei confronti del commercio al dettaglio e all’ingrosso per riempire le tasche degli azionisti multinazionali e non fare nulla per gli agricoltori non è sicuramente ciò che dovrebbe essere questa direttiva”.

Fonte: https://ilsalvagente.it/2018/10/04/agricoltura-ministri-ue-approvano-testo-per-fermare-le-pratiche-sleali-della-gdo/41466/

Vota questo articolo
(0 Voti)